Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Drogba-Champions League, il flirt continua

"Amo questa competizione", ha detto l'attaccante del Chelsea che ha messo da parte i recenti problemi segnando due volte nel 3-0 che ha portato la squadra di André Villas-Boas agli ottavi.

Didier Drogba festeggia con Juan Mata
Didier Drogba festeggia con Juan Mata ©Getty Images

Didier Drogba ha mandato un chiaro messaggio ai futuri avversari del Chelsea FC in UEFA Champions League: lentamente, ma lui e la sua squadra stanno ritrovando la forma migliore in vista della seconda metà della stagione.

I Blues hanno affrontato il Valencia CF sapendo che senza vittoria sarebbe arrivata la prima eliminazione nella fase a gironi in nove anni. E’ finita 3-0 per i londinesi con Drogba che ha segnato due volte e fornito a Ramires il pallone dell’altro gol.

"Era importante vincere specialmente sapendo che avevamo passato un periodo difficile nelle ultime settimane - ha detto Drogba -. Vincere sabato [3-0 in casa del Newcastle United FC] e ripeterci stasera è stato molto positivo".

"Lentamente, ma sto migliorando. Ho perso qualche pallone importante stasera e devo lavorare sulla condizione fisica per durare 90 minuti. Fossi stato in migliori condizioni, più fresco fisicamente, avrei segnato tre gol stasera. Amo questa competizione".

Il gol di Drogba al 3' ha regalato la migliore delle partenze alla squadra finalista nel 2009. "Ci ha permesso di trovare più spazi - ha aggiunto -. Come squadra abbiamo ancora delle cose da migliorare. Per vincere la Champions League devi essere forte ma anche fortunato. Ma giocando sempre così non si sa mai"

Se l'inclusione di Drogba al posto di Fernando Torres ha rappresentato una specie di ritorno al vecchio Chelsea, quella di Oriol Romeu al posto di Frank Lampard è un chiaro indicatore della strada intrapresa da André Villas-Boas.

Insieme agli energetici Raul Meireles e Ramires, Romeu ha blindato il centrocampo agli ospiti che giocavano bene ma non riuscivano a trovare varchi. "Cerco solo di dare il mio meglio - ha detto il giovane centrocampista arrivato dall'FC Barcelona ad agosto -. La squadra è molto unita è sta guadagnando fiducia. Sappiamo che in questo club c'è gente che vuole assolutamente questo trofeo e noi lavoriamo duramente per vincerlo".

Contenuti attinenti

In alto