Sergio Ramos fa 600 con il Real Madrid

Sergio Ramos ha tagliato il traguardo delle 600 presenze con il Real Madrid: UEFA.com gli rende omaggio.

©Getty Images

Sergio Ramos è uno dei giocatori più vincenti di sempre: quattro trionfi in UEFA Champions League, quattro nella Liga, i successi a UEFA EURO 2008 e UEFA EURO 2012 e la Coppa del Mondo FIFA 2010 sono solo alcuni fra i suoi traguardi più prestigiosi.

Eletto difensore della stagione in UEFA Champions League nel 2017 e 2018 ed inserito otto volte nella Squadra dell'Anno dei lettori di UEFA.com - l'ultima il mese scorso - il capitano del Real Madrid ha appena festeggiato le 600 presenze con le Merengues e UEFA.com ha deciso di rendergli omaggio.

Dicono di lui

"Sergio è un guerriero e un leader".
Santiago Solari, allenatore Real Madrid

"Ramos non mi sorprende. Ha una grande personalità, si fa trovare sempre pronto incoraggiando i compagni e non abbassando mai la guardia. Non molla mai".
Zinédine Zidane, ex allenatore Real Madrid

"Ci sono difensori con straordinarie qualità tecniche, altri con qualità difensive uniche - come Cannavaro - che sono bravissimi in marcatura. Altri come Baresi che dirigono la retroguardia, mentre altri che influenzano l'intera squadra con la loro forte personalità. Ma se consideriamo tutte queste caratteristiche insieme per valutare un difensore, allora Sergio Ramos è il più completo. Ha un po' di tutto: qualità tecnica, forza, personalità e leadership".
Carlo Ancelotti, ex allenatore Real Madrid

"Per me Ramos è al momento il miglior difensore del mondo. Difende bene, sa giocare in mezzo al campo e gestisce tutti gli aspetti del gioco. È un calciatore completo".
Thiago Silva, capitano Paris

"Sergio Ramos è l'avversario più difficile mai incontrato. È forte, ha esperienza ed è molto competitivo".
Luis Suárez, attaccante Barcellona

Bilancio attuale*

Nazionale: 161 presenze, 17 gol
Competizioni UEFA per club: 128 presenze, 14 gol
Competizioni nazionali: 511 presenze, 80 gol

*Ha anche disputato sei gare con il Real nella Coppa del Mondo FIFA per Club

Record personali

Spagna
• È stato il più giovane spagnolo a esordire in nazionale degli ultimi 55 anni. Il suo debutto con la Spagna è arrivato quattro giorni prima del suo 19esimo compleanno, ed è stato festeggiato con una maglia da titolare (nelle qualificazioni al Mondiale del 2006 contro la Serbia e il Montenegro).

• Con David de Gea preferito a Iker Casillas, Ramos è stato il capitano della Spagna a UEFA EURO 2016 e da allora non ha più lasciato la fascia.

Siviglia e Real Madrid
• Il suo trasferimento dal Siviglia al Real Madrid per 27 milioni di euro nel 2005, quando aveva appena 19 anni, è un record per un giovane spagnolo.

• Ramos va a segno nella Liga in 15 stagioni di fila, record per un difensore. Nel 2018/19 è andato a bersaglio già in dieci occasioni, eguagliando il suo miglior risultato per una singola stagione.

• Nell'Olimpo dei difensori ad aver segnato in due diverse finali di Coppa dei Campioni, è l'unico ad esserci riuscito nell'attuale formato. I suoi gol nelle finali di UEFA Champions League del 2014 e 2016 contro l'Atlético Madrid gli hanno permesso di raggiungere Tommy Gemmell (1967 e '70) e Phil Neal (1977 e '84).

• Col pareggio nei minuti di recupero della finale di Supercoppa UEFA del 2016 contro la squadra per la quale giocava da ragazzo, il Siviglia, Ramos ha segnato nelle finali di UEFA Champions League, Coppa del Mondo FIFA per Club e Supercoppa UEFA. Non male per un difensore.

Ciò che potresti non sapere

Ramos a UEFA EURO 2016
Ramos a UEFA EURO 2016©AFP/Getty Images

• Detiene il record negativo di espulsioni col Real Madrid avendo collezionato complessivamente ben 24 cartellini rossi fra tutte le competizioni. E' stato inoltre espulso in cinque edizioni del Clásico, un record, l'ultima delle quali in occasione del successo 3-2 del Barcellona in casa del Real ad aprile 2017.

• Ha collezionato la sua 19esima espulsione nella Liga, altro record, nello 0-0 del dicembre 2017 contro l'Athletic Club, infrandendo il precedente primato di Xavier Aguado e Pablo Alfaro.

• Ramos è anche una persona molto impegnata nella beneficenza e nel 2014 è stato nominato ambasciatore della Spagna per l'UNICEF.

• Con la passione per la body art, ha quattro tatuaggi sulle dita, ovvero i numeri 35, 32, 19 e 90+. I primi due sono i numeri che aveva al Siviglia, 19 è l'età che aveva all'esordio in nazionale, mentre 90+ rappresenta il gol segnato nei minuti di recupero contro l'Atlético nella vittoria della Décima del Real Madrid nel 2014.

• È anche un appassionato di cavalli e possiede una scuderia nella sua natia Andalusia, dove va quando vuole "staccare la spina e divertirsi". Uno dei suoi cavalli, "Silencio de Ramos", è stato recentemente proclamato campione andalusiano del 2016.

• Ha tre figli: Sergio, Marco e Alejandro.

Lui dice

Ramos con la UEFA Champions League nel 2014
Ramos con la UEFA Champions League nel 2014©Getty Images

"Mi sveglio ogni giorno con lo stesso desiderio di migliorare che avevo quando ero un bambino. Non cerco riconoscimenti. Tutto ciò che voglio è fare ogni anno sempre meglio, dimenticare ciò che ho vinto e avere nuove sfide. Andrò avanti fin quando il corpo me lo permetterà".

"Mio nonno e mio padre mi hanno sempre detto che fin quando rimane un solo secondo, c'è ancora speranza. Bisogna avere questa mentalità, e questa è sempre stata storicamente quella del nostro club".

"Per essere da esempio bisogna giocare bene, lavorare sodo e dare tutto. È necessario dare il buon esempio ai ragazzi in modo da chiedergli di fare altrettanto. Sono felice di avere la possibilità di guidare questa squadra".

"Mi sento felice se sono da esempio. Credo di aver lottato e di essermi sacrificato molto, così quando mi ritirerò potrò farlo con la coscienza pulita dopo aver vinto tutto quello che c'era da vincere in questo sport".

"Vorrei continuare a giocare [con la Spagna per molti alti anni]. Vorrei andare in Qatar [per la Coppa del Mondo 2022] con la barba grigia, se fosse necessario".

Quali obiettivi potrebbe ancora raggiungere

• La presenza numero 601 gli consentirà di affiancare Fernando Hierro e Paco Gento al quarto posto fra i giocatori più volte in campo con la maglia del Real Madrid, alle spalle di Manolo Sanchís (710), Casillas (725) e Raúl González (741). Riuscirà a raggiungere la vetta?

• Secondo nella classifica di presenze con la maglia della Spagna, è a sole sei gare di distanza dalle 167 di Casillas. A 32 anni, ha ottime possibilità di sopravanzare il suo ex compagno.

• Data la sua predisposizione al gol e quella del Real Madrid verso la UEFA Champions League, lo spagnolo potrebbe diventare il primo difensore a segnare in tre finali.

• Toccare quota 150 presenze in UEFA Champions League? Al momento è a 118

In alto