Douglas Costa: "La Juve merita la Champions"

Dopo un periodo di ambientamento, il talento brasiliano sta facendo capire perché la Juventus lo abbia scelto per dare l'assalto all'Europa. E lui vuole ricambiare la fiducia: "E' come un matrimonio", ha detto a UEFA.com.

©Getty Images

Dopo aver raggiunto la finale due volte nelle ultime tre stagioni, la Juventus riparte all'assalto della UEFA Champions League affrontando un osso duro come il Tottenham negli ottavi di finale.

TUTTO SU JUVENTUS-TOTTENHAM

Lo fa con diverse pedine importanti fuori causa per infortunio, ma con un Douglas Costa che scalpita all'idea di dare un contributo importante con la sua velocità. Prelevato in estate dal Bayern Monaco, il brasiliano ha avuto bisogno di qualche mese per adattarsi alla nuova squadra ma adesso sta facendo capire il perché la Juventus abbia puntato su di lui per fare il salto di qualità in Europa. Abbiamo parlato con Douglas Costa a pochi gioni dalla sfida di Torino con gli Spurs.

Il sogno Champions
Nessuno vuole perdere due finali. La Juventus merita di vincere la Champions League. Ecco perché daremo tutto e lotteremo sempre al massimo. Penso che ogni grande club europeo sogni di vincere la Champions League. E noi non facciamo eccezione. Lavoriamo duramente tutti i giorni per vincere le competizioni a cui partecipiamo. Siamo in Champions League e vogliamo vincerla. Vincere la Champions League sarebbe un sogno che si avvera, un sogno che inseguo da quando è iniziata la mia carriera. 

Douglas Costa abbracciato dai compagni dopo un gol
Douglas Costa abbracciato dai compagni dopo un gol©Getty Images

L'ambientamento e i tifosi della Juve
Giocare per la Juventus è qualcosa di indescrivibile, non potevo neanche immaginare l'amore che provano i tifosi per i giocatori. Sono incredibili, trasmettono la loro energia ai giocatori in campo ed è così che dovrà essere sempre. E' fantastico indossare la maglia della Juventus. Sono molto felice qui e spero di restarci per tanti anni. Monaco è più fredda, anche se accoglie benissimo i brasiliani. Ma in Italia mi sento a casa.

Le sue caratteristiche
E' difficile parlare di me stesso, ma come tutti gli altri compagni di squadra, credo di essere un giocatore importante, un giocatore con le qualità che servono alla Juventus. E' come un matrimonio, abbiamo bisogno l'uno dell'altro. Di solito non parlo troppo di me stesso, lascio parlare gli altri, i tifosi o l'allenatore. Sono loro che devono giudicarmi. Assist o gol? Mi piaccino entrambi, ma visto che gli attaccanti giocano più vicino alla porta, mi piace quando riesco a metterli in grado di segnare. 

Highlights: l'ultima sfida nella fase a gironi
Highlights: l'ultima sfida nella fase a gironi

Tottenham agli ottavi...
Il Tottenham ha tantissima qualità, sarà una bella sfida. Stanno giocando molto bene sia in Premier League che in Champions League. Sarà uno scontro tra titani, un ottavo di finale molto affascinante. Noi dovremo solo concentrarci su ciò che [Massimiliano] Allegri ci chiederà di fare in campo: giocare bene tatticamente, difenderci e ripartire bene. Questo è il nostro spirito. Così giochiamo da un po' di tempo ormai. Sia quando giochiamo in Italia che in Champions League, non ci concentriamo troppo sui giocatori che affrontiamo. Pensiamo solo al lavoro che dobbiamo fare noi come squadra.

La chiave tattica
Ci stiamo lavorando. Abbiamo migliorato la nostra tattica, non stiamo subendo molti gol… Siamo sulla strada giusta per costruire una difesa molto solida. Sarà una sfida su 180 minuti, dovremo concentrarci sul non subire gol. Quando la nostra difesa è solida, possiamo ripartire bene e segnare.

Juve cresciuta
C'erano tanti giocatori nuovi all'inizio ma adesso ci stiamo conoscendo tutti meglio. Abbiamo fatto un ottimo lavoro. Adesso inizia un'altra fase della Champions League, una fase completamente diversa da quella a gironi. Adesso la matematica non conta più, non si fanno più calcoli. Dovremo scendere in campo pensando a quello, sarà un fattore decisivo.

Il ritorno a Wembley
Sarà importante vincere la gara di andata per andare a Londra con un bel risultato in dote. Sarà una grande partita e speriamo di vincerla. Il ritorno sarà a Wembley. Ovviamente sarà speciale. Giocare in grandi stadi è il sogno di ogni giocatore. Non lo nego, sarà importante per noi e per la mia carriera.

In alto