Juve inarrestabile, la Roma ferma il Napoli

La squadra di Allegri, alla sesta vittoria consecutiva, supera 3-1 la Fiorentina e si porta a soli due punti dai Viola e dai Partenopei, che non riescono ad andare oltre lo 0-0 contro i Giallorossi al San Paolo.

Juan Cuadrado (Juventus) ha segnato contro la Fiorentina, la sua ex squadra
Juan Cuadrado (Juventus) ha segnato contro la Fiorentina, la sua ex squadra ©AFP/Getty Images

Napoli-Roma 0-0
Il Napoli pareggia in casa contro la Roma e scivola a quattro punti dalla capolista. Al San Paolo, la partitissima tra i Partenopei e i Giallorossi finisce 0-0.

Avvio di gara di studio al San Paolo, le due squadre faticano a rendersi pericolose, soprattutto per via del pressing asfissiante voluto dai propri tecnici. La prima occasione è sui piedi di Lorenzo Insigne che liberato in area da Marek Hamšík, calcia alto con il sinistro. Alla mezz’ora i Giallorossi grazie a uno schema su corner, riescono a liberare Kostas Manolas solo in area, il destro al volo del greco finisce di poco alto sopra la traversa. L’ultimo sussulto è dei Partenopei che sfiorano il gol ancora con un sinistro di Lorenzo Insigne, che da buonissima posizione calcia alto sopra la traversa.

La squadra di Maurizio Sarri inizia in maniera più convinta la ripresa e si rende pericolosa col colpo di testa José Callejón, che finisce di poco alto sopra la traversa. Clamorosa l’occasione per i padroni di casa al 60’ quando Gonzalo Higuaín lancia in profondità Hamšík, lo slovacco prova il diagonale a tu per tu con Wojciech Szczęsny, ma lambisce di un soffio il montante. Dopo il gol annullato a Daniele De Rossi, per via dell’uscita della sfera sul cross di Antonio Rüdiger, è ancora Hamšík a farsi ipnotizzare in uscita dall’ottimo portiere Giallorosso. Nel recupero è il neoentrato Dries Mertens a rendersi pericoloso con un destro sul primo palo, ma Szczęsny respinge e Omar El Kaddouri non riesce a ribadire in rete fallendo l’ultima chance del match.

Marek Hamšík, capitano Napoli
Dispiace per il pari, abbiamo fatto una prestazione di carattere e dobbiamo essere soddisfatti, non siamo riusciti a segnare ma è stata una grande partita. Quando un giocatore arriva davanti alla porta vuole sempre segnare, a me stasera è mancata un po’ di fortuna. La nostra è stata una grande prestazione contro una squadra che lotta per lo Scudetto, abbiamo dominato la partita. Mancano ancora 20 partite, c’è tutto il tempo per recuperare.


Juventus-Fiorentina 3-1
Sesto successo consecutivo in Serie A per la Juventus, che con una prova di carattere sconfigge 3-1 l’ACF Fiorentina e si porta al quarto posto a soli due punti proprio dai Viola e dal Napoli.

E’ subito scoppiettante la sfida dello Juventus Stadium, con Federico Bernardeschi che viene atterrato da Giorgio Chiellini in area e conquista dopo solo due minuti il rigore realizzato con freddezza da Josip Iličić. I Bianconeri trovano subito il pari, con il grande ex Juan Cuadrado, che sul cross di Patrice Evra riesce a insaccare con un lob di testa sul secondo palo, trafiggendo un sorpreso Ciprian Tătăruşanu. L’occasione per il raddoppio juventino è sui piedi di Paulo Dybala, che dopo una bella serpentina in area consegna tra le braccia del portiere romeno.

E’ sempre la “Joya” il giocatore più pericoloso per i padroni di casa, l’argentino nella ripresa aggancia con il sinistro dentro l’area piccola, ma sfiora solo il palo. I Bianconeri, nonostante la sofferenza per il lungo possesso palla Gigliato, all’80’ riescono a passare: Mario Mandžukić lavora bene una sfera a centrocampo, servendo Paul Pogba che lancia in profondità Dybala; Tătăruşanu riesce a deviare in uscita ma il centravanti croato ribadisce in rete regalando il vantaggio ai suoi. I Viola non hanno la forza di reagire e in pieno recupero è Dybala, all’ottavo gol stagionale, a far di nuovo esultare i tifosi della Vecchia Signora.

Paulo Dybala, attaccante Juventus
Abbiamo iniziato male con un rigore ed è difficile quando vai subito sotto, poi siamo usciti alla grande, abbiamo trovato il pareggio subito e la forza per andare avanti. E’ bello fare gol però oggi è una giornata bella perché abbiamo trovato una vittoria importante, dobbiamo continuare così questa è la strada. Eravamo lontani dalla vetta, il mister aveva detto che prima di Natale avremmo capito il nostro obiettivo e adesso ci troviamo a pochi punti dal primo posto. Tutto è ancora aperto, manca ancora molto alla fine del Campionato, oggi abbiamo sconfitto una grande Fiorentina sono tante le squadre che possono ambire al vertice.