Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Messi si riprende il Barça, Zapata non si abbatte

Lionel Messi non ha nascosto la sua gioia per essere tornato al gol contro il Milan dopo il recupero dall'infortunio e ha definito il Barcellona "superiore", mentre per Zapata le chance di qualificazione rossonere restano inalterate.

Lionel Messi ha battuto due volte Christian Abbiati
Lionel Messi ha battuto due volte Christian Abbiati ©AFP/Getty Images

Lionel Messi, attaccante Barcellona
Fin dall'inizio abbiamo giocato bene, facendo la partita come ci succede quasi sempre. Il gol subito poco prima dell'intervallo ha un po' complicato le cose, ma da quel momento in avanti siamo stati nettamente superiori.

Calciare un rigore [decidendo di mirare al centro della porta] dipende molto dalle sensazioni del momento, non è stato qualcosa di studiato in anticipo, soprattutto in questo caso. Ho già tirato diversi rigori contro [Christian] Abbiati e fino all'ultimo ho pensato che cosa fosse meglio fare. Lui è molto alto, e anche questo va considerato, inoltre è veloce nel distendersi in tuffo. Così ho deciso di calciare a mezz'altezza e centrale e ho fatto gol. Le cose sono andate così.

Sono tranquillo riguardo al mio recupero dall'infortunio. Sto ritrovando il ritmo giusto e credo che giocare due partite intere una dopo l'altra mi abbia aiutato a ritrovare lo stato di forma che avevo prima di fermarmi. Ho subito due infortuni in rapida successione e a livello fisico cose del genere incidono molto, ma ora me li sono lasciati alle spalle e sono soddisfatto delle mie condizioni.

Gerard Piqué, difensore Barcellona
Abbiamo giocato bene, creando molte occasioni, e credo che il Milan abbia fatto un solo tiro in porta. Forse ci è mancata un po' di fortuna in alcuni frangenti, ma si può dire che siamo in netta crescita; detto questo noi siamo il Barcellona e possiamo comunque giocare meglio. In ogni caso, stiamo andando nella giusta direzione.

Il nostro ritrmo di gioco si sta favcendo più veloce man mano che la stagione progredisce. Abbiamo un nuovo allenatore, che passo dopo passo ci sta mostrando che cosa vuole esattamente da noi e la squadra si sta impegnando per seguire al meglio le sue direttive. Lo si intuisce da ciò che accade in campo.

Credo che [Messi] ci abbia dato molto in questi anni, credo non ci sia altro da aggiungere dopo una partita come questa, anche perché si è ulteriormente avvicinato al record di gol assoluto in Champions League. Semplicemente, dobbiamo goderci il privilegio di averlo in squadra fin quando sarà con noi, più lui è incisivo, più noi siamo felici. Avere il miglior giocatore del mondo in squadra è sempre una cosa che fa piacere.

Neymar, attaccante Barcellona
Siamo molto felici di essere a un passo dalla qualificazione, ma mancano altre due partite e sarà importante vincerle. Affronteremo due squadre prestigiose, ma noi stiamo crescendo giorno dopo giorno. Messi è un grandissimo giocatore, senza dubbio il migliore al mondo. Ha avuto qualche problema in fase realizzativa in questo periodo, ma dopo i due gol di stasera tutto è ormai alle spalle.

Cristián Zapata, difensore Milan
Non sono sicuro che il punteggio finale rispecchi ciò che si è visto sul campo stasera. Eravamo venuti qui per vincere e abbiamo costruto diverse occasioni, ma sfortunatamente non siamo riusciti a sfruttarle. Non possiamo definirci soddisfatti di qi questa partita, il risultato è stato in bilico fino alle fasi finali, ma non siamo riusciti a trovare il gol che ci avrebbe regalato il pareggio.

Ora dobbiamo tornare a lavorare, perché le nostre chance di qualificazione rimangono inalterate. Quando Balo [Mario Balotelli] è entrato in campo ha subito cambiato volto alla squadra. a messo in difficoltà i difensori del Barça anche senza segnare. Per quanto riguarda Messi, quale crisi?

In alto