Cuadrado-Bernardeschi, Juve avanti

La Juventus non brilla in casa dell'Olympiacos, ma i gol di Cuadrado e del suo sostituto Bernardeschi bastano per centrare la vittoria e certificare la qualificazione.

Missione compituta. I gol di Juan Cuadrado e del suo sostituto Federico Bernardeschi - il primo per lui in UEFA Champions League - bastano alla Juve per staccare il biglietto per gli ottavi di finale senza nemmeno guardare al risultato dell'altra partita del girone.

Senza Miralem Pjanić, Massimiliano Allegri torna al collaudato 4-2-3-1 con Sami Kheidra e Blaise Matuidi a centrocampo e Cuadrado, Paulo Dybala e Douglas Costa a sostenere Gonzalo Higuaín in attacco. Marca visita anche Gianluigi Buffon, al suo posto Wojciech Szczęsny.

Paulo Dybala ha libertà di spaziare su tutto il fronte d'attacco causando più di un grattacapo alla difesa dell'Olympiacos con i suoi movimenti. La prima palla gol è proprio per l'argentino, grande movimento in area e diagonale rasoterra: Proto ci arriva e devia in corner.

Una splendida chiusura di Medhi Benatia blocca una pericolosa ripartenza dell'Olympiacos e così è la Juve a passare. Il perfetto lancio di Matuidi innesca lo scatto a sinistra di Alex Sandro, centro basso per Cuadrado che da due passi non può sbagliare.

L'Olympiacos continua con la sua tattica attendistica a la Juventus sembra in pieno controllo. Sembra, appunto, perchè all'improvviso i Bianconeri iniziano a commettere errori in serie permettendo ai padroni di casa di guadagnare fiducia e metri. Solo un ottimo intervento con il piede di Szczęsny sul colpo di testa da distanza ravvicinata di Uros Djurdjević permette alla squadra di Allegri di tornare negli spogliatoi ancora in vantaggio.

Il copione non cambia a inizio ripresa con la Juventus che continua a commettere errori in fase di possesso e l'Olympiacos che ci prova con maggiore convinzione, grazie anche all'ingresso del vivace Marko Marin. Szczęsny ancora provvidenziale in uscita sull'ex esterno della Fiorentina.

Allegri ha visto abbastanza e inserisce Pjanić al posto di un Dybala che si è spento dopo un avvio di gara promettente. Poi Daniele Rugani sostituisce l'acciaccato Andrea Barzagli. La Juve, però, trema ancora quando il colpo di testa in tuffo di Ben Nabouhane manda il pallone a stamparsi sulla traversa.

Allegri getta nella mischia anche Bernardeschi. L'ex giocatore della Fiorentina prima impegna Proto con una sassata da fuori e poi chiude la partita con un preciso diagonale che non lascia scampo al portiere belga. Non avrà brillato La Juventus di Atene, ma il primo obiettivo della stagione è in cassaforte.

In alto