I cinque migliori bomber sbarcati a gennaio in Serie A

Quali attaccanti approdati nel campionato italiano nel mercato invernale hanno lasciato maggiormente il segno dal 2000 ad oggi? UEFA.com passa in rassegna i cinque migliori "bomber di gennaio".

I cinque migliori bomber sbarcati a gennaio in Serie A
I cinque migliori bomber sbarcati a gennaio in Serie A ©Getty Images

Raddrizzare una stagione nata storta o aggiungere il tocco finale a un meccanismo già quasi perfetto. La finestra di mercato invernale - che arriva ogni anno, puntuale, a metà della stagione calcistica - rappresenta il momento ideale per ridisegnare la fisionomia di una squadra. 

Che si tratti di innesti mirati o di rose letteralmente rivoluzionate, il "mercato di gennaio" ha regalato sia gioie che dolori ai club che hanno scelto di cambiare pelle in corso d'opera. E visto che nel calcio ciò che conta di più sono i gol, soffermiamoci sugli attaccanti. 

Per festeggiare l'inizio della sessione invernale 2017/18, UEFA.com passa in rassegna i cinque attaccanti sbarcati a gennaio in Serie A che più di tutti hanno lasciato il segno nel nuovo millennio. L'ordine scelto è rigorosamente cronologico.

I MIGLIORI BOMBER DI GENNAIO IN SERIE A DAL 2000 IN POI

1. GIUSEPPE ROSSI
Dal Manchester United al Parma nel gennaio 2007

• Cresciuto nelle giovanili del club emiliano dopo essere sbarcato dagli Stati Uniti, "Pepito" si accasa in Inghilterra nel 2004, ma trova poco spazio nel Manchester United di Sir Alex Ferguson. Lo scozzese, pertanto, acconsente alla cessione in prestito con lo scopo di farlo giocare di più. Il Parma non ci pensa due volte e lo riporta a casa. L'alchimia funziona: Rossi segna nove gol in 19 partite da gennaio a maggio e trascina i Ducali a una salvezza che in molti consideravano ormai impossibile. 

2. PATO
Dal Corinthians al Milan nel gennaio 2008

• Acquistato nell'estate 2007 dai Rossoneri, Pato - allora minorenne - viene tesserato solo nel gennaio 2008. Considerato uno dei migliori talenti del calcio, il brasiliano incanta San Siro con le sue giocate, la sua rapidità e il dribbling funambolico. Gli infortuni, tuttavia, lo perseguitano e dopo quattro anni e mezzo al Milan (150 presenze e 63 gol) il giocatore fa ritorno in Brasile. Riappare in Europa per due brevi esperienze con Chelsea e Villarreal, prima di scegliere la Cina nel gennaio 2017. 

3. GORAN PANDEV
Dalla Lazio all'Inter nel gennaio 2010

• Acquistato dall'Inter nel 2001, ma poi sempre girato in prestito, Pandev vestirà il nerazzurro solo dieci anni più tardi dopo essersi svincolato dalla Lazio nel gennaio 2010. L'arrivo del macedone è la ciliegina sulla torta per José Mourinho, che ne fa una pedina fondamentale per la Beneamata nel suo anno indimenticabile. In pochi mesi Pandev vince Scudetto, Coppa Italia e UEFA Champions League, partendo titolare nella finale contro il Bayern Monaco. Quando si dice tempismo perfetto. 

4. MARIO BALOTELLI
Dal Manchester City al Milan nel gennaio 2013

• Lasciata l'Inter al termine della stagione del triplete, Supermario approda al City del suo mentore Roberto Mancini. Vince un titolo di Premier League, ma poi inizia a sentire nostalgia di casa e il Milan ne approfitta. Balotelli torna a San Siro, questa volta per vestire di rossonero, e lascia subito il segno: va a bersaglio 12 volte in 13 partite e trascina i compagni al terzo posto. Seguiranno un rientro in Inghilterra e un secondo ritorno al Milan prima dell'approdo al Nizza. 

5. MOHAMED SALAH
Dal Chelsea alla Fiorentina nel Gennaio 2015

 • Approdato a Firenze in prestito nell'operazione che porta Juan Cuadrado a vestire la maglia dei Blues, il Lionel Messi d'Egitto impiega pochissimo a far innamorare una città intera. Imprendibile in velocità e dotato di un dribbling letale, il Faraone segna nove gol in 26 partite - di cui due in semifinale di Coppa Italia sul campo della Juventus - consacrandosi definitivamente. Allo scadere del prestito passa alla Roma per un biennio per poi di trasferirsi al Liverpool, dove sta vivendo una stagione faraonica.