Ronaldo mette un'ipoteca sulla finale di Cardiff

"È un bel vantaggio, non voglio dire bugie", ha detto Cristiano Ronaldo a UEFA.com dopo la sua tripletta contro l'Atlético, aggiungendo anche di non considerare il discorso qualificazione chiuso perché "nel calcio tutto può accadere".

Cristiano Ronaldo festeggia la vittoria al termine della partita
Cristiano Ronaldo festeggia la vittoria al termine della partita ©Getty Images

Per la seconda volta in due settimane, Cristiano Ronaldo ha segnato una tripletta al Santiago Bernabéu regalando la vittoria al Real Madrid. L'ultima volta a cadere sotto i colpi del portoghese era stato il Bayern Munchen; questa volta l'Atlético.

I derby di Madrid in UEFA Champions League stanno diventando una ricorrenza annuale, e nelle serate importanti l'attaccante portoghese raramente stecca.

Guarda la tripletta di Ronaldo contro l'Atlético
Guarda la tripletta di Ronaldo contro l'Atlético

Come sottolineato da Zinédine Zidane nel dopo partita: "Non c'è niente da dire su di lui. Le sue prestazioni parlano per lui". Le reti numero 19-20-21 segnate all'Atlético portano a 42 il numero di triplette segnate col Real Madrid e a 103 i gol in UEFA Champions League – più di quanti ne abbia fatto l'Atlético nella sua storia. 

Il Real Madrid continua la corsa al secondo titolo consecutivo in UEFA Champions League, guidato dalla sua stella Ronaldo. La sua fame di vittoria non ha rivali e, nonostante abbia vinto la UEFA Champions League e UEFA EURO 2016 lo scorso anno, la sua voglia di vincere non è affatto diminuita.

L'esultanza di Ronaldo con Sergio Ramos
L'esultanza di Ronaldo con Sergio Ramos©Getty Images

"Per me tutte le partite sono importanti. Dipende da voi come volete vederle. Le prendo tutte con la massima serietà perché voglio vincere. I gol ci permettono di rilassarci e avere un vantaggio", ha spiegato Ronaldo a UEFA.com.

"È un bel vantaggio, non voglio dire bugie, ma non possiamo dare nulla per scontato. Dobbiamo andare al Calderón concentrati al massimo nel ritorno. Sappiamo che nel calcio tutto può accadere, e per questo dobbiamo essere cauti. Sappiamo che sarà una partita difficile ma abbiamo un buon vantaggio. Dobbiamo stare attenti e andare lì a giocare una buona partita".

Il portiere sloveno dell'Atlético, Jan Oblak, è caduto più volte sotto i colpi del Real, ma non è riuscito a impedire che l'asso portoghese diventasse il primo calciatore a segnare una tripletta in semifinale di UEFA Champions League dopo il poker di Robert Lewandowski contro il Real Madrid col Dortmund nel 2013.

"La squadra è stata incredibilmente compatta. Abbiamo giocato bene dal primo all'ultimo minuto e fortunatamente oggi abbiamo avuto molte occasioni. I tre gol ci danno un vantaggio ma la qualificazione non è chiusa. Col calcio non si può mai scherzare. L'Atlético Madrid è una grande squadra e non è un caso che sia arrivato in semifinale", ha aggiunto Ronaldo.

Il portoghese sarà quindi probabilmente in forma come sempre per il ritorno di mercoledì prossimo al Vicente Calderón, che vedrà il Real provare a staccare il pass per la finale di giugno a Cardiff.