Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

L'Arsenal riprende Henry per due mesi

I Gunners hanno confermato il ritorno di Thierry Henry in prestito per due mesi dai New York Red Bulls, squadra della Major League Soccer.

Thierry Henry ha giocato con i Gunners dal 1999 al 2007
Thierry Henry ha giocato con i Gunners dal 1999 al 2007 ©Getty Images

L'Arsenal FC ha confermato il ritorno di Thierry Henry in prestito per due mesi dai New York Red Bulls, squadra della Major League Soccer.

Henry ha segnato 226 gol in 364 partite durante gli otto anni passati nel nord di Londra tra il 1999 e il 2007, dopo essere stato acquistato dalla Juventus per 14,9 milioni di euro, e la sua presenza servirà in particolar modo ai Gunners quando Marouane Chamakh e Gervinho parteciperanno alla Coppa d'Africa a gennaio e febbraio.

Il 34enne potrà disputare gli ottavi di finale di UEFA Champions League contro l'AC Milan rinforzando la squadra con cui ha conquistato due titoli della Premier League, nel 2002 e 2004, tre FA Cup, nel 2002, 2003 e 2005. Henry ha inoltre guidato i Gunners da capitano nella finale di UEFA Champions League persa 2-1 nel 2006 contro l'FC Barcelona, club nel quale l'attaccante francese si pè trasferito nel 2007 vincendo poi il trofeo due anni più tardi.

"Sono davvero felice - ha dichiarato il tecnico dell'Arsenal Arsène Wenger -. Potremo contare su Thierry a gennaio e febbraio, poi lui farà ritorno negli Stati Uniti. Sono sicuro che in questi due mesi il suo contributo sarà decisivo sia in campo che nello spogliatoio. Sarà tranquillo e non avrà pressioni, perciò ci tornerà davvero utile".

"Mi sembra un sogno - ha aggiunto Henry -. L'Arsenal ha sempre avuto un posto speciale nel mio cuore e non ho esitato nemmeno per un attimo. Non sono tornato per dimostrare qualcosa, ma solo per rendermi utile; so bene che si tratta di un prestito e che spesso andrò in panchina, ma la cosa non mi spaventa. Il mister ha già a disposizione una squadra che sta facendo bene, il mio desiderio è di farne parte".

L'Arsenal giocherà in casa del Milan il 15 febbraio l'andata degli ottavi di finale di UEFA Champions League e ospiterà i Rossoneri a Londra il 6 marzo.

Contenuti attinenti

In alto