Cinque perle tra le mille di Raúl

Nel weekend l'ex attaccante di Real Madrid e Schalke 04 ha giocato la sua millesima partita da professionista. UEFA.com ricorda alcune delle sue migliori prestazioni.

Raúl González con la maglia dello Schalke
Raúl González con la maglia dello Schalke ©Getty Images

Ancora leader della classifica dei marcatori assoluta della UEFA Champions League, nel weekend Raúl González ha raggiunto un altro grande traguardo nella sua spettacolare carriera quando ha giocato la sua millesima partita da professionista. L’ex attaccante di Real Madrid CF e FC Schalke 04, che vanta anche il record di presenze in UEFA Champions League, ha raggiunto quota mille partite giocando in Qatar con l’Al-Saad. UEFA.com sceglie cinque gare di Raúl da ricordare. 

Real Madrid CF - Club Atlético de Madrid 4-2
Liga, 5 novembre 1994
Raúl debutta con il Real il 29 ottobre 1994 allo stadio La Romareda di Saragozza. Nonostante la sconfitta per 3-2, il giovane attaccante gioca una grande partita guadagnandosi una maglia da titolare per il derby della settimana successiva contro il Club Atlético de Madrid, sua prima partita al Santiago Bernabéu. Raúl contribuisce al secondo gol delle Merengues e segna il terzo guadagnandosi una standing ovation al momento della sostituzione.

Real Madrid CF - CR Vasco da Gama 2-1
Coppa Intercontinentale, 1 dicembre 1998
Avendo vinto la UEFA Champions League del 1997/98 battendo in finale la Juventus per 1-0, il Real Madrid sfida i brasiliani del CR Vasco da Gama in Giappone per la Coppa Intercontinentale. Allenato da Guus Hiddink, il Real va subito in vantaggio ma si fa riprendere da Juninho Pernambucano. A sette minuti dalla fine, però, Raúl ruba la scena a tutti. Il numero 7 aggancia un bel passaggio di Clarence Seedorf, taglia dentro saltando un difensore, ne dribbla un altro e il portiere con una finta e segna il gol del vittoria. Un gol che poi sarà ricordato come 'Aguanís'.

Spagna – Austria 9-0
Qualificazioni UEFA EURO 2000, 27 marzo 1999
Anche se ha giocato molte grandi partite per la Roja, Raúl non è riuscito mai a vincere titoli con la nazionale. Debutta nelle qualificazioni per i Mondiali FIFA del 1998 contro la Repubblica ceca il 9 ottobre 1996 per poi giocare tre Mondiali (1998, 2002, 2006) e due Europei UEFA (2000, 2004). Raúl ha segnato 44 gol in 102 partite con la nazionale, alcune delle più belle nelle qualificazioni per UEFA EURO 2000 come questa contro l’Austria quando segna ben quattro reti.

Real Madrid CF - Valencia CF 3-0
Finale UEFA Champions League, 24 maggio 2000
Dopo aver eliminato il Manchester United FC nei quarti e l’FC Bayern München in semifinale – con Raúl sempre decisivo – il Real Madrid coglie l’ottavo successo nella massima competizione europea per club e Raúl segna il terzo gol della partita contro il Valencia. Diventa poi il primo giocatore a segnare in due finali di UEFA Champions League nel 2002 realizzando il primo gol nel 2-1 sul Bayer 04 Leverkusen. "Dopo gli alti e bassi di questa stagione siamo tornati a dare il meglio nel momento giusto", le parole di Raúl, capocannoniere di quell’edizione con dieci gol.

FC Internazionale Milano - Schalke 04 2-5
Quarti di finale UEFA Champions League, 5 aprile 2011
Dopo 16 anni e 16 trofei conquistati, Raúl lascia il Real Madrid nell’estate del 2010 ma continua a brillare in Bundesliga. E’ grande protagonista nell’ottima stagione dello Schalke nella UEFA Champions League 2010/11 quando la squadra tedesca si impone in goleada in casa dell’Inter campione in carica. Raúl segna il gol che permette alla squadra di Gelsenkirchen di portarsi sul 3-2 e verrà sempre ricordato dai tifosi dello Schalke per aver aiutato la squadra a raggiungere le semifinali per la prima volta. "Dedico questa vittoria a tutti i tifosi dello Schalke”, dice Raúl dopo l’impresa a San Siro.

In alto