Quando la rivincita è dolce

Con le squadre che si incontrano per la seconda volta nel giro di poche settimane, UEFA.com scopre che in molti si sono vendicati sportivamente dopo le batoste della terza giornata.

Sei squadre hanno subito sonore sconfitte alla terza giornata, ma la storia insegna che la tendenza potrebbe invertirsi nella Giornata 4.

Dopo le pesanti sconfitte nella terza giornata di UEFA Champions League, Manchester City, PSV Eindhoven, Legia Warszawa e Ludogorets Razgrad si fanno coraggio guardando alle altre 14 squadre che hanno perso con tre o più gol di scarto. UEFA.com analizza le rivincite più belle della quarta giornata della fase a gironi.

Terza giornata: Chelsea -Maribor 6-0
Quarta giornata: Maribor - Chelsea 1-1
2014/15 fase a gironi 
Nella fase a giorni per la prima volta in 15 anni, il Maribor pareggia contro Sporting e Schalke nelle prime due sfide del Gruppo G – ma subisce una pesante sconfitta a Stamford Bridge alla terza giornata. Il primo gol di Didier Drogba con il Chelsea dopo la finale del 2012 contribuisce al più ampio successo della squadra londinese in UEFA Champions League, ma l'allenatore del Maribor Ante Šimundža non si perde d'animo, dichiarando: "Forse nella gara che giocheremo in casa avermo qualche possibilità in più e inizieremo a crederci. So che possiamo essere una squadra migliore". E infatti la sua squadra riesce a ottenere un pareggio per 1-1 in Slovenia, grazie al rigore trasformato nel finale da Jasmin Handanovič dopo il vantaggio firmato Eden Hazard.

Terza giornata: Arsenal FC 5-1 FC Shakhtar Donetsk
Quarta giornata: FC Shakhtar Donetsk 2-1 Arsenal FC
2010/11 fase a gironi

"Spero che al ritorno la mia squadra sarà più coraggiosa e sicura di sé", aveva detto il tecnico dello Shakhtar, Mircea Lucescu, dopo la disfatta in casa dei Gunners - il gol dell'ex di Eduardo al suo ritorno all'Arsenal è l'unica consolazione per i Pitmen. Al ritorno, lo Shakhtar va sotto a Donetsk dopo appena dieci minuti per mano di Theo Walcott, ma la deviazione vincente di Dmytro Chygrynskiy e la rete di Eduardo permettono di fare un grosso passo avanti verso gli ottavi per la prima volta nella storia del club. "Prima della partita ho detto alla squadra che il risultato di Londra non aveva alcuna importanza, e in effetti è andata proprio così", ha raccontato un soddisfatto Lucescu.

Terza giornata: Chelsea FC 4-0 Real Betis Balompié
Quarta giornata: Real Betis Balompié 1-0 Chelsea FC
2005/06 fase a gironi

Dani dopo la rete al Chelsea
Dani dopo la rete al Chelsea©Getty Images

Gli spagnoli sono stati puniti per non avere concretizzato tante azioni da gol contro la squadra di José Mourinho a Londra. Sconfitta che non ha intaccato minimamente la mentalità e lo spirito del tecnico del Betis, Llorenç Serra Ferrer. "Nel calcio non vincono sempre i migliori - ha detto prima della rivincita -. In questo sport, spesso vince chi ha più fame, non importa cosa è successo prima". Entrato a partita in corso, Dani supera il difensore del Chelsea, William Gallas, prima di concludere con un tiro che non lascia scampo a Petr Čech, interrompendo così il record di imbattibilità dei Blues nella fase a gironi.

Terza giornata: AS Monaco FC 5-0 SK Sturm Graz
Quarta giornata: SK Sturm Graz 2-0 AS Monaco FC
2000/01 fase a gironi

Basta un tempo a Marco Simone per mettere a segno una tripletta con la maglia dei campioni di Francia contro lo Sturm Graz allo stadio Louis II, per dimenticare le due sconfitte iniziali nella fase a gironi. "Il risultato porta un po' di tranquillità alla squadra e lascia aperta la porta alla qualificazione", ha dichiarato il tecnico del Monaco, Claude Puel. Probabilmente troppa tranquillità. Il centrocampista Markus Schopp, infatti, al ritorno segna da distanza ravvicinata dopo 40 minuti, sfruttando un errore del portiere Stéphane Porato, prima di raddoppiare a due minuti dalla fine.

Terza giornata: Rosenborg BK 6-1 Helsingborgs IF
Quarta giornata: Helsingborgs IF 2-0 Rosenborg BK
2000/01 fase a gironi

All'andata, Frode Johnsen mette a segno una tripletta con la maglia dei campioni della Norvegia, annichilendo gli avversari svedesi a Trondheim. Anche Roar Strand va in rete due volte prima dell'autogol di Stig Johansen. I campioni della Svezia fanno il gol della bandiera con Rade Prica, ma i 'Di Röe' (i Rossi) si vogliono vendicare della disfatta in Norvegia, e conquistare i primi tre punti nella fase a gironi. Al ritorno Jesper Jansson e l'attaccante brasiliano Álvaro, fanno un gol per tempo e l'Helsingborgs IF batte 2-0 il Rosenborg, costretto in dieci per l'espulsione del capitano Erik Hoftun.

Terza giornata: FC Dynamo Kyiv 4-0 RSC Anderlecht
Quarta giornata: RSC Anderlecht 4-2 FC Dynamo Kyiv
2000/01 fase a gironi

Dopo aver perso 5-1 in casa del Manchester United FC alla prima giornata, l'Anderlecht riceve un'altra lezione in Ucraina dove perde 4-0. Le due reti di Georgi Demetradze negli ultimi due minuti della partita, rendono il passivo troppo severo. Al ritorno, la Dynamo passa subito in vantaggio con Kakha Kaladze, ma l'ira dei belgi non tarda ad arrivare. L'autogol di Vladyslav Vaschuk porta in pari il risultato, prima della doppietta di Tomasz Radzinski, seguita dalla rete di Alin Stoica sul finire del primo tempo. Valentin Belkevich accorcia il passivo, ma è ormai troppo tardi, l'Anderlecht vince per 4-2 contro la Dynamo.

Terza giornata: FC Bayern München  5-1 Paris Saint-Germain
Quarta giornata: Paris Saint-Germain 3-1 FC Bayern München
1997/98 fase a gironi

Il Paris esulta dopo una rete contro il Bayern
Il Paris esulta dopo una rete contro il Bayern©Getty Images

Due reti a testa di Giovane Elber e Carsten Jancker, una del capitano Thomas Helmer, infliggono una sconfitta difficile da dimenticare per i francesi che segnano la rete della bandiera con Marco Simone. Al ritorno, Markus Babbel pareggia il vantaggio iniziale di Franck Gava. Adesso l'inerzia è dalla parte dei francesi che vanno a segno con Florian Maurice e col subentrato Jérôme Leroy. I ragazzi di Ricardo Gomes vincono così 3-1 e si prendono la meritata rivincita.

In alto