Higuaín 'salva' la Juve, Napoli secondo

Nel derby i Bianconeri vanno sotto, trafitti da una punizione di Ljajić , ma pareggiano nel recupero grazie al Pipita, entrato a gara iniziata. Al San Paolo i Partenopei battono 3-1 il Cagliari - doppietta di Mertens - e scavalcano per ora la Roma.

©AFP/Getty Images

Juventus-Torino 1-1 (Higuaín 90'+2'; Ljajić 52')
Dopo 33 partite, la Juventus non vince allo Stadium ma evita in extremis la sconfitta e si avvicina al sesto scudetto consecutivo. Nel derby contro il Torino, i campioni d’Italia vanno sotto a inizio ripresa trafitti da una splendida punizione di Adem Ljajić, ma pareggiano nel recupero grazie all’ennesima perla di Gonzalo Higuaín, inizialmente “risparmiato” come Gianluigi Buffon, Giorgio Chiellini, Miralem Pjanić, Claudio Marchisio e Dani Alves. 

Il primo a provarci è il Torino con Andrea Belotti, ma il tiro del “Gallo” è impreciso. La Juventus non sta a guardare e centra la traversa con Medhi Benatia, su corner di Paulo Dybala, poi Leonardo Bonucci spara alto sulla ribattuta. 

La squadra di Siniša Mihajlović non è rinunciataria, Iago Falqué ha una buona chance sul cross dalla sinistra di Cristian Molinaro, un ex, ma tira male. I Bianconeri finiscono in crescendo la prima frazione. Mario Mandžukić, al volo, manda alto di poco sul cross di Juan Cuadrado, mentre Joe Hart è formidabile prima su Stephan Lichtsteiner e poi su Dybala.

Nella ripresa, dopo sette minuti, il Toro passa. Punizione dal limite, splendida, di Ljajić e Neto non può nulla: 1-0 per i Granata. Mandžukić ha subito la chance per il pareggio ma la spreca, poi Allegri decide che è arrivato il momento di Higuaín: il Pipita prende il posto di Stefano Sturaro.

Il Toro resta in dieci per l’espulsione di Afriyie Acquah - allontanato anche Mihajlović per proteste - ma si difende con grinta e tenacia. Tomás Rincón ha un’ottima chance di testa ma la spreca, poi è Sami Khedira - liberato da Dybala - a fallire la chance dell’1-1. Entra anche Pjanić, ma Hart è attento anche su Bonucci.

Nel secondo minuto di recupero, però, arriva la perla di Higuaín, che riceve palla dal limite e con un destro rasoterra manda all’angolino: Hart è battuto, per il Pipita è il gol numero 24 in campionato. In attesa di Milan-Roma, il vantaggio dei campioni d’Italia sul Napoli scende a otto punti.

Napoli-Cagliari 3-1 (Mertens 2’, 49’, Insigne 67’; Farias 90'+2')
Il Napoli non dà scampo al Cagliari, ottiene la quarta vittoria nelle ultime cinque partite di campionato e scavalca per il momento la Roma al secondo posto in classifica. Al San Paolo, il primo anticipo della 35ª giornata finisce 3-1 per i Partenopei di Maurizio Sarri, trascinati da un grande Dries Mertens: il belga firma una doppietta e l’assist a Lorenzo Insigne per il terzo gol.

Il Napoli sblocca il risultato dopo appena due minuti. Cross dell’algerino Faouzi Ghoulam dalla sinistra, sul primo palo Mertens trova la deviazione vincente e non dà scampo a Rafael, portiere brasiliano della formazione di Massimo Rastelli: 1-0 per i padroni di casa, il talento belga va a segno proprio nel giorno del suo 30esimo compleanno.

La squadra di Sarri va più volte vicina al raddoppio. Mertens cerca di sorprendere dalla distanza il numero 1 avversario, ma manda alto; poi ci prova Simone Padoin, ma Pepe Reina blocca a terra senza troppi problemi. Il Napoli insiste, Marek Hamšík trova Insigne con una splendida verticalizzazione ma l’ex giocatore del Pescara sbaglia la misura del pallonetto.

Mertens ci prova con il destro a giro ma spedisce alto, poi capitan Hamšík cerca l’eurogol calciando, dopo aver visto Rafael fuori posizione, da metà campo: il pallone finisce alto di poco. Raúl Albiol è provvidenziale con un intervento in area su Marco Sau, dalla parte opposta prima José Callejón tira di poco a lato poi Mertens “spara” addosso a Rafael dopo un errore del polacco Bartosz Salamon.

I Partenopei trovano il raddoppio a inizio ripresa, ancora con Mertens: il belga calcia da fuori area, la deviazione del portoghese Bruno Alves non dà possibilità di intervento al portiere dei sardi. Per l’ex giocatore di Utrecht e PSV Eindhoven è il gol numero 24 in campionato.

Raúl Albiol, con un gran colpo di testa, centra la traversa, poi al 67’ arriva il tris: geniale assist di Mertens per Insigne, che di piatto destro indovina l’angolo alto alla sinistra del portiere del Cagliari. Per “Lorenzo Il Magnifico” è il gol numero 15 in campionato.

Nel recupero il brasiliano Diego Farias trova il gol della bandiera per il Cagliari. Il Napoli - che raggiunge e supera quota 100 gol in stagione - si porta a +2 sulla Roma che domenica sera giocherà a San Siro contro il Milan: il secondo posto è più che mai nei pensieri della squadra di Sarri.

In alto