La squadra rivelazione di Champions League del 2019

UEFA.com seleziona una squadra di giovani che si sono messi in UEFA Champions League nel corso del 2019.

Erling Braut Haaland ha segnato tre gol alla prima giornata
Erling Braut Haaland ha segnato tre gol alla prima giornata ©Getty Images
©UEFA.com

UEFA.com seleziona una squadra di giovani che si sono messi in luce in UEFA Champions League nel corso del 2019.

Per restringere il campo, sono stati stabiliti i seguenti criteri:
i) età massima 24 anni;
ii) esordio in UEFA Champions League nel 2019 o esperienza precedente limitata, con evidente salto di qualità nel corso dell'anno.

La domanda è: questa squadra è più o meno forte della squadra rivelazione di Champions League del 2018?

Portiere

Alex Meret, 22 anni (Napoli)
Considerato a lungo un predestinato, Meret è sembrato decisamente a suo agio nella sua prima stagione in UEFA Champions League, subendo appena quattro gol in sei partite.

Difensori

Achraf Hakimi, 21 (Borussia Dortmund)
Il giocatore, cresciuto nel vivaio del Real Madrid, è uno degli ingranaggi principali del dinamico sistema di Lucien Favre. Con quattro gol nella fase a gironi, non disdegna affatto le sortite offensive.

Benjamin Pavard, 23 (Bayern München)
Poco conosciuto nonostante la vittoria dei mondiali, il francese ha vissuto la sua prima vera stagione europea nel 2019/20. La lotta per la salvezza con lo Stoccarda nel 2018/19 sembra averne aumentato le capacità difensive. Con l'esplosione anche di Alphonso Davies, il futuro della difesa del Bayern appare sereno.

Dayot Upamecano, 21 (Leipzig)
Altro giovane francese cresciuto in Germania, Upamecano è molto dinamico in difesa, ma le sue doti con la palla ai piedi hanno conquistato l'ammirazione di molti.

Renan Lodi, 21 (Atlético Madrid)
Le partenze di Filipe Luís e Lucas Hernández avevano lasciato un grande vuoto sulla fascia sinistra dell'Atleti, ma l'infaticabile laterale brasiliano è riuscito a dimostrarsi efficace in entrambe le fasi di gioco.

Centrocampisti

Sander Berge, 21 (Genk)
Nonostante le difficoltà del Genk nella fase a gironi, il centrocampista norvegese si è fatto notare molto, strappando applausi grazie alla sua intelligenza tattica e alla leadership.

Kai Havertz, 20 (Bayern Leverkusen)
Alla quarta stagione da professionista, Havertz si è conquistato il soprannome di "Alleskönner", ovvero tuttofare: in autunno abbiamo capito perché.

Dani Olmo, 21 (Dinamo Zagreb)
L'esterno sembra raccogliere adesso i frutti della difficile decisione presa nel 2014, ovvero lasciare il Barcellona per giocare titolare. A novembre ha esordito alla grande nella Spagna.

Attaccanti

Rodrygo, 18 (Real Madrid)
Giocatore dalle mille risorse secondo Zinédine Zidane, il giovane brasiliano si è presentato al grande pubblico con una tripletta contro il Galatasaray.

Erling Braut Haaland, 19 (Salzburg)
L'attaccante norvegese ha segnato tre gol nel primo tempo all'esordio in UEFA Champions League contro il Genk, andando in rete in cinque gare su cinque. Ha raggiunto un accordo per il trasferimento al Borussia Dortmund a gennaio.

Lautaro Martínez, 22 (Inter)
Anche se i suoi cinque gol non sono bastati ai nerazzurri a superare la fase a gironi, Lautaro ha messo in mostra i suoi attributi: velocità, potenza, versatilità e fiuto del gol.

La squadra è stata selezionata dagli inviati e dai redattori di UEFA.com e non intende competere con premi più affermati.