UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La competizione di riferimento per club

Dal 1955, la Coppa dei Campioni – o UEFA Champions League dai primi anni '90 – rappresenta lo standard di riferimento nel calcio per club a livello mondiale.

Il Marsiglia si è aggiudicato la prima edizione della UEFA Champions League
Il Marsiglia si è aggiudicato la prima edizione della UEFA Champions League Icon Sport via Getty Images

La competizione ha festeggiato il suo 65° compleanno lo scorso autunno. Con un nuovo formato che renderà le competizioni UEFA per club ancora più emozionanti a partire dal 2024, la Champions League prosegue la sua crescita inarrestabile.

Questo articolo racconta gli avvenimenti e le tappe che hanno caratterizzato l'evoluzione della competizione per club più amata del mondo, partendo dalla sua nascita che risale a più di 60 anni fa.

COPPA DEI CAMPIONI

21 giugno 1955
A Parigi, il Comitato Esecutivo UEFA conferma che, in seguito al benestare della FIFA, la UEFA organizzerà una nuova competizione europea per club, originariamente proposta dal quotidiano francese L'Équipe.

Alfredo di Stéfano con la Coppa dei Campioni dopo la prima finale
Alfredo di Stéfano con la Coppa dei Campioni dopo la prima finalePopperfoto via Getty Images

1955/56
La Coppa dei Campioni nasce come torneo a inviti riservato a 16 squadre. La competizione inizia il 4 settembre 1955 con un divertente 3-3 tra i portoghesi dello Sporting CP e gli jugoslavi del FK Partizan nell'andata del primo turno. Il Real Madrid si aggiudica la prima edizione battendo i francesi del Reims per 4-3 nella spettacolare finale di Parigi: è il primo dei cinque successi consecutivi delle Merengues.

1956/57
Dopo il successo della prima edizione, altre sei nazioni vengono rappresentate dalle proprie squadre di club. La Spagna è il primo paese ad avere due partecipanti: il Real Madrid, detentore del titolo, e l'Athletic Bilbao, campione nazionale. Un turno preliminare, con 12 squadre ripartite geograficamente, precede il primo turno a 16 squadre.

Highlights: il trionfo dello United nel 1968
Highlights: il trionfo dello United nel 1968

1967/68
L'elenco delle partecipanti alla Coppa dei Campioni si arricchisce fino alla metà degli anni '60 con un maggior numero di campioni nazionali. Per l'edizione 1967/68 viene istituito un torneo a 32 squadre, con quattro turni ad andata e ritorno e una finale unica. Questo modello durerà più di 20 anni.

18/19 aprile e 29 maggio 1991
Il Comitato Esecutivo UEFA si riunisce a Londra ad aprile e avvia le prime consultazioni su un nuovo formato della competizione. Viene istituito un gruppo di lavoro per creare le basi di un nuovo regolamento.

Le proposte del gruppo di lavoro vengono approvate durante la riunione del Comitato Esecutivo a Bari alla fine di maggio. La stagione 1991/92 sarà usata come edizione di transizione al nuovo formato, che per la prima volta comprenderà una fase a gironi.

19 settembre 1991
In un congresso straordinario a Montreux (Svizzera), i delegati UEFA approvano quella che diventerà la Champions League a partire dalla stagione 1992/93.

1991/92
Dopo due turni a eliminazione diretta, le otto squadre rimanenti vengono divise in due gironi. Tutte le squadre dei gironi si sfidano in casa e in trasferta e le prime classificate vanno direttamente in finale.

UEFA CHAMPIONS LEAGUE

1993: il Marsiglia vince la prima Champions League
1993: il Marsiglia vince la prima Champions League

1992/93
La "rivoluzione" porta con sé non solo un cambio di nome, ma anche un'identità completamente nuova per la prima competizione europea per club. L'inno della Champions League e il logo con il pallone a stelle hanno subito un grande successo. Tutti riconoscono ovunque e immediatamente il nuovo formato della Coppa dei Campioni. Tuttavia, nella prima edizione il torneo non include ufficialmente il prefisso UEFA, ma solo la denominazione "Champions League" per dare risalto alla fase a gironi.

1993/94
Si disputa la seconda edizione con il logo della UEFA Champions League (adottato solo nella fase a gironi e nelle semifinali; il resto del torneo continua a chiamarsi Coppa dei Campioni).

Per una sola stagione viene introdotta una semifinale in gara unica: le due vincitrici dei gironi giocano in casa contro le seconde classificate degli altri gironi.

1994/95
Per la prima volta, la UEFA introduce una fase a gironi a 16 squadre. Il Milan detentore del titolo e le vincitrici del campionato dei sette paesi più in alto nel ranking UEFA si qualificano automaticamente, mentre le campioni dei 16 paesi successivi nel ranking partecipano a un turno di qualificazione per determinare le ultime otto qualificate alla fase a gironi. Le prime e seconde classificate della fase a gironi si affrontano ai quarti e in semifinale con gare d'andata e ritorno.

1997/98
Viene introdotta un'altra novità: alla competizione vengono ammesse anche le seconde classificate in campionato nelle prime otto federazioni del ranking UEFA. I campioni delle nazioni più piccole tornano nella massima competizione europea per club dopo tre anni in Coppa UEFA. Questa modifica rende la competizione più aperta e garantisce che possano qualificarsi squadre di tutte le nazioni, aumentando al tempo stesso il livello competitivo grazie alla presenza di più squadre di alto profilo. Due turni di qualificazione precedono la nuova fase a gironi a 24 squadre; quindi, le sei vincitrici dei gironi e le due migliori seconde accedono ai quarti di finale.

Highlights finale 2000: Real Madrid - Valencia 3-0
Highlights finale 2000: Real Madrid - Valencia 3-0

1999/2000
La Champions League si espande ulteriormente con due fasi a gironi. A questa edizione accedono fino a quattro squadre delle tre nazioni più in alto del ranking, tre dalle nazioni dal 4° al 6° posto e due dalle nazioni dal 7° a 15° posto.

Il nuovo format vede 32 squadre partecipare a una prima fase a gironi con otto gruppi da quattro: le prime due classificate di ogni gruppo passano a una seconda fase a gironi a 16 squadre. Quindi, le prime due classificate dei quattro gironi passano ai quarti di finale.

2003/04
La competizione torna al formato con una sola fase a gironi. Gli ottavi di finale a eliminazione diretta sostituiscono la seconda fase a gironi.

Highlights finale 2010: Inter - Bayern 2-0
Highlights finale 2010: Inter - Bayern 2-0

2009/10
Viene introdotto un nuovo sistema di qualificazione, con due percorsi separati per le campioni nazionali e le squadre che non si qualificano automaticamente per la fase a gironi. Viene anche introdotto un ulteriore turno di qualificazione: gli spareggi, che permettono a dieci contendenti di raggiungere la fase a gironi a 32 squadre.

2015/16
Alla vincitrice della UEFA Europa League viene assegnato un posto in UEFA Champions League. Il numero massimo di squadre rappresentanti per paese aumenta a cinque.

2019/20
Dopo la temporanea sospensione del calcio europeo a causa della pandemia di COVID-19, la Champions League si conclude con le "final eight" a Lisbona. Le squadre si sfidano a eliminazione diretta in gara unica: a vincere il torneo è il Bayern, che batte il Paris Saint-Germain per 1-0 nella prima finale a porte chiuse.