Il Bayern e CR7 fanno la storia, tris della Roma

I campioni di Germania continuano a vincere, Cristiano Ronaldo stacca Raúl González, Manchester City e Paris Saint-Germain collezionano successi, tris della Roma con l'Empoli: il rendimento delle squadre della fase a gironi.

Cristiano Ronaldo del Real Madrid festeggia con Marcelo dopo aver segnato il secondo gol in occasione della partita di campionato contro il Levante
Cristiano Ronaldo del Real Madrid festeggia con Marcelo dopo aver segnato il secondo gol in occasione della partita di campionato contro il Levante ©Getty Images

Gruppo A
Bastia - Paris 0-2 
Occorrono 72 minuti al PSG per spezzare l’equilibrio: i campioni di Francia ringraziano il loro fuoriclasse Zlatan Ibrahimović, che segna entrambi i gol raccogliendo gli assist prima di Edinson Cavani e poi di Serge Aurier. La formazione di Laurent Blanc resta in testa alla Ligue 1 imbattuta. 

Real Madrid - Levante 3-0 
Il Real Madrid vola in testa alla Liga, almeno fino a domenica quando il Villarreal se la vedrà con il Celta Vigo, in un pomeriggio che vede Cristiano Ronaldo realizzare il gol numero 324 con la maglia dei Galacticos, staccando definitivamente Raúl González. Malgrado una lunga i tanti giocatori infortunati, la squadra di casa domina e CR7 dopo una combinazione con Marcelo sblocca il risultato, prima che il fuoriclasse portoghese trovi il secondo gol personale due minuti dopo, al termine di una ripartenza gestita alla grande da Toni Kroos. Nel finale Ronaldo duetta con Lucas Vázquez e poi serve a Jesé l’assist per il definitivo 3-0.

Malmö - Kalmar 3-0 
Markus Rosenberg firma una doppietta negli ultimi 22 minuti e trascina gli ormai ex campioni di Svezia alla vittoria. Jo Inge Berget, che aveva ispirato il primo gol, firma personalmente il secondo, in mezzo ai due sigilli di Rosenberg.

Dynamo Kyiv - Shakhtar Donetsk 0-3
La striscia di imbattibilità di 38 giornate in campionato della Dynamo viene interrotta dai diretti rivali nella corsa al titolo ucraino. Marlos porta in vantaggio gli ospiti al 40' prima della doppietta di Alex Teixeira nella ripresa per il 3-0 finale: un risultato che consente allo Shakhtar di raggiungere la Dynamo in vetta al campionato.

©Getty Images

Gruppo B
CSKA Mosvka - Ural 3-2 
La capolista ritorna all’azione in patria con una vittoria contro l’Ural. Leonid Slutski concede un turno di riposo ad Alan Dzagoev e il suo sostituto Kirill Panchenko ripaga l’allenatore per la fiducia ottenuta con un gol dopo meno di due minuti. Gli ospiti riescono a pareggiare, ma la prima della classe ottiene l’intera posta in palio con le reti dell’ex romanista Seydou Doumbia e Pontus Wernbloom, prima di un’altra rete dell’Ural. L’ivoriano Doumbia va a segno per la nona volta nelle ultime nove partite con il CSKA.

Everton - Manchester United 0-3 
In una giornata in cui l’Everton commemora la morte di Howard Kendall, il manager che negli anni Ottanta trascinò i Toffees alla gloria, il Manchester United conquista una schiacciante vittoria che tiene la squadra di Louis van Gaal a due punti dalla capolista Manchester City. Morgan Schneiderlin porta in vantaggio i Red Devils, che poi prima dell’intervallo raddoppiano con un colpo di testa di Ander Herrera sul cross di Marcos Rojo. Herrera veste i panni anche dell’uomo assist e serve a Wayne Rooney, ex giocatore dell’Everton, il pallone per il tris al 62’.

©Getty Images

Wolfsburg - Hoffenheim 4-2 
Il Wolfsburg torna tra le prime quattro dopo che Max Kruse firma una grande vittoria con la sua prima tripletta in carriera in Bundesliga. Kruse sblocca il risultato dopo appena un minuto su assist di Julian Draxler, che poi innesta anche Bas Dost per il raddoppio. Jeremy Toljan e Jonathan Schmid riportano il risultato in equilibrio, ma Kruse porta di nuovo avanti i suoi prima di mettere al sicuro il risultato all’83’ dopo l’ottimo lavoro di André Schürrle.

PSV Eindhoven - Excelsior 1-1 
L'ex giocatore del PSV, Nigel Hasselbaink, pareggia in pieno recupero e impedisce alla sua vecchia squadra di raggiungere il secondo tempo. Il gol di Davy Pröpper al 62’ sembrava poter portare il PSV a due punti dall'Ajax capolista, nel giorno del ritorno dall'infortunio di Luuk de Jong. 

Gruppo C
Vianense - Benfica 1-2 (Coppa del Portogallo)
Jardel va a segno nel recupero e regala a un Benfica imbottito di secondo linee la vittoria contro un’avversaria di due categorie inferiore e porta la sua squadra ai sedicesimi. Mehdi Carcela-González aveva firmato il vantaggio delle Aquile prima dell’intervallo, mentre un’incredibile conclusione all’angolino di Mohamed Coulibaly aveva consentito ai padroni di casa di pareggiare a 12 minuti dalla fine.

Galatasaray - Gençlerbirliği 4-1 
Il Galatasaray, sotto 1-0 all’intervallo, rimonta e vince conquistando per il momento la vetta della classifica. Bilal Kisa pareggia, poi segnano Aurélien Chedjou e Yasin Öztekin prima che Burak Yılmaz, al rientro dopo un mese ai box per infortunio, trasformi un calcio di rigore pochi istanti dopo il suo ingresso in campo all’84’.

Real Sociedad - Atlético Madrid 0-2
L’Atlético ritrova la vittoria dopo due partite: è il nazionale francese Antoine Griezmann, al quarto gol nel campionato spagnolo, a sbloccare il risultato. Il talento belga Yannick Carrasco mette al sicuro il risultato, dopo una doppia espulsione per i padroni di casa. I Colchoneros di Diego Simeone si portano a due punti dalla vetta.

Astana - Ordabasy 2-1
L’Astana riduce a cinque punti il suo distacco dal Kairat Almaty, con quattro partite ancora da giocare rispetto alle tre dei rivali. Un’autorete di Serhiy Malyi e la rete nel secondo tempo di Roger Cañas regalano all’Astana il successo in una giornata che vede il Kairat pareggiare. Le prime due della classe si incontreranno domenica prossima in quella che si preannuncia una sfida decisiva per assegnare il titolo.

©AFP/Getty Images
©Getty Images

Eintracht Frankfurt - Borussia Mönchengladbach 1-5 
Il Mönchengladbach segna cinque gol in trasferta per la prima volta dall’agosto 2010 e ottiene la quarta vittoria in Bundesliga su quattro partite dall’insediamento in panchina di André Schubert. Il gol del vantaggio dopo 16 minuti di Raffael è cancellato dal rigore di Alexander Meier, ma gli ospiti segnano quattro gol dopo l’intervallo. Il giovanissimo Mahmoud Dahoud continua stupire e riporta avanti i suoi, prima di fornire a Raffael il pallone del 3-1. André Hahn entra dalla panchina e segna due gol negli ultimi otto minuti, il primo trasformando un calcio di rigore concesso per fallo su Dahoud.

Manchester City - Bournemouth 5-1 
Il Manchester City riprende quello che in pratica aveva interrotto prima della sosta per le nazionali, quando travolse 6-1 il Newcastle: la squadra di Manuel Pellegrini stavolta sommerge il Bournemouth, trascinata dalla tripletta di Raheem Sterling nel primo tempo, e resta in vetta alla classifica. Dopo aver ispirato il primo gol di Sterling, Wilifried Bony realizza personalmente il raddoppio dopo un intervento di Adam Federici, chiamato a difendere i pali degli ospiti dopo l’infortunio nel riscaldamento ad Artur Boruc. Glenn Murray dimezza lo svantaggio per il Bournemouth, ma altre due reti di Sterling firmano il 4-1 prima dell’intervallo; nella ripresa segna ancora l’ivoriano Bony dopo un’ottima iniziativa dello spagnolo Jesús Navas.

Eibar - Sevilla 1-1 
Il Siviglia perde terreno rispetto alle squadre di testa e ha bisogno di un gol al 71’ di Kevin Gameiro, su passaggio di Vicentre Iborra, per conquistare un punto sul campo dell’Eibar, subito in vantaggio grazie a Borja González. Gli andalusi finiscono in crescendo, ma devono accontentarsi di un punto. 

Gruppo E
Vitebsk - BATE Borisov 0-2
Il BATE conquista il decimo titolo bielorusso consecutivo con 3 giornate di anticipo grazie alla vittoria esterna per 2-0 contro il Vitebsk. Aleksei Rios (25') e Dmitri Mozolevski (31') consentono agli ospiti di mantenere la propria imbattibilità esterna, prima che i festeggiamenti abbiano inizio.

Barcelona - Rayo Vallecano 5-2 
Neymar realizza un poker per il Barcellona, che vince in rimonta e agguanta il Real Madrid in vetta alla Liga. Javi Guerro porta il Rayo in vantaggio ma Neymar trasforma due calci di rigore e porta i Blaugrana prima dell’intervallo. Nella ripresa Luis Suárez serve due assist a Neymar prima di fermare lui stesso il quinto sigillo.

Hamburg - Bayer Leverkusen 0-0 
Il Leverkusen scivola all’ottavo posto, fermato da una grande prestazione del portiere dell’Amburgo René Adler che tiene a bada tutti gli attacchi degli ospiti, che non riescono a sfruttare il loro predominio.

©Getty Images

Roma - Empoli 3-1 
E’ la giornata di Daniele De Rossi, che segna nel giorno della sua partita numero 500 con la maglia della Roma. La punizione di Miralem Pjanić al 56’ porta avanti i Giallorossi, poco dopo De Rossi raddoppia di testa sugli sviluppi di un corner battuto dallo stesso centrocampista bosniaco. Mohamed Salah sfrutta alla perfezione un assist di Gervinho e realizza il tris al 69’, prima del gol della bandiera dell’Empoli firmato da Marcel Büchel.

Gruppo F
Watford - Arsenal 0-3 
L’Arsenal resta appaiato al secondo posto al Manchester United, a due punti dalla vetta della Premier League, anche se impiega 62 minuti per piegare le resistenze del Watford. Alexis Sánchez sblocca il risultato, poi Olivier Giroud - entrato a gara iniziata - raddoppia; il tris porta la firma del gallese Aaron Ramsey.

Werder Bremen - Bayern München 0-1 
Il Bayern diventa la prima squadra a vincere le nove giornate iniziali della Bundesliga: una sgroppata di Thiago Alcántara, coronata da un perfetto passaggio, consente a Thomas Müller di realizzare il gol decisivo al 23’: i campioni di Germania riportano a sette punti il loro vantaggio. Dopo ave riperso la Supercoppa di Germania ai rigori contro il Wolfsburg, il Bayern ha vinto tutte le dodici partite disputate.

Dinamo Zagreb - NK Zagreb 4-1
Il gol al primo minuto di Gabrijel Boban sorprende la capolista Dinamo Zagreb, ma la doppietta di Junior Fernandes nel primo tempo e i gol di Armin Hodžić e Ángelo Henríquez regalano la vittoria ai padroni di casa.

Olympiacos - AEK Athens 4-0 
Settima vittoria su sette partite per l’Olympiacos in campionato: il derby sorride alla squadra di Marco Silva. Alberto Botía firma l’unico gol del primo tempo, mentre Ideye Brown raddoppia al 70’; Kostas Fortounis, in campo a gara iniziata, firma due reti, la seconda su calcio di rigore. 

Gruppo G
Varzim - Porto 0-2 (Coppa del Portogallo) 
Le reti di Cristian Tello e André André assicurano al Porto una vittoria che vale la qualificazione ai sedicesimi.

Maccabi Petach-Tikva - Maccabi Tel-Aviv 1-2 
Gli ospiti portano a quattro i punti di vantaggio in vetta al campionato israeliano grazie alla vittoria in casa della seconda in classifica. Il vantaggio di Carlos García per il Tel-Aviv è annullato da Guy Malemed ma il rigore di Eran Zahavi a dieci minuti dalla fine ristabilisce il vantaggio. Daniel Lifshitz è espulso all’86’, con Tel Ben Haim II che va in porta per gli ospiti, che però riescono a tenere. 

Dynamo Kyiv - Shakhtar Donetsk 0-3
Lo Shakhtar Donetsk ottiene una netta vittoria esterna per 3-0 contro la Dynamo Kyiv - un risultato che mette fine alla striscia di imbattibilità di 38 partite della Dynamo nel campionato ucraino. Marlos (40') porta in vantaggio lo Shakhtar prima della doppietta di Alex Teixeira nella ripresa - i suoi 15esimo e 16esimo gol stagionali -, una vittoria che permette agli uomini di Mircea Lucescu di raggiungere la Dynamo in vetta alla classifica.

Chelsea - Aston Villa 2-0 
Il Chelsea abbandona i bassifondi della Premier League grazie al successo casalingo contro il pericolante Aston Villa. Willian ruba il pallone e serve a Diego Costa l’assist del primo gol al 34’; a inizio ripresa Alan Hutton devia nella propria una conclusione sempre dell’attaccante spagnolo. 

Gruppo H
Kuban Krasnodar - Zenit 2-2 
Lo Zenit scivola a dieci punti dal CSKA ed è costretto a inseguire dopo soli due minuti trafitto da Xandão, che sblocca il risultato. Artem Dzyuba pareggia prima dell’intervallo e Oleg Shatov firma il 2-1, ma Lorenzo Melgarejo regala un importante pareggio ai padroni di casa.

©AFP/Getty Images

Monaco - Lyon 1-1
Il Lione lascia Monaco con qualche rimpianto nonostante il punto guadagnato grazie al gol di Rafael all'84. Mario Pašalić (39') porta in vantaggio i padroni di casa, ma da quel momento il Lione domina la gara, giocando anche in superiorità numerica gli ultimi 24 minuti dopo l'espulsione di Wallace. Nonostante 15 tiri in porta, Rafael è l'unico giocatore degli ospiti a riuscire ad andare in gol.

Valencia - Málaga 3-0 
Il Valencia ottiene la seconda vittoria consecutiva in casa e sale all’ottavo posto, a quota 12 punti in classifica. Allo Stadio Mestalla il Malaga è costretto a inseguire per un’autorete di Charles, poi arriva il raddoppio al 33’ di André Gomes; il tris porta la firma, all’89’ su rigore, di capitan Dani Parejo, dopo che gli ospiti avevano sbagliato un altro tiro dagli 11 metri.

Mouscron-Péruwelz - Gent 1-2
Il Gent vince in rimonta e ottiene la seconda vittoria esterna consecutiva contro il Mouscron-Péruwelz, rimanendo imbattutto in campionato in questa stagione. Noë Dussenne porta in vantaggio i padroni di casa, ma Laurent Depoitre al 69' e il rigore di Sven Kums al 78' ribaltano il risultato.