De Rossi punta sulla gioia

Contro la corazzata Bayern, "Capitan Futuro" è pronto all'esordio stagionale in UEFA Champions League. "Giocare con gioia è quello che ci riesce meglio", promette. "Vogliamo passare il turno e possiamo farcela".

Daniele De Rossi in conferenza stampa
Daniele De Rossi in conferenza stampa ©AFP/Getty Images

La prima partita l’ha saltata per squalifica, la successiva per infortunio. Adesso Daniele De Rossi è pronto all’esordio stagionale in UEFA Champions League e a riprendere per mano l’AS Roma, che dopo aver raccolto il lusinghiero bottino di quattro punti nelle prime due giornate del Gruppo E deve affrontare la supersfida contro un FC Bayern München a punteggio pieno.

Malgrado all’Olimpico si presenti una squadra che ha vinto il trofeo due anni fa e che nelle ultime tre stagioni ha sempre raggiunto almeno la semifinale, “Capitan Futuro” è convinto che i Giallorossi possano far bene e “passare il turno”.

Martedì sera è previsto un Olimpico “sold-out” e davanti ai suoi tifosi, poco meno di quattro anni fa, la Roma ha già battuto il Bayern Monaco, un 3-2 in rimonta in cui De Rossi firmò anche un gol. “Quella era una squadra forte”, ricorda il centrocampista della nazionale, “che fece una grande rimonta contro un’avversaria già qualificata e un pochino più morbida. L’ambizione della Roma è cambiata, anche per quello che abbiamo fatto lo scorso anno: sarà una partita non dico decisiva ma molto importante, potrebbe cambiare qualcosa ma siamo altrettanto forti, se non di più”.

Il tecnico Rudi Garcia ha ribadito che i Giallorossi sono un’outsider in un raggruppamento che comprende i campioni di Germania e i campioni d’Inghilterra del Manchester City FC: valutazione che De Rossi condivide, anche se...“Sono convinto che possiamo passare il turno”, afferma con fiducia, “Lo vedo dai giocatori, dal nostro gioco, da come abbiamo affrontato le prime due partite. Giocare con gioia è quello che ci riesce meglio, anche in campionato giochiamo sempre bene, ma una volta che entri in campo, gioia o non gioia, vai lì per vincere: abbiamo giocatori alla prima esperienza ma con un grande passato in nazionale, c’è chi ha fatto il Mondiale. Nessuno andrà per fare la figura, noi vogliamo passare il turno e possiamo farcela”.

Ma un pareggio contro il Bayern Monaco potrebbe andare bene martedì sera? “Se giocheremo da Roma, a viso aperto, renderemo i nostri tifosi orgogliosi, allora anche un pareggio andrà bene, lo accetteremo”, spiega De Rossi, “Ma non ci metteremo tutti dietro a fare la figura della provinciale davanti ai nostri tifosi, giocheremo come al solito. Cercheremo di vincere, se poi giocassimo una grande partita e pareggiassimo, non sarebbe da buttare”.

Anche perché De Rossi, vicino alle 40 presenze in UEFA Champions League (ne ha finora collezionate 38), sa benissimo che cosa riserva questa competizione. “La differenza è che in Europa giochi contro avversarie che se la giocano tutte, in Italia a livello tattico trovi muri contro, squadre rinunciatarie”, l’analisi, “Poi c’è sempre un brivido particolare, la UEFA Champions League è la manifestazione più importante per un calciatore. La sensazione è che la Roma negli anni ha sempre avuto una squadra forte, che ha saputo giocare a calcio e far bene in Europa, a volte anche meglio di quanto faceva in campionato”.

Ogni partita che passa sembra legittimare la decisione di Capitan Futuro di legarsi alla Roma e respingere le offerte, a volte più allettanti, di altre squadre. “La scelta non è nata per quelle vie (giocare la UEFA Champions League, ndr), l’ambizione viene messa in secondo piano. All’epoca ho avuto da scegliere e ho rifiutato cose più ambiziose”, conclude il centrocampista.

“Non è stata la voglia di vincere la UEFA Champions League a farmi rimanere qui, ma 30 anni di vita passati a tifare questa squadra. E’ il momento in cui mi sento meglio, non so se sia la squadra più forte in cui ho giocato, ma è il momento più alto della mia carriera. Mi sento circondato da giocatori fortissimi, un allenatore fortissimo e una società fortissima. Non potrei essere più felice come in questo momento”. Martedì sera spera di averne un motivo in più…