Manolas e Džeko, la Roma va

Dopo il pareggio dell'esordio con l'Atlético Madrid, i Giallorossi passano 2-1 sul campo del Qarabağ e volano a quota 4 punti: decisivi i gol nel primo tempo del difensore greco e dell'attaccante bosniaco, inutile il guizzo di Pedro Henrique.

Watch the best of the action from UEFA Champions League 2017/18 matchday two
  • La Roma passa 2-1 sul campo del Qarabağ e vola a quota 4 punti nel Gruppo C
  • I Giallorossi segnano due gol nello spazio di otto minuti, con Kostas Manolas ed Edin Džeko
  • Gli azeri tornano in partita grazie alla rete realizzata da Pedro Henrique e propiziata da un errore di Maxime Gonalons
  • A Baku la squadra di Eusebio Di Francesco soffre un po' nella ripresa, ma porta a casa una vittoria che nella competizione mancava da quasi due anni [quasi sette in trasferta]
  • I prossimi impegni (18 ottobre 2017): Chelsea-Roma, Qarabağ-Atlético Madrid

La Roma soffre probabilmente più del previsto, ma porta via un successo preziosissimo dal campo del Qarabağ. Al Bakı Olimpiya Stadionu di Baku, nella seconda giornata della fase a gironi di UEFA Champions League, i Giallorossi vincono 2-1 e volano a quota 4 punti nel Gruppo C: sono i gol nel primo tempo di Kostas Manolas ed Edin Džeko a far felice Eusebio Di Francesco.

Dopo il faticoso pareggio contro l'Atlético Madrid nella gara inaugurale, la Roma affrontava questa lunga trasferta da favorita e nell'occasione il tecnico Di Francesco ha lasciato a riposo qualche big. I due gol messi a segno nei primi quindici minuti sembravano il preludio a una comoda affermazione dei Giallorossi, che invece - dopo la rete della squadra di Gurban Gurbanov - hanno sofferto un po' troppo. Sono arrivati comunque tre punti importantissimi, che hanno permesso alla Roma di ritrovare una vittoria che in UEFA Champions League le mancava da quasi due anni [quasi sette in trasferta]. 

La Roma parte forte e dopo sette minuti è già avanti. Sull’angolo battuto da Aleksandar Kolarov, Ibrahim Šehić esce e respinge il pallone, ma sui piedi di Lorenzo Pellegrini: il centrocampista crossa in area e Manolas, di testa in tuffo, mette nel sacco. I padroni di casa accusano il colpo e dopo otto minuti capitolano di nuovo.

Grégoire Defrel serve Stephan El Shaarawy, il Faraone pesca Džeko che controlla di petto, elude la marcatura di Rashad Sadygov e mette ancora, di destro, alle spalle del portiere avversario. Il portiere bosniaco del Qarabağ riesce a salvarsi su Maxime Gonalons, che svetta di testa sul corner di Pellegrini, e successivamente sul tentativo del connazionale Džeko.

Al 28’ la formazione di Gurbanov torna in partita. Gonalons esita troppo con il pallone tra i piedi e Dino Ndlovu glielo soffia, l’attaccante sudafricano serve Pedro Henrique che da due passi non lascia scampo ad Alisson. Prima dell’intervallo la Roma ha un’altra chance con Kolarov, ma Šehić riesce a opporsi in qualche modo alla punizione del difensore serbo.

Nella ripresa i Giallorossi accusano una flessione e il Qarabağ prova ad attaccare alla ricerca del pareggio. Lo spagnolo Míchel, con il sinistro, manda alto di poco, poi ci prova Pellegrini ma l’estremo difensore degli azeri si distende e devia in angolo. Di Francesco decide che è arrivato il momento di cambiare: fuori Defrel, dentro Alessandro Florenzi.

La sostituzione sembra portare benefici alla Roma, che si rende pericolosa prima con Kolarov e poi di nuovo con Džeko: Šehić è molto bravo e dice di no all’ex attaccante del Manchester City. Lascia il campo anche un Gonalons sotto tono, rimpiazzato da Daniele De Rossi, mentre nel finale Kevin Strootman prende il posto di Pellegrini.

Florenzi si accentra ma calcia troppo centrale, poi un colpo di testa di Ndlovu mette i brividi ad Alisson: il pallone termina fuori di un soffio alla destra del portiere brasiliano. Dopo tre minuti di recupero, arriva il sospirato fischio finale: la Roma vince e vola a 4 punti, in piena corsa per la qualificazione.

In alto