UEFA Champions League, classiche della sesta giornata

In vista dell'ultima giornata della fase a gironi di UEFA Champions League, UEFA.com ripropone alcune sfide memorabili giocate alla sesta giornata delle passate edizioni del torneo.

Roma 0-2 Manchester City, 10 dicembre 2014
Con il Bayern München già qualificato, Roma, Manchester City e CSKA Moskva arrivano tutte a pari punti all'ultima giornata e alla disperata ricerca di un pass per gli ottavi di finale. Al City, che deve necessariamente sperare in un passo falso del CSKA, serve una vittoria. E così è stato: il CSKA è crollato 3-0 in Germania mentre il City ha superato la fase a gironi grazie alla vittoria sui Giallorossi propiziata dai gol di Pablo Zabaleta e Samir Nasri. 

FC Basel 1893 - Manchester United FC 2-1, 7 dicembre 2011
Vice campione la stagione precedente, lo United cade al primo ostacolo nel 2011/12. La formazione di Old Trafford ha bisogno di un punto per superare il Gruppo C ma trova in Xherdan Shaqiri una spina nel fianco. Il trequartista offre a Marco Streller l'assist del gol del vantaggio e a Alexander Frei il pallone del raddoppio, di testa, a sei minuti dalla fine. Phil Jones accorcia le distanze, ma la formazione elvetica difende il vantaggio in un finale emozionante e supera la fase a gironi per la prima volta dal 2002/03.

Juventus - FC Bayern München 1-4, 8 dicembre 2009
Il Bayern finirà la stagione sfidando nella finale di Madrid un'altra squadra italiana, ma per poco non viene dirottato in UEFA Europa League. Terzi in classifica prima del calcio d'inizio, i bavaresi sembrano destinati ai sedicesimi del secondo torneo continentale quando David Trezeguet porta in vantaggio La Vecchia Signora al 19'. Il portiere del Bayern Hans-Jörg Butt pareggia dal dischetto e a inizio ripresa Ivica Olić ribalta il risultato. Mario Gomez e Anatoliy Tymoshchuk mettono al sicuro il risultato condannando i bianconeri all'eliminazione e alla sconfitta europea in casa più pesante (a pari merito).

FC Barcelona - FC Shakhtar Donetsk 2-3, 9 dicembre 2008 

Lo Shakhtar approfitta di un Barcellona giovane e rimaneggiato per ottenere un risultato storico, seppure senza conseguenze per il club catalano. Una doppietta di Olexandr Gladkiy e la rete di Fernandinho vanificano il tentativo di rimonta nel secondo tempo dei vincitori del Gruppo C, a segno con Sylvinho e Sergio Busquets. Gli ucraini avevano travolto 5-0 due settimane prima il Basilea. La vittoria qualifica gli ucraini alla fase a eliminazione diretta della 38esima e ultima Coppa UEFA, torneo che avrebbe poi vinto grazie a un gol ai supplementari di Jadson contro l'SV Werder Bremen a Istanbul.

SL Benfica - Manchester United FC 2-1, 7 dicembre 2005
Le reti di Geovanni e Beto stendono lo United e consentono al Benfica di raggiungere la fase a eliminazione diretta della UEFA Champions League per la prima volta dal 1994/95. Il risultato comporta anche il mancato superamento della fase a gironi dei Red Devils, avanti con Paul Scholes, per la prima volta dopo dieci anni. Ultimo del Gruppo D, lo United è fuori anche dalla Coppa UEFA.

Liverpool FC - Olympiacos CFP 3-1, 8 dicembre 2004 

Il Liverpool, che avrebbe rimontato tre gol prima di vincere la finale di Istanbul ai calci di rigore contro l'AC Milan, aveva già dato prova delle sue capacità di rimonta cinque mesi prima. Sconfitti 1-0 a Pireo alla seconda giornata, gli uomini di Rafael Benítez devono vincere con due gol di scarto per superare il Gruppo A a spese della formazione ellenica in virtù degli scontri diretti. Nonostante la rete iniziale di Rivaldo per gli ospiti alla mezz'ora, i padroni di casa non demordono. A quattro minuti dalla fine hanno bisogno di un altro gol dopo quelli realizzati da Florent Sinama-Pongolle e Neil Mellor, entrambi partiti dalla panchina. Steven Gerrard esplode un tiro da 25 metri che batte Antonis Nikopolidis scatenando l'euforia a Anfield. Il resto, come si dice, è storia.

Feyenoord - Newcastle United FC 2-3, 13 novembre 2002, prima fase a gironi 
In campo dopo avere scontato la squalifica, Craig Bellamy proietta il Newcastle alla seconda fase a gironi. La sconfitta alla terza giornata per 2-0 contro la Juventus complica il cammino delle Gazze che, tuttavia, arrivano a Rotterdam con rinnovata fiducia dopo due vittorie consecutive, ma sempre legati a un passo falso dell'FC Dynamo Kyiv nell'altra partita del Gruppo E. Nonostante il club ucraino stesse perdendo in casa, il Newcastle era fuori fino al gol nel recupero di Bellamy, autore di una doppietta. Il Newcastle diventa la prima squadra nella storia della UEFA Champions League a superare la fase a gironi dopo avere perso le prime tre partite.

FC Basel 1893 - Liverpool FC 3-3, 12 novembre 2002, prima fase a gironi 
Il Basilea accede alla seconda fase a gironi all'esordio nel torneo a spese dei più blasonati avversari. Il Liverpool arriva alla sfida con l'obbigo di battere la formazione elvetica per conquistare il secondo posto nel Gruppo B, ma dopo mezz'ora si ritrova sotto di tre reti, trafitto da Julio Rossi, Christian Giménez e Thimothée Atouba. Il detentore del Pallone d'Oro Michael Owen prova a guidare la riscossa del Reds nella ripresa con una grande prestazione, ma non è sufficiente.

Panathinaikos FC – Juventus 3-1, 8 novembre 2000, prima fase a gironi 
Seconda nel Gruppo E prima del calcio d'inizio, la Juventus scivola in fondo al girone al termine di una serata da dimenticare a Atene. In svantaggio per la rete di Paulo Sousa in avvio, la squadra di Carlo Ancelotti pareggia con Filippo Inzaghi. I padroni di casa passano ancora con Angelos Basinas che trasforma dal dischetto dopo l'espulsione di Edwin van der Sar. A metà ripresa, Krzysztof Warzycha mette al sicuro il risultato, con la Juventus che chiude la gara in nove per l'espulsione di Darko Kovačević.

AC Milan - Rosenborg BK 1-2, 4 dicembre 1996 

Dopo l'esordio vittorioso per 3-2 contro l'IFK Göteborg nel Gruppo D, il Rosenborg chiude in bellezza ottenendo quella che a oggi resta forse la vittoria europea più importante del club. Il Milan aveva perso in casa contro l'FC Porto e in Svezia, ma nessuno dubitava che avrebbe conquistato il punto gli serviva per andare avanti contro una formazione battuta 4-1 a Trondheim e potendo contare su campioni del calibro di Paolo Maldini, Zvonimir Boban e Roberto Baggio. Harald Brattbakk gela San Siro raccogliendo un pallone calciato verso la porta. Christophe Dugarry ristabilisce la normalità firmando il pareggio. Ma l'ultima parola spetta agli ospiti, a segno con Vegard Heggem al 70', che centrano così la qualificazione ai quarti di finale a spese dei blasonati rivali.

In alto