Gazzaev sulle orme paterne

Figlio di un tecnico vincitore della Coppa UEFA, Vladimir Gazzaev sogna di seguire le orme paterne sulla panchina dell'Aktobe, che mercoledì ospiterà lo Steaua Bucarest.

Il tecnico dell'Aktobe Vladimir Gazzaev riceve i complimenti da quello della Dinamo Tbilisi Michal Bílek
Il tecnico dell'Aktobe Vladimir Gazzaev riceve i complimenti da quello della Dinamo Tbilisi Michal Bílek ©Yuri Tarasenko

L’FC Aktobe è atteso da una sfida molto dura per passare il terzo turno di qualificazione di UEFA Champions League. Ad attendere i kazaki, infatti, ci saranno i campioni d’Europa del 1986: l’FC Steaua Bucureşti. A guidare la squadra dalla panchina ci sarà però un tecnico molto ambizioso che punta al raggiungimento della fase a gironi.

Vladimir Gazzaev, figlio di Valeri Gazzaev, ex tecnico di nazionale russa,  CSKA Moskva e FC Dynamo Kyiv, prosegue il lavoro del padre, essendo stato nominato allenatore della squadra il 10 luglio. Il giovane tecnico, appena 34enne, ha subito messo in mostra competenza e voglia di vincere, battendo l’FC Dinamo Tbilisi nella seconda apparizione sulla panchina dei kazaki nell’andata del secondo turno di qualificazione di UEFA Champions League.

“Trovo sia molto difficile cambiare qualcosa in così poco tempo. Non conosco al meglio le caratteristiche di tutti i giocatori, anche se con alcuni di loro avevo già lavorato – racconta il tecnico che ha sostituito Vladimir Nikitenko -. Sono grato alla squadra per l’impegno ed il coraggio mostrato contro la Dinamo. Anche se abbiamo vinto in casa con un margine rassicurante [3-0], ma le cose non sono state comunque facili".

Gazzaev Sr
Gazzaev Sr©Getty Images

Un successo sullo Steaua - che arriva favorito al doppio confronto - garantirebbe all'Aktobe la certezza di un posto nella fase a gironi di UEFA Europa League. “Prima di ogni partita si parte tutti alla pari – spiega Gazzaev -. Solamente dopo potremo sapere chi va avanti. Ho letto i giornali del Kazakistan e so che i rumeni partono con i favori del pronostico, ma il pallone è rotondo. Stiamo studiando gli avversari e speriamo di mettere in atto tutto ciò che stiamo preparando”.

Il successo dipenderà in gran parte dalla tenuta della linea arretrata. La difesa della capolista del campionato kazako ha concesso solo 17 gol in 21 incontri, ma la disfatta 7-1 contro l'FC Kairat Almaty del 6 luglio è costata la panchina a Nikitenko. Gazzaev dovrà valorizzare i punti di forza e colmare le lacune della squadra, ma la vera prova di maturità sarà mercoledì contro lo Steaua.

“Lo Steaua ha una squadra molto equilibrata, ma sono gli attaccanti Cristian Tănase, Adrian Popa e Alexandru Chipciu a fare la differenza. Affronteremo una squadra molto forte, lo sappiamo tutti e faremo il possibile [per passare il turno]”.

In alto