UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Thomas Tuchel sulla finale di UEFA Champions League del suo Chelsea contro il Manchester City

"Nel calcio il divario può essere colmato in 90 minuti", racconta l'allenatore del Chelsea in vista della difficile sfida contro il City di Josep Guardiola in finale di UEFA Champions League.

Thomas Tuchel has worked wonders in a few months at Chelsea
Thomas Tuchel has worked wonders in a few months at Chelsea Getty Images

Vice campione della scorsa edizione col Paris, Thomas Tuchel è arrivato in finale di UEFA Champions League per la seconda volta consecutiva, e in questa edizione ci è riuscito col Chelsea che dal suo arrivo a gennaio ha cambiato marcia.

Il 47enne ha già affrontato due volte il Manchester City di Josep Guardiola da quando è passato sulla panchina dei Blues, vincendo entrambe le partite ma, come detto a UEFA.com, vincere quelle partite non conta perché in finale arrivano squadre diverse.

Guarda tutti i gol del Chelsea segnati fino a ora
Guarda tutti i gol del Chelsea segnati fino a ora

Da bambino sogni queste partite che ti sembrano lontane come la luna. Una volta che ci sei dentro, ci sei dentro e basta. È il tuo lavoro, e non puoi tornare alle emozioni che provavi da bambino anche se ci provi. Il che probabilmente è una buona cosa, perché non ti esalti troppo, ma anche un po' triste.

Questa è la competizione che guardavo da bambino in TV. Ho tanti ricordi di tutte le squadre tedesche che hanno partecipato. Quando entri in campo per la prima volta e senti l'inno della Champions League, provi un'emozione indescrivibile. Non ci sono parole per descriverlo. Mi sento davvero molto grato di avere questa vita e di poter provare costantemente questa sensazione.

Pep Guardiola e Thomas Tuchel si sono affrontati tante volte
Pep Guardiola e Thomas Tuchel si sono affrontati tante volteManchester City FC via Getty Ima

È abbastanza incredibile [essere in finale per la seconda stagione consecutiva con un club diverso]. Se qualcuno me lo avesse detto a Natale, non sono sicuro che ci avrei creduto o ci avrei riso sopra. Quando finisci una stagione e sai di avere ancora una settimana in cui ci siete solo tu e un'altra squadra a prepararvi per una finale di Champions League, ti sembra di sognare.

È stato difficile lasciare la mia famiglia a Parigi, a causa della Brexit e del COVID-19, e venire qui da solo, ma è stato anche tutto più semplice professionalmente parlando. Dovevo solo allenare, stare in una stanza d'albergo, portarmi le mie due valigie e immergermi completamente nel lavoro. Non avevo nessun altro pensiero perché ero qui completamente da solo.

Sin dal primo momento sono rimasto molto colpito dall'intensità, dall'atteggiamento e da come abbiamo lottato insieme. Questo è un punto importante. La squadra gioca come un gruppo che ha qualcosa da dimostrare. I ragazzi vogliono davvero dimostrare quanto sono forti. Alla fine, quando si gioca ai massimi livelli, si può ridurre tutto alla domanda: 'Quanto ci tenete a vincere?'. E questo gruppo ci tiene davvero tanto.

Guarda la conferenza stampa di Tuchel per la finale del 2020
Guarda la conferenza stampa di Tuchel per la finale del 2020

[Probabilmente non abbiamo affrontato lo stesso City contro cui giocheremo in finale] ma comunque li abbiamo già battuti due volte [da quando sono in carica]. Partiremo avvantaggiati? No, assolutamente no, e siamo ben consapevoli che in questa partita si parte da zero. Allo stesso tempo Guardiola sa di non affrontare in finale la stessa squadra già affrontata. Quindi per noi è lo stesso. Sappiamo benissimo che si ripartirà da zero. Abbiamo bisogno di un'altra grande prestazione.

"È sempre molto difficile giocare contro le squadre di Guardiola. Ho giocato contro il suo Bayern e ora contro il suo City. Ho guardato per anni il suo Barcellona per imparare da lui e dalla sua squadra come difendere e come attaccare. Ha costruito macchine vincenti, e la stessa cosa ha fatto qui in Inghilterra.

"Non esito a dire che Manchester City e Bayern sono stati il punto di riferimento in Europa in questa stagione e nella scorsa. Stiamo cercando di colmare il divario, ma la cosa bella è che nel calcio si possono colmare i divari in appena 90 minuti. Riuscirci non è un'impresa impossibile, ed è quello che proveremo a fare in finale".