Xavi si ritira: come verrà ricordato?

Xavi Hernández mette fine alla sua carriera lunga, e UEFA.com riporta i pensieri degli amanti del calcio sul metronomo del centrocampo.

©Getty Images

Quattro volte vincitore della UEFA Champions League, Xavi Hernández mette fine alla sua carriera dopo quattro anni trascorsi in Qatar nell'Al-Sadd. UEFA.com riporta i pensieri di alcune delle più importanti figure calcistiche - suo padre, colleghi, avversari e ammiratori - sul metronomo del centrocampo.

"Ha vissuto il calcio con grande passione fin da quando era piccolo. E' un autentico professore di calcio. Guarda le partite, legge di calcio, segue molte squadre, gli avversari e tutto in generale. Vive e respira calcio".
Joaquim Hernández, padre di Xavi

"Ho finito i complimenti per lui. Non c'è nessuno che possa reggere il confronto con quello che rappresenta come persona e giocatore. Le sue statistiche, la sua longevità, le emozioni che suscita, il suo modo di fare le cose non si possono spiegare a parole. E' un giocatore unico, ed è stato fondamentale per il suo club e per la Spagna. E' un vero piacere, un privilegio aver giocato con lui per tutta la mia carriera".
Andrés Iniesta, ex centrocampista Barcellona

"Se Xavi ha una giornata no il Barcellona non gioca bene nemmeno la metà. E' uno di quelli che domina il ritmo del gioco. Il suo modo di giocare permette alla squadra di girare. E' diverso".
Johan Cruyff, ex giocatore e allenatore Barcellona

"Sarà molto difficile sostituirlo. Non solo per la sua importanza in campo, è anche molto rispettato negli spogliatoi. Quando non gioca guarda calcio tutto il tempo. Diventerà un allenatore, ne sono certo".
Josep Guardiola, ex giocatore e allenatore Barcellona

"Xavi è il migliore, lo amo, è eccelso. La ragione per cui seguo il Barça è soprattutto Xavi".
Pelé, leggenda Brasile

"Xavi è un altro giocatore monumentale per il Barcellona, come lo è stato Carles Puyol. E' un giocatore emblematico. Ha giocato a un livello che è andato oltre le aspettative fin da quando era giovanissimo. Merita un tributo come nessuno".
Éric
Abidal, ex giocatore Barcellona

"Il problema non è stato tanto Messi. Erano più Iniesta e Xavi. Possono tenere palla tutta notte".
Sir Alex Ferguson, dopo la vittoria del Barcellona sul suo Manchester United FC per 3-1 nella finale 2011 di UEFA Champions League

©Getty Images

"Mentre noi viviamo nel presente, Xavi vive nel futuro. Pensa più in fretta di tutti e rende tutto molto più facile".
Daniel Alves, ex giocatore Barcellona

"La gente ogni anno mi chiede quale giocatore toglierei al Barcellona per aumentare le nostre chance di vittoria. E ogni anno scelgo sempre lui: Xavi. Il suo controllo e il suo uso della palla lo rendono il giocatore migliore".
Iker Casillas, ex giocatore Real Madrid

"Xavi è stato fondamentale per lo stile della Spagna e per i successi arrivati. Ci ha aiutati a definire il nostro stile. Siamo tutti d'accordo sul fatto che Xavi sia importante per noi, anche più dell'allenatore. E' un giocatore per il quale provo molto affetto personale, ma anche affetto in termini calcistici. Xavi lascia un vuoto, ma - cosa più importante - lascia anche una eredità".
Vicente del Bosque, ex allenatore Real Madrid e Spagna

In alto