UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Champions League: Lautaro Martínez sul legame dell'Inter con gli argentini

"In Argentina la passione è innata", ha raccontato l'attaccante 23enne dell'Inter a UEFA.com.

Lautaro Martínez esulta per un gol in Serie A
Lautaro Martínez esulta per un gol in Serie A Inter via Getty Images

Con la qualificazione dell'Inter alla fase a gironi di UEFA Champions League per la terza stagione consecutiva, l'attaccante Lautaro Martínez (23 anni) ha raccontato a UEFA.com dell'impatto dei calciatori argentini sul torneo e ha parlato della leggenda nerazzurra che l'ha aiutato a inserirsi nel club.

Sulle caratteristiche che aiutano i calciatori argentini a imporsi

In Argentina, passione, determinazione e cuore sono innati ed è un qualcosa che cerchiamo sempre di portare in qualsiasi campionato in cui andiamo. Se si segue il campionato argentino, questo è un aspetto evidente. Stesso discorso per la nazionale. Proviamo sempre a dimostrarlo.

Guarda la rete di Lautaro contro lo Slavia
Guarda la rete di Lautaro contro lo Slavia

Indubbiamente il talento viene prima di tutto. È un qualcosa con cui si nasce. Bisogna anche coltivarlo, naturalmente. E la grinta viene al secondo posto - dominando fisicamente e mentalmente, e cercando di combattere contro tutti gli ostacoli che potrebbero intralciare il vostro cammino.

Su Lionel Messi

Conosco Leo più come compagno che non come avversario. L’ho detto in passato e lo dirò di nuovo adesso e in futuro: è il miglior giocatore del mondo. Il fatto che sia argentino è per noi motivo di orgoglio e cerchiamo sempre di imparare da lui. Per me lui è su un altro livello, capisce il gioco in un modo diverso ed è sempre un passo avanti a tutti gli altri.

Sull'aver guardato l'Inter vincere la finale di UEFA Champions League del 2010

Highlights finale 2010: Inter - Bayern 2-0
Highlights finale 2010: Inter - Bayern 2-0

Ricordo di aver visto la partita a casa in Argentina con la mia famiglia. È stata molto significativa perché c’erano tanti argentini in quella squadra e perché è stata una vittoria molto importante per il club. Finale decisa dai due gol di Diego Milito? Sì, esatto. Diego nel nostro paese è una persona e un calciatore molto importante. Poi io ho potuto anche giocare con lui [al Racing Club] e mi sono molto divertito. L'inter ha tantissimi tifosi in Argentina perché tantissimi calciatori argentini sono passati da questo club.

Sul suo mentore all'Inter, Javier Zanetti

Javier è una persona molto importante per l’Inter ma anche per noi perché ci trasmette tutta la sua esperienza. Lo ha fatto con me al mio arrivo in Italia. Gli sarò sempre grato perché ogni volta che ho avuto bisogno di qualcosa, ha sempre cercato di aiutarmi. Mi ascolta sempre e mi chiede come sto o mi dà una mano per qualsiasi cosa mi serva. È sempre lì per assicurarsi che io stia bene sia all’interno del club che fuori. Soprattutto mi ha aiutato con la lingua quando sono arrivato, ma mi ha anche spiegato cosa significasse il club e come ci si allena qui. È stato molto importante in questi aspetti, quindi gli sarò sempre grato perché mi ha aiutato molto al mio arrivo.