Zlatan Ibrahimović: avevo ragione io

Nella seconda parte dell'intervista con Zlatan Ibrahimović, l'attaccante parla della piazza che ha prenotato nella sua città per i tifosi, delle critiche che è riuscito a smentire e dell'ennesimo assalto alla UEFA Champions League.

In vista del suo ritorno a Malmö con il Paris Saint-Germain, Zlatan Ibrahimović spiega a UEFA.com cosa significhi affrontare il club della sua città natale e perchè sarà "un giorno da ricordare".

Nella seconda parte dell'intervista con Zlatan Ibrahimović, in vista della gara di ritorno tra Malmö e Paris Saint-Germain, l'attaccante svedese parla della piazza che ha prenotato nella sua città per i tifosi, delle critiche che è riuscito a smentire e dell'ennesimo assalto alla UEFA Champions League.

UEFA.com: hai prenotato la piazza principale della tua città per far trasmettere la partita di mercoledì. Perché?

Zlatan Ibrahimović: l'ho fatto subito dopo il sorteggio, quando ho saputo che avremmo giocato contro il Malmo. Il loro stadio è piccolo per una partita internazionale, ma se fosse stato cinque volte più grande lo avrebbero riempito lo stesso. Ci sarà un maxischermo in piazza e tutti potranno vedere la partita in diretta, ma ci saranno anche sorprese perché sarà una giornata speciale.

UEFA.com: hai partecipato all'organizzazione?

Ibrahimović: sì, a tutto. Deve essere una manifestazione personale, non una in cui si usa il mio nome solo per attirare gente. È come un regalo che ho voluto fare. Ho prenotato la piazza e organizzato tutto il resto. Tutto quello che accadrà durante la giornata (e lasciatemelo dire, accadranno molte cose) è organizzato da me, anche se ovviamente mi hanno aiutato. Ecco perché sarà speciale.

UEFA.com: sono passati 14 anni da quando hai lasciato il Malmö. Com'è adesso il tuo rapporto con il club e i tifosi?

Ibrahimović: bellissimo. Ho un rapporto speciale con la società e siamo sempre in contatto. Parliamo del futuro, del presente e di tutto il resto. A volte mi chiedono consigli e cerco di aiutarli più che posso raccontando le mie esperienze. È la squadra dove ho iniziato e vorrei vederla al top: per adesso in Scandinavia è così. Farò qualsiasi cosa per il club e i tifosi, perché mi fanno sentire sempre il benvenuto. Non siamo riusciti spesso a portare la nazionale a Malmö, perché di solito gioca a Stoccolma, ma quelle poche volte che siamo venuti è stato bellissimo.

UEFA.com: parliamo del film Blådårar, che ovviamente conosci. C'è una scena in cui sei seduto in treno e dici che diventarai professionista. Te la ricordi? Puoi raccontarci qualcosa?

Ibrahimović: ricordo che ero più giovane e avevo ambizioni, sogni, visioni: più visioni che sogni, direi. Sapevo quel che volevo, anche se ero un ragazzino. Come ho detto [nella prima parte dell'intervista], dovevo fare una scelta: o prendere il calcio sul serio, oppure sprecare il mio tempo. Ho deciso di prenderlo sul serio, ho visto una possibilità e l'ho colta. Tutto quello che è accaduto finora, sapevo che sarebbe accaduto, perché l'avevo previsto. Molti hanno detto che ero uno sfacciato, una diva. Le risposte sono arrivate, anche se ci sono voluti 14 anni per arrivare dove sono, ma ora sono seduto qui e significa che avevo ragione. Bisognava ascoltarmi e bisogna essere contenti, perché non so se accadrà di nuovo.

UEFA.com: il PSG è attualmente secondo nel Gruppo A. Personalmente, come pensi di aver giocato finora?

Ibrahimović: è una bella domanda. Credo di aver giocato bene. Mi sono infortunato subito prima della partita contro il Malmö. Era la mia prima partita dopo l'infortunio, ma è andata bene. Abbiamo vinto 2-0, poi abbiamo battuto lo Shakhtar Donetsk 3-0. La nostra gara migliore è stata quella contro il Real Madrid, soprattutto per me. Non ho ancora segnato in Champions League, ma manca ancora la seconda partita contro il Malmö. I gol arriveranno e non mi preoccupo.

UEFA.com: ad oggi hai giocato 116 volte in UEFA Champions League. Quanto è speciale questa competizione per te?

Ibrahimović: è il torneo in cui ci sono i migliori giocatori, ma a vincerlo non sono sempre i migliori. Capisci la Champions League solo dopo averci giocato. L'inno, l'atmosfera e tutto il resto; i migliori giocatori d'Europa, il pallone e tutto quello che ti circonda: è una sensazione molto speciale.

©AFP/Getty Images

UEFA.com: pensi che il PSG sia in grado di vincerla?

Ibrahimović: siamo migliorati molto rispetto all'anno scorso, quindi abbiamo una possibilità. Non significa che vinceremo, ma abbiamo le potenzialità per arrivare lontano. Come ho detto prima, non è sempre la squadra più forte a vincere, ma vedremo.

UEFA.com: quanto ti ispira la voglia di vincere la UEFA Champions League?

Ibrahimović: finora non ci sono riuscito, come sanno tutti, ma cercheremo di fare tutto il possibile. Se non la vinciamo non rimarrò deluso: vada come vada.

UEFA.com: recentemente sei diventato il capocannoniere di tutti i tempi del Paris Saint-Germain: che posto ha questo record fra i tuoi traguardi?

Ibrahimović: è sempre bello battere un record, soprattutto se pensiamo che non sono qui da molto. Forse è un record anche questo, perché non sono mai stato in una squadra per quattro stagioni consecutive: è divertente. Devi alzare l'asticella il più possibile e se riesci a entrare negli almanacchi è ancora meglio. Naturalmente vuoi sempre essere ricordato per quello che hai fatto in campo. Questo è uno dei record che ho, come molti altri, ma un giorno qualcun altro lo batterà. L'importante è batterli almeno una volta, perché sono momenti bellissimi.

In alto