Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Sei perle 'italiane' nella fase a gironi

La redazione italiana di UEFA.com ha selezionato i sei gol più belli della fase a gironi di UEFA Champions League segnati da calciatori o squadre italiane.

Dalla qualificazione della Juventus ai quattro gol in cinque gare di Ciro Immobile, la fase a gironi di UEFA Champions League ha visto l'Italia tra le protagoniste. La redazione italiana di UEFA.com ha selezionato i sei gol più belli di queste sei giornate segnati da giocatori o squadre del Bel Paese.

La punizione: Andrea Pirlo 
Juventus - Olympiacos FC 3-2, 5 novembre, minuto 21 
Molti i candidati in questa categoria: dal tiro a giro di Carlo Tévez contro il Malmö FF, alla bordata di Francesco Totti in casa del CSKA Moskva, ma quando si tratta di calci piazzati il maestro è senza dubbio Andrea Pirlo. Il regista della Juventus bagna la sua centesima presenza in UEFA Champions League con una pennellata che non lascia scampo a Roberto, portiere dell'Olympiacos che era sembrato insuperabile in Grecia appena due settimane prima.

L'uno-due: Carlos Tévez
Juventus – Malmö 2-0, 16 settembre, minuto 59
Dopo un digiuno durato quasi cinque anni, Tévez torna al gol in UEFA Champions League e lo fa in grande stile. L'attaccante argentino va a prendere palla sulla trequarti e punta dritto verso la porta svedese per poi servire in area il taglio di Kwandwo Asamoah. L'esterno ghanese gli restituisce il pallone con uno splendido colpo di tacco e Tévez pesca l'angolino lontano di prima intenzione togliendosi un grosso peso di dosso. Poco dopo arriverà anche il bis con una splendida punizione a giro.

L'azione personale: Ciro Immobile
Borussia Dortmund - Arsenal FC 2-0, 16 settembre, minuto 45
L'avventura in UEFA Champions League dell'attaccante napoletano con la maglia del Borussia Dortmund non poteva iniziare meglio. Immobile parte dalla sua metà campo involandosi verso la porta dei Gunners. Al limite dell'area supera Laurent Koscielny e Kieran Gibbs con un pizzico di fortuna e poi e batte Wojciech Szczęsny con un preciso rasoterra incrociato.

Il contropiede: Gervinho
AS Roma – CSKA Mosca 5-1, 17 settembre, minuto 31
Anche la Roma inizia alla grande la sua avventura in UEFA Champions League. In 20 minuti i Giallorossi segnano addirittura tre gol di cui uno con una 'puntata' di Gervinho. Al 31' Totti vede con il 'terzo occhio' la freccia ivoriana e la innesca a destra con un lancio perfetto. Gervinho negli spazi va a nozze, punta dritto verso la porta russa, frena improvvisamente mandando a vuoto un difensore avversario e fa secco di nuovo Igor Akinfeev.

Il tocco: Totti
Manchester City FC – AS Roma 1-1, 30 settembre, minuto 23 
Le cose si mettono subito male per la Roma in casa del City. La squadra inglese va in vantaggio dopo appena quattro minuti con un rigore di Sergio Agüero. Maicon, che aveva causato il rigore, prova subito a rispondere ma colpisce la traversa. Allora ci vuole una perla di Totti per riportare il risultato in parità: Radja Nainggolan verticalizza per il capitano che si presenta davanti a Joe Hart e lo beffa con un dolce “cucchiaio” di esterno destro diventando il marcatore più 'vecchio' nella storia competizione.

Gol da bomber: Mario Balotelli
Liverpool FC - PFC Ludogorets Razgrad 2-1, 16 settembre, minuto 82 
La fase a gironi di Mario Balotelli – e di tutto il Liverpool – è certamente da dimenticare. Eppure l'avventura europea dei Reds era partita bene. Il risultato è ancora inchiodato sullo 0-0 quando Alberto Moreno mette un pallone in mezzo dalla destra. Balotelli vince il duello fisico con due difensori avversari e poi piazza il pallone nell'angolino lontano con un tocco di esterno che non lascia scampo a Milan Borjan. La squadra inglese riuscirà a vincere solo nel recupero, ma poi fallirà la qualificazione finendo il girone alle spalle di Real Madrid e Basilea.

In alto