La Roma rimonta il Benevento, Juve corsara

I Giallorossi vanno sotto contro il fanalino di coda, ma vincono 5-2 trascinati dalla doppietta di Ünder - e dal primo gol di Defrel - e salgono al 4° posto. I Bianconeri battono 2-0 la Fiorentina in trasferta con l'ex Bernardeschi e Higuaín.

©Getty Images

Roma-Benevento 5-2 (Fazio 26', Džeko 59', Cengiz Ünder 62', 75', Defrel 90'+2' su rig.; Guilherme 7', Brignola 76')
La Roma soffre, ma batte in rimonta il Benevento e sale al quarto posto in classifica. All’Olimpico, i Giallorossi vanno sotto dopo sette minuti contro il fanalino di coda della Serie A ma vincono 5-2 trascinati dalla doppietta di Cengiz Ünder e scavalcano la Lazio, restando a un punto di distanza dall’Inter.

I campani di Roberto De Zerbi iniziano la sfida alla grande. Guilherme prima non arriva sul cross di Marco D’Alessandro, poi controlla con la suola sullo scarico di Enrico Brignola e batte Alisson con la complicità della deviazione di Kostas Manolas: 1-0 per gli ospiti, sono trascorsi appena sette minuti. La squadra di Eusebio Di Francesco non ci sta, ma Christian Puggioni è bravo prima su Stephan El Shaarawy e poi su Edin Džeko.

Al 26’ la Roma trova il pareggio. Punizione dalla sinistra di Aleksandar Kolarov e stacco vincente di Federico Fazio, che non dà scampo al portiere avversario. Prima del riposo vanno alla conclusione due volte El Shaarawy e una Manolas, ma si va all’intervallo sull’1-1.

Nella ripresa Di Francesco richiama il “Faraone” e inserisce Grégoire Defrel. Nicolas Viola mette i brividi all’Olimpico su un rinvio sbagliato di Alisson, poi la Roma perfeziona la rimonta. Passaggio sbagliato di Sandro a centrocampo, Cengiz Ünder piazza un allungo micidiale sulla destra e pennella un cross perfetto per Džeko, che di testa non può sbagliare. Per l’ex attaccante del Manchester City è l’undicesimo gol in campionato.

La squadra di Di Francesco si scioglie e trova subito il tris proprio con Cengiz Ünder, che fa centro di sinistro sullo scarico di Diego Perotti. Il folletto turco arrivato dal Başakşehir e dopo il gol decisivo di Verona trova la prima doppietta italiana con uno splendido sinistro a giro.

Il Benevento di De Zerbi si toglie la soddisfazione di segnare un altro gol con Brignola, che sfrutta a dovere il cross di Cristiano Lombardi dopo la percussione di Guilherme. Ma i Giallorossi passano ancora nel recupero, con un rigore che Džeko cede a Defrel dopo il tocco con la mano dell’albanese Berat Djimsiti: l’ex attaccante del Sassuolo trasforma, è il suo primo gol con la Roma.


VENERDI' 9 FEBBRAIO

Fiorentina-Juventus 0-2 (Bernardeschi 56', Higuaín 86')
La Juventus incamera l’ottava vittoria consecutiva - sette di questi successi sono arrivati senza subire reti - e sorpassa momentaneamente il Napoli al comando della Serie A. All’Artemio Franchi, nella sentitissima sfida contro la Fiorentina, sono il gol dell’ex Federico Bernardeschi e il guizzo di Gonzalo Higuaín a firmare il blitz dei campioni d’Italia. Finisce 2-0 per i Bianconeri di Massimiliano Allegri.

Nel primo tempo i Viola di Stefano Pioli giocano meglio. Dopo un tiro di Claudio Marchisio che termina docile tra le braccia di Marco Sportiello, i padroni di casa ottengono un rigore per il tocco di mano di Giorgio Chiellini sul cross di Marco Benassi: l’arbitro però, dopo aver consultato il VAR, revoca il penalty e punisce il fuorigioco del centrocampista Viola sul tocco di Giovanni Simeone.

La Fiorentina insiste e a sette minuti dalla fine ha una grande chance per passare in vantaggio. Federico Chiesa serve in profondità Gil Dias, il portoghese supera in velocità Stephan Lichtsteiner e calcia, ma il suo destro si stampa sul palo.

Nella ripresa arriva un colpo di testa di Nikola Milenković, che termina fuori. All’11’, comunque, la Juventus sblocca il risultato: il gol lo firma l’ex Bernardeschi, fischiatissimo dal pubblico del Franchi, che va a segno su una punizione che lui stesso si era conquistato.

Gianluigi Buffon compie un grande intervento su Cyril Théréau, poi a quattro minuti dalla fine arriva il raddoppio in contropiede di Higuaín, che fa centro con il piatto destro: per il Pipita è il gol numero 14 in campionato. Il duello della Juventus con il Napoli continua. E martedì c’è l’andata della supersfida contro il Tottenham.

In alto