Mertens salva il Napoli a Pescara

Sotto di due reti nel primo tempo a Pescara, la squadra di Sarri pareggia la prima partita di campionato grazie alla doppietta del subentrato Dries Mertens. Vittoria per Juventus e Roma negli anticipi del sabato.

José Callejón (Napoli) e Cristiano Biraghi (Pescara)
José Callejón (Napoli) e Cristiano Biraghi (Pescara) ©AFP/Getty Images

La Serie A 2016/17 ha preso ufficialmente il via in questo fine settimana. Ricapitoliamo il weekend in campionato delle squadre italiane impegnate in UEFA Champions League in questa stagione.

Squadre ai gironi di UEFA Champions League

Pescara-Napoli 2-2 (Benali 8', Caprari 35'; Mertens 60' e 63')
Inizia con un pareggio in rimonta il campionato del SSC Napoli. Sotto di due reti nella prima frazione di gioco, i Partenopei escono con un punto dal campo del neopromosso Pescara grazie alla doppietta nella ripresa del subentrato Dries Mertens.

All’8’ la squadra abruzzese passa in vantaggio con il tocco di destro di Ahmad Benali che batte Pepe Reina in uscita, mentre al 35’ Gianluca Caprari firma la sua terza rete assoluta in Serie A finalizzando da distanza ravvicinata una bella azione corale della propria squadra.

Nei primi minuti della ripresa Sarri manda in campo Dries Mertens e Arkadiusz Milik al posto di Lorenzo Insigne e Manolo Gabbiadini, e l’esterno belga riequilibra le sorti della gara nel giro di tre minuti. Al 60’ Mertens trafigge il portiere avversario con un preciso destro sul secondo palo, mentre al 63’ realizza la rete del pareggio da dentro l’area piccola.

Il Napoli a questo punto si spinge in avanti e ha l'opportunità di completare la rimonta con un paio di occasioni di Milik, ma negli ultimi trenta minuti di gioco il risultato non cambia più e la formazione partenopea si deve accontentare di un pareggio all'esordio stagionale in Serie A.

Juventus-Fiorentina 2-1 (Khedira 37’, Higuaín 75’; Kalinić 70’)
La Juventus campione d’Italia inizia la sua stagione nel segno di Gonzalo Higuaín. In casa, negli anticipi della prima giornata di campionato, la squadra di Massimiliano Allegri batte 2-1 la Fiorentina e inizia il suo cammino con tre preziosi punti: è il Pipita, entrato dalla panchina, a decidere la sfida dopo che Nikola Kalinić aveva risposto al vantaggio di Sami Khedira.

Allo Juventus Stadium, in avvio di gara, Khedira ha subito una buona opportunità propiziata dall’errore in disimpegno di Ciprian Tătărușanu, ma l’ex centrocampista del Real Madrid, tutto solo, manda alto. I Bianconeri sbloccano il risultato otto minuti prima dell’intervallo: sul cross di Giorgio Chiellini dalla sinistra, questa volta il tedesco si inserisce alla perfezione e di testa insacca. La Juventus legittima il vantaggio con due ottime chance prima della pausa, ma Paulo Dybala e Kwadwo Asamoah mandano alto di un soffio.

Mario Mandžukić al 66’ lascia il posto a Gonzalo Higuaín, ma al 70’ la Fiorentina pareggia. Sul corner di Josip Iličić, Kalinić beffa Alex Sandro e firma l’1-1 per la squadra di Paulo Sousa. L’equilibrio, però, regge appena cinque minuti. Il Pipita, infatti, bagna subito con un gol il suo esordio bianconero. Asamoah pesca con una grande intuizione Khedira, il tiro del tedesco è respinto e sul pallone vagante si fionda come un falco l’argentino che insacca il 2-1.

Tătărușanu si salva su Mario Lemina, per gli ospiti non c’è più tempo per recuperare. La Juventus di Allegri inizia la difesa del suo titolo con tre punti.

Squadre agli spareggi di UEFA Champions League

Roma-Udinese 4-0 (Perotti 65’ su rig., 75’ su rig., Džeko 82’, Salah 84’)
Inizia con una vittoria casalinga il campionato 2016/17 della Roma. I Giallorossi, reduci dal pareggio in trasferta contro il Porto nell’andata degli spareggi di UEFA Champions League, soffrono per un tempo contro l’Udinese, ma alla fine riescono a imporsi con un perentorio 4-0 grazie a due rigori trasformati da Diego Perotti, inizialmente schierato in panchina da Luciano Spalletti, e ai gol di Edin Džeko e Mohamed Salah.

Nel primo tempo i padroni di casa, che presentano dal 1’ il nuovo acquisto Bruno Peres, vanno vicini al vantaggio con un tocco di Orestis Karnezis, che sul cross di Salah anticipa Džeko e per poco non inganna il suo portiere Orestis Karnezis. Nella ripresa è proprio l’attaccante bosniaco a rendersi pericoloso, sull’assist di Emerson, ma il portiere dell’Udinese riesce a neutralizzare il suo tiro da distanza ravvicinata.

Al 57’ Spalletti richiama Stephan El Shaarawy e getta nella mischia Perotti: dopo otto minuti la Roma passa. Danilo affossa in area Džeko dopo la sterzata dell’ex Manchester City e l’arbitro assegna il rigore, che Perotti non fallisce per l’1-0. Kostas Manolas sfiora di testa il raddoppio, che arriva sempre dagli 11 metri stavolta per il fallo di Emmanuel Agyemang-Badu su Salah. Dal dischetto va ancora Perotti, che cambia angolo ma insacca nuovamente.

Nel finale i Giallorossi dilagano. Džeko all’82’ segna a porta vuota dopo la scivolata di Radja Nainggolan, due minuti dopo arriva addirittura il poker di Salah imbeccato magistralmente da Perotti. Finisce con l’Olimpico in festa, la Roma di Spalletti ora si concentra sul ritorno di martedì con il Porto. Per i Friulani di Giuseppe Iachini un esordio davvero amarissimo.