UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

In the Zone: analisi di Paris - Leipzig 3-2

Gli osservatori tecnici UEFA esaminano la gara della terza giornata vinta in rimonta dal PSG.

Il Paris ha vinto 3-2 in rimonta
Il Paris ha vinto 3-2 in rimonta

Il Paris Saint-Germain si affida all'estro di Kylian Mbappé e Lionel Messi per vincere in rimonta 3-2 contro il Lipsia alla terza giornata. La classifica del Gruppo A vede il Paris al primo posto e il Lipsia all'ultimo. Tuttavia, come evidenziano gli osservatori tecnici UEFA, la squadra tedesca mette in difficoltà i padroni di casa con un pressing aggressivo e audace.

Gol

Highlights: Paris - Leipzig 3-2
Highlights: Paris - Leipzig 3-2

1-0: Kylian Mbappé (9')
Dopo un recupero al limite dell'area, il Paris lancia un due contro due in contropiede, con un passaggio di Julian Draxler a liberare Mbappé sul canale interno sinistro. Accentrandosi, il francese punta Willi Orbán che arretra ed entra in area, battendo Péter Gulácsi con un rasoterra mancino.

1-1: André Silva (28')
L'attaccante portoghese conquista palla nella sua metà campo e apre sulla sinistra; Christopher Nkunku serve Angeliño, che crossa sul secondo palo per l'accorrente Silva. L'ex milanista appoggia in gol e torna a segnare in Champions League dopo quattro anni e mezzo.

1-2: Nordi Mukiele (57')
Anche questo gol nasce con una mossa da destra a sinistra. Il solito Angeliño scavalca la difesa e pesca Mukiele, che insacca al volo dai cinque metri.

2-2: Lionel Messi (67)
Messo sotto pressione da Achraf Hakimi, Tyler Adams dà la palla a Mbappé, che entra nell'area del Lipsia e appoggia per Messi. L'argentino batte di prima intenzione, la palla colpisce il secondo palo, attraversa lo specchio e gli torna sui piedi: il tap-in è un gioco da ragazzi.

3-2: Lionel Messi (74') Il rigore "a cucchiaio" di Messi regala i tre i punti al Paris. Il merito è ancora una volta di Mbappé, che entra in area dopo uno sprint e viene atterrato da Mohamed Simakan.

Miglior giocatore

Il premio Player of the Match va a Mbappé. Veloce, potente e diretto, allunga la difesa del Lipsia e crea spazi per i compagni. Oltre a segnare il primo gol, mostra una grande leadership quando il Paris è sotto per 1-2, contribuendo a entrambi i gol di Messi. "Onnipresente", secondo L'Equipe.

La partita

All'inizio, il Paris cerca di colpire soprattutto in contropiede. Gli uomini di Mauricio Pochettino pressano aggressivamente a metà campo, cercando di riconquistare la palla e liberare i tre attaccanti. Draxler cerca di sfruttare la sua velocità negli uno contro uno sulla sinistra. Sulla destra, Messi cerca di inserirsi negli spazi accentrandosi, mentre Hakimi attacca sulla fascia e Ander Herrera arretra al bisogno.

Il Leipzg si mostra per quello che è, ovvero una squadra veloce e dinamica, con giocatori tecnici in ogni ruolo e un'identità chiara. Si vedono molti scambi di posizione in un sistema flessibile che, ad esempio, permette ai difensori centrali di uscire palla ai piedi per creare la superiorità numerica.

Moduli

Il 4-3-3 del Paris
Il 4-3-3 del Paris UEFA

Il Paris schiera un 4-3-3. In fase difensiva, schiaccia la linea dei centrocampisti e pressa con Verratti (6), che ha un ruolo chiave: sempre disciplinato e dinamico, legge bene lo sviluppo del gioco, nonostante le attenzioni del Lipsia. I terzini ricevono supporto dal centrocampista più vicino, in particolare Hakimi (2) da Herrera (21) sulla fascia destra. In fase di possesso, il Paris cerca Hakimi in ampiezza da un lato e Draxler (23) dall'altro, con Messi (30) che si accentra, dribbla e crea spazi per gli altri.

Il 3-5-2 del Lipsia
Il 3-5-2 del Lipsia

Il Lipsia gioca con un 3-5-2 che, in fase di possesso, assomiglia a un 3-1-4-2. Cerca di costruire le azioni offensive con Adams (14), il perno di centrocampo, e Amadou Haidara (8) e Konrad Laimer (27), che operano da interni. Per quanto riguarda i due attaccanti, uno accorcia, l'altro va in profondità per allungare la difesa di Paris.

Il giudizio degli allenatori

Mauricio Pochettino, allenatore Paris: "I tre centrocampisti del Lipsia si sono concentrati su Verratti per impedirgli di far girare palla. Siamo partiti bene, ma poi siamo calati un po'. Le posizioni non erano giuste, perché [Idrissa] Gueye, Herrera e Verratti erano troppo vicini e hanno permesso loro di pressare con più efficacia. Abbiamo commesso molti errori gratuiti ed è stato difficile superare la prima linea di pressing. È stata una partita complicata, ma la squadra ha dimostrato carattere e ha dato una svolta alla gara".

Jesse Marsch, allenatore Lipsia: "Abbiamo giocato bene e mantenuto il controllo per la maggior parte della gara. Dopo il vantaggio eravamo in una buona posizione, ma abbiamo commesso un brutto errore. Messi e Mbappé non hanno bisogno di molto tempo o spazio per segnare. Ci sono comunque molti aspetti positivi. Siamo stati coraggiosi e abbiamo giocato bene in fase di non possesso. Abbiamo creato molte occasioni e siamo stati pericolosi anche sui calci piazzati. Comunque sarà difficile: nelle prossime partite dobbiamo fare meno errori".