Il Lincoln si misura con l'Europa

Dopo aver vinto il 12esimo titolo consecutivo, il Lincoln è diventato la prima squadra a rappresentare Gibilterra in UEFA Champions League. L'avventura inizia mercoledì al primo turno di qualificazione contro il Tórshavn.

Il Lincoln ha fatto la tripletta di successi nel 2013/14
Il Lincoln ha fatto la tripletta di successi nel 2013/14 ©Ian Martinez | snaprimages.com

Vincendo il 12esimo titolo consecutivo, il Lincoln FC è diventato la prima squadra a rappresentare Gibilterra in UEFA Champions League. Ora, l'obiettivo è portare il successo anche sulla scena europea.

"Dopo 11 titoli consecutivi era impensabile non vincerne un altro per arrivare in Europa - ha commentato il tecnico Mick McElwee -. Quando sono arrivato nel 2003, il mio unico obiettivo era continuare a far crescere la squadra. L'opera prosegue, ma credo che l'attuale squadra possa crescere ancora se dimostrerà motivazione e ambizione".

Inseguire nuovi traguardi è uno dei motivi che nel 2011 ha portato in squadra il centrocampista Aaron Payas dal Glacis United FC. "Il Lincoln rispetta il vecchio cliché secondo cui bisogna 'giocare come in allenamento'. I risultati si vedono perché dominiamo da 12 anni", commenta a UEFA.com.

Nato nel 1976, il Lincoln ha vinto il primo campionato nel 1985 e ne ha aggiunti altri tra la fine degli anni '80 e inizi anni '90 (più uno nel 1999/2000) prima di inanellare 12 successi dal 2002/03. Il 20esimo titolo in totale, suggellato il 14 aprile di quest'anno, è stato il più importante, anche se le maggiori aspettative implicano una maggiore pressione.

"Vincere il 12esimo titolo è stato più un sollievo che una gioia - ammette Payas -. Immaginate se avessimo perso. La qualificazione in Champions League era il nostro Sacro Gral".

Con il Sacro Gral al sicuro, non resta che proseguire la marcia. Mercoledì, l'HB Tórshavn arriva al Victoria Stadium per la gara d'andata del primo turno di qualificazione. Il premio per chi vince è una sfida contro l'FK Partizan, ma il portiere Jordan Perez sa che battere l'HB non sarà facile perché la squadra delle Isole Faroe si è già imposta in un confronto amichevole a marzo (4-1). Ciò nonostante, partecipare al torneo è già una soddisfazione.

"Per il Lincoln significa essere la squadra di maggior successo a Gibilterra - spiega a UEFA.com -. Dopo 12 titoli consecutivi, essere la prima rappresentante del nostro paese in Champions League premia anni di duro lavoro. Affrontare un'avversaria delle Isole Faroe sarà una bella avventura e ci farà capire se siamo in grado di competere a questo livello".

Se la prova per il Lincoln è importante, McElwee è sicuro che i giocatori possano superarla. "I nostri tifosi meritano di godersi questo momento. Cercheremo di farli felici giocando al massimo", conclude.

Contenuti attinenti