La storia finora: Manchester United FC

Per la prima volta senza Sir Alex Ferguson, il Manchester United di David Moyes continua ad affermare il suo potere in Europa, pur faticando nel campionato inglese.

©AFP/Getty Images

Per la prima volta dal 1984/85 senza Sir Alex Ferguson sulla panchina nella competizione continentale, il Manchester United FC guidato da David Moyes non ha smesso di stupire nella fase a gironi di UEFA Champions League, ma ha decisamente faticato in Premier League.

Nonostante abbia dimostrato meno fluidità e fiducia rispetto alla scorsa stagione, il talento e l'esperienza nella squadra hanno assicurato ai Red Devils il primato nel Gruppo A. La squadra inglese non ha subito reti nelle ultime quattro partite nel girone.

La storia finora
Espugnato più volte in Premier League, Old Trafford si è rivelato una roccaforte impenetrabile in campo europeo. Se davanti al proprio pubblico lo United ha sempre vinto, fuori casa ha fatto registrare due pareggi e una vittoria.

Il Bayer 04 Leverkusen ha iniziato la sua avventura europea a Old Trafford, dove è stata castigato 4-2 dalla formazione inglese trascinata dalla doppietta di Wayne Rooney. Dopo il pareggio per 1-1 contro l'FC Shakhtar Donetsk, i ragazzi di Moyes hanno totalizzato quattro punti nella doppia sfida contro la Real Sociedad de Fútbol, e travolto 5-0 i tedeschi alla penultima giornata. Il successo della sesta giornata è valso ai Red Devils la qualificazione come vincitrice del girone.

Momento chiave
C'erano tre squadre in corsa per la qualificazione prima della trasferta dello United contro il Leverkusen alla quinta giornata. Alla BayArena lo United ha riaffermato il suo potere a livello europeo e ha fatto registrare la vittoria esterna più ampia di sempre nella fase a gironi. "Questa è sicuramente la nostra prestazione migliore della stagione - ha commentato Moyes -. Giocare in trasferta e segnare cinque gol è davvero speciale".

Giocatore chiave
Due gol in cinque partite potrebbero non sembrare un bottino esaltante per un giocatore considerato tra gli attacccanti più forti in Europa, in realtà il contributo di Rooney è stato prezioso e fondamentale. L'attaccante inglese ha fornito sei assist, più di qualsiasi altro giocatore nella fase a gironi. "Potrebbe diventare uno dei più grandi di sempre qui", ha commentato Moyes.

Phil Jones esulta alla sesta giornata
Phil Jones esulta alla sesta giornata©Getty Images

Astro nascente
Anche se in futuro potrebbe essere schierato al centro della difesa, Moyes sta impiegando Phil Jones come centrocampista difensivo. L'energia e l'entusiasmo del 21enne sono stati un valore aggiunto per lo United sia in fase difensiva che offensiva. Alla sesta giornata è stato ricompensato delle sue prestazioni con il gol-vittoria contro lo Shakhtar. Per Jones, che continua a crescere e migliorare, si prospetta un futuro roseo a Manchester.  

Numero
A 20 anni dal suo debutto nella competizione, Ryan Giggs ha collezionato alla seconda giornata la sua 145esima presenza in UEFA Champions League, infrangendo il record detenuto da Raúl González. Giggs, entrato in estate nello staff tecnico del club, continua a stupire sul campo nonostante i 40 anni già compiuti. "Giggs ha dimostrato di essere ancora al top. E' un giocatore fantastico - ha detto Rubén Pardo della Real Sociedad a fine gara -. Per me è una stella assoluta". 

Dichiarazione
"Non vedo l'ora di giocare la Champions League, l'ho sempre desiderato. Ho fatto tutto il possibile con l'Everton perchè accadesse. Ora inizio una nuova avventura con il Manchester United e farò il possibile per riuscire a vincerla".
David Moyes sull'opportunità di partecipare alla UEFA Champions League.

In alto