Rabiot e i suoi fratelli: l'accento francese della Juventus

Dopo il passaggio di Adrien Rabiot alla Juventus, UEFA.com ripercorre la carriera di sei campioni francesi che hanno brillato in passato con il club bianconero.

©AFP/Getty Images

Nella giornata di lunedì, Adrien Rabiot è diventato ufficialmente il ventunesimo giocatore francese a vestire la maglia della Juventus. L’ex centrocampista del Paris Saint-Germain è solo l'ultimo di una lunga lista di calciatori che hanno valicato le Alpi per indossare la casacca della "Vecchia Signora".

Tra i Bianconeri e il calcio francese, l’idillio nasce nel 1911, quando l’attaccante Arthur Meille si trasferisce a Torino, ma il legame tra il club ed i cugini transalpini si è consolidato con il passare dei decenni. L’arrivo di Rabiot due anni dopo quello di Blaise Matuidi non fa che rafforzare questa tradizione ultracentenaria.

UEFA.com ripercorre la carriera di sei stelle francesi che hanno fatto brillare la Juventus nel passato.

©Getty Images
©Getty Images

Michel Platini (1982-87)

Soprannominato 'Le Roi' il talentuoso fantasista ha vinto il Pallone d'Oro tre volte durante la sua esperienza con la casacca della Juventus, aiutando il club a conquistare una Coppa delle Coppe UEFA, una Supercoppa UEFA, una Coppa dei Campioni ed una Coppa Intercontinentale. "Le mie stagioni migliori le ho passate alla Juve - ha raccontato Platini -. Juventus significa storia, una storia fatta di momenti indimenticabili".

Didier Deschamps (1994-99)

Centrocampista di rottura dai sette polmoni, Deschamps è stato una delle stelle assolute della Juve di Marcello Lippi. Con la maglia bianconera ha vinto la UEFA Champions League nel 1996, una Supercoppa UEFA, una Coppa Intercontinentale e tre Scudetti. L’attuale Ct della Francia ha guidato i Bianconeri dalla panchina nella stagione 2006/2007, riportando immediatamente la Juve in Serie A, dopo un solo anno in serie cadetta. "Lo spirito guerriero di quella squadra [negli anni novanta] era incredibile; ogni volta che indossavamo quella maglietta, l'unico obiettivo che contava era vincere".

©Bongarts

Zinédine Zidane (1996-2001)

Altro gioiello dell'era Lippi, 'Zizou' ha ereditato lo scettro di Platini alla Juve. Regista dotato di tecnica sopraffina ma anche di una grande forza fisica, ha lasciato la Juventus solo per passare al Real Madrid. Vincitore del Pallone d’Oro nel 1998, Zidane ha dichiarato: "Una volta che indossi questa maglia, diventi juventino per sempre. La mia mentalità vincente arriva da Torino". Una mentalità che non ha abbandonato il francese nemmeno nella sua carriera da allenatore, che lo ha già portato a vincere due volte la UEFA Champions League (la seconda battendo in finale a Cardiff proprio i Bianconeri).

©Getty Images

David Trezeguet (2000-2010)

Giocatore straniero più prolifico nella storia della Juventus con 171 gol fra tutte le competizioni, Trezeguet è considerato una delle leggende bianconere grazie al suo incomparabile istinto predatorio. Centravanti dal sangue freddo e quasi imbattibile sulle palle alte, è stato il fulcro dell’attacco juventino per un decennio, terrorizzando le difese d’Italia e di tutta Europa. Il francese ha dichiarato: "Quando giochi in questa squadra, sai che il secondo o il terzo posto non contano niente: conta solo la vittoria".

©Getty Images

Lilian Thuram (2001-2006)

Difensore elegante quanto efficace, Thuram è stato una delle colonne della Juventus di Lippi e di Fabio Capello. La coppia da lui formata con Fabio Cannavaro, ex compagno al Parma, verrà per sempre ricordata con nostalgia dai tifosi. Recentemente l'ex nazionale francese ha dichiarato: "Ho avuto la fortuna di giocare in una squadra in cui non servivano parole. Nello spogliatoio c'era gente come Pessotto, Conte, Ferrara. Entravi lì dentro e se non eri proprio stupido diventavi già della Juve".

©AFP/Getty Images

Paul Pogba (2012-2016)

Lasciato il Manchester United nel 2012, quando era ancora un ragazzo, Pogba ha fatto ritorno ai Red Devils nel 2016 ormai diventato uomo. Nel mezzo il quadriennio della maturazione e della consacrazione, svoltosi all'ombra della Mole coi colori bianconeri. Fisico, tecnica, senso dell'inserimento e vizio del gol rendono il francese la quintessenza del centrocampista moderno. Antonio Conte, prima e Massimiliano Allegri, dopo, hanno contribuito a forgiarne il carattere. "A livello professionale, la Juve è stata il club più importante della mia carriera", ha dichiarato dopo il ritorno in Inghilterra.

TUTTI I CALCIATORI FRANCESI DELLA JUVENTUS

Arthur Meille (1911-1912)
Néstor Combin (1964-1965)
Michel Platini (1982-1987)
Didier Deschamps (1994-1999)
Zinédine Zidane (1996-2001)
Jocelyn Blanchard (1998-1999)
Thierry Henry (1998-2000)
David Trezeguet (2000-2010)
Vincent Pericard (2001-2002)
Lilian Thuram (2001-2006)
Olivier Kapo (2004-2005)
Jonathan Zebina (2004-2010)
Patrick Vieira (2005-2006)
Jean-Alain Boumsong (2006-2008)
Armand Traoré (2010-2011)
Nicholas Anelka (2012-2013)
Paul Pogba (2012-2016)
Kingsley Coman (2014-2016)
Patrice Evra (2014-2017)
Blaise Matuidi (2017-)
Adrien Rabiot (2019 -)

In alto