Hummels sogna il lieto fine per il Dortmund

Dopo aver recuperato da un infortunio che aveva messo in dubbio la sua partecipazione alla finale, Mats Hummels sente che il Borussia Dortmund scriverà l'ultimo capitolo della "più fantastica delle storie" battendo il Bayern a Wembley.

Vincitore della UEFA Champions League 16 anni fa ma lontano dai vertici europei nelle ultime stagioni, il Borussia Dortmund cercherà di scrivere “la più fantastica delle storie” battendo l’FC Bayern München nella finale di sabato.

Parole di Mats Hummels, difensore centrale del Dortmund universalmente stimato e grande protagonista nella cavalcata della sua squadra verso Wembley. Hummels ha giocato dieci delle 12 partite del Dortmund in questa stagione di UEFA Champions League, ma ha rischiato di saltare la finale quando è uscito contro il TSG 1899 Hoffenheim lo scorso weekend per un infortunio alla caviglia.

“Sì, sono a disposizione”, ha detto Hummels venerdì. “Fortunatamente la paura era più grande dell’infortunio vero e proprio. Il mio piede non è esattamente come era prima dell’infortunio, ma posso giocare una partita, l’ultima della stagione. Domenica ho capito che l’infortunio non era così serio come si temeva ed ero così felice quando ho capito che ce l’avrei fatta”.

La storia di Hummels è simile a quella del Dortmund. Con poca esperienza quando è arrivato nella Ruhr, Hummels è maturato molto insieme a molti suoi coetanei sotto lo sguardo sapiente di Jürgen Klopp. Il Dortmund ha conquistato due titoli consecutivi di Bundesliga nelle precedenti stagioni, ma questa finale tutta tedesca di UEFA Champions League contro il Bayern è davvero il massimo.

“Abbiamo un'opportunità fantastica perché questa squadra è da anni che sta crescendo insieme", ha detto Hummels. “E' la storia più bella di tutte e non pensiamo nemmeno a perdere. Questa è la più grande opportunità che abbiamo avuto finora come squadra; era questo che pensavamo in semifinale, e anche nei quarti di finale. E’ stata una grande motivazione per noi".

Nel 1997 il Dortmund era nella stessa situazione - ma Monaco rappresentava solo la città della finale, e non gli avversari. "Il 1997 è stato fantastico per il Dortmund, eccezionale", ha detto invece il capitano del Dortmund Sebastian Kehl. “Si possono fare dei paralleli con il 2013, sono entrambi emozionanti.

"Le due squadre si conoscono molto bene, sappiamo bene come giochiamo e sono certo che i piccoli dettagli saranno decisivi. Ciascuna squadra sa come gioca l'altra, quindi non ci saranno grosse sorprese. La squadra che vincerà sarà quella che ci crederà fino in fondo e con coraggio - noi lo facciamo, quindi vediamo".

In alto