UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

In the Zone: analisi di Atlético - Manchester United 1-1

Gli osservatori tecnici UEFA analizzano il pari tra Manchester United e Atlético all'andata degli ottavi.

In the Zone: il pressing dell'Atlético

L'Atlético de Madrid completa meno passaggi (221) di qualsiasi altra squadra in campo in questa settimana di UEFA Champions League. Eppure, per l'intensità e l'aggressività con cui pressa il Manchester United nell'andata degli ottavi di mercoledì, forse merita anche più di un 1-1.

In questo articolo presentato da FedEx, gli osservatori tecnici della UEFA spiegano tutti i temi tattici della gara.

La partita minuto per minuto: Atlético 1-1 Manchester United

Gol

Highlights: Atlético - Man. United 1-1

1-0: João Félix (7')
L'attaccante portoghese segna il suo primo gol in questa Champions League con un favoloso colpo di testa in tuffo sul primo palo. L'assist arriva dal sinistro di Renan Lodi: in seguito, il giocatore rivelerà che i due si erano allenati proprio su questo tipo di traversone.

1-1: Anthony Elanga (80')
Il 19enne entra dalla panchina e segna dopo cinque minuti. Il gol dà seguito a una rimessa dell'Atlético nella metà campo dello United. Harry Maguire e Fred conquistano il pallone di testa, poi una combinazione tra Jadon Sancho, Cristiano Ronaldo e Fred termina con un passaggio per Bruno Fernandes. Elanga è ancora a metà campo quando il portoghese la raccoglie ed è a 40 metri dalla porta quando parte l'assist. Reinildo, l'ultimo difensore, si tuffa e non trova la palla, permettendo a Elanga di battere Jan Oblak con un diagonale.

Player of the match: João Félix

Il numero 7 dell'Atlético illumina la gara con uno splendido gol e lavora molto per la squadra, offrendo creatività e tenendo palla nei momenti cruciali. Questo permette anche alla difesa di rimanere un po' più alta.

Moduli

Atlético

L'Atlético schiera un 3-5-2
L'Atlético schiera un 3-5-2

Diego Simeone schiera un 3-5-2 con Ángel Correa (10) e João Félix (7) davanti. Con Luis Suárez in panchina, la coppia aiuta l'Atlético a fare pressione sui difensori dello United quando hanno la palla. Sulla sinistra, Lodi (12) agisce in penetrazione, soprattutto nel primo tempo quando il suo cross porta al gol.

Il modulo dell'Atlético è piuttosto fluido e si trasforma occasionalmente in un 4-4-2, soprattutto in seguito ai movimenti sulla sinistra. In effetti, la serata finisce con Reinildo (23) terzino sinistro e Thomas Lemar (11, entrato al posto di Lodi), centrocampista sulla stessa fascia.

Man. United

Lo United schiera un 4-2-3-1
Lo United schiera un 4-2-3-1

Lo United schiera un 4-2-3-1 con Lindelöf (2) terzino destro. In avanti, Marcus Rashford (10) e Sancho (25) si scambiano di fascia con scarso profitto; la squadra migliora al 66' dopo un triplo cambio, quando Lindelöf e il terzino sinistro Luke Shaw (3) cedono il posto ad Aaron Wan -Bissaka (29) e Alex Telles (27), mentre Nemanja Matić (31) sostituisce Paul Pogba (6). Secondo Rangnick, questo cambiamento regala più azioni offensive sulle fasce.

Geoffrey Kondogbia, protagonista tra i centrocampisti dell'Atlético
Geoffrey Kondogbia, protagonista tra i centrocampisti dell'Atlético AFP via Getty Images

Le parole degli allenatori

Diego Simeone, allenatore Atlético
"Il nostro spirito di squadra è stato eccezionale e il lavoro collettivo è stato fantastico, così come il nostro pressing alto. Mi è piaciuto molto come abbiamo giocato. Dobbiamo andare avanti così. Quasi tutto ciò che abbiamo fatto, lo abbiamo fatto bene. Qualcuno può pensare che adesso loro sono in vantaggio, ma con il cambio di regola sui gol in trasferta non è così".

Ralf Rangnick, allenatore Man. United
"Contro l'Atlético è dura se prendi gol all'inizio, ma difendere era difficile. Dobbiamo essere più aggressivi, con più convinzione e passaggi più profondi. È proprio così che abbiamo segnato ed è così che dobbiamo giocare anche la prossima volta. Nel primo tempo abbiamo giocato senza convinzione e senza aggressività, ecco perché abbiamo sofferto".