UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Ferati crede ancora nel Basilea

Il difensore della squadra svizzera pensa che la qualificazione sia ancora possibile dopo la vittoria per 1-0 contro il Cluj. "Non si sa mai, possiamo vincere in casa del Bayern".

Ferati crede ancora nel Basilea
Ferati crede ancora nel Basilea ©Getty Images

Il difensore dell'FC Basel 1893, Beg Ferati, crede che la qualificazione sia ancora possibile dopo la vittoria per 1-0 contro l'CFR 1907 Cluj.

Intanto i campioni di Svizzera si sono assicurati quanto meno il terzo posto nel Gruppo E, anche se la vittoria per 3-2 dell'AS Roma sull'FC Bayern München rende il discorso qualificazione più complicato. "Non si sa mai, possiamo vincere in casa del Bayern - ha detto Ferati -. Eravamo molto concentrati e siamo riusciti a fermare i contropiede del Cluj lavorando molto duramente in difesa. E' sempre positivo quando si vince senza subire gol. Tutta la squadra ha giocato bene".

Pochi i rischi per i padroni di casa, come ha spiegato Alexander Frei: "Non penso che il Cluj abbia mai tirato in porta. Non abbiamo concesso spazi. Sarebbe stato bello segnare un secondo gol per stare più tranquilli, ma almeno alla fine è arrivata una seconda vittoria".

Il nazionale dello Zambia Fwayo Tembo è stato il giocatore ad andare più vicino al gol del raddoppio quando è stato fermato dalla traversa. Il 21enne, in campo al posto dello squalificato Valentin Stocker, ha imperversato sulla fascia guadagnandosi il premio di migliore in campo Player Rater. "E' fantastico essere scelto come migliore in campo alla mia prima partita dall'inizio - ha detto -. Si deve dare tutto per aiutare la squadra a vincere".

Per lui elogi anche da Ferati: "Fwayi ha giocato benissimo. E' veloce e ha creato molti problemi al Cluj con la sua forza fisica. Tecnicamente è eccellente e stasera ha lavorato molto sia in attacco che in difesa".

Il Cluj è fuori dall'Europa ma vuole chiudere in bellezza, come ha spiegato Emmanuel Koné: "Dobbiamo accettare il fatto che eravamo la squadra peggiore in un girone molto forte. Ma non è finita. Abbiamo ancora la partita in casa contro la Roma e vogliamo una grande prestazione. Non si affrontano squadre del genere ogni giorno".