Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Il Copenhagen festeggia con Ottesen

FC København - Rosenborg BK 1-0
(and.: 1-2, Copenhagen qualificato per i gol in trasferta)
Sölvi Ottesen decide una gara ricca di occasioni e regala ai danesi la fase a gironi di UEFA Champions League.

Solvi Ottesen (FC København)
Solvi Ottesen (FC København) ©Getty Images

Sölvi Ottesen mette fine a un'imbattibilità del Rosenborg BK che durava da 31 incontri e regala all'FC København la fase a gironi di UEFA Champions League.

Nel primo tempo, la squadra di casa colpisce due pali e passa in vantaggio con Ottesen al 33'. In un finale frenetico, il subentrato Roar Strand colpisce la traversa per gli ospiti, ma il Copenhagen la spunta e prenota un posto al sorteggio di giovedì, mentre il Rosenborg si qualifica per la UEFA Europa League.

I tifosi di casa salutano i giocatori con uno striscione che li invita ad essere "pronti per la battaglia", ma è il Rosenborg a partire più velocemente dei blocchi e Trond Olsen costringe Johan Wiland all'intervento dopo soli 20 secondi. In una partenza veement, Jesper Grønkjær supera Mikael Lustig e serve Oscar Wendt che appoggia per Martin Vingaard, ma il suo tiro finisce sul palo.

L'intensità continua ad aumentare, Zdeněk Pospěch spara alto su cross di Wendt e poi incorna un traversone di Vingaard fra le braccia di Daniel Örlund. Ma il Rosenborg non si nasconde e Wiland deve salvarsi con la punta delle dita su un pallonetto di Rade Prica. Il gioco si sposta velocemente sull'altro fronte e, su un disimpegno errato di Simen Wangberg, Vingaard prova la conclusione spedendo a fil di palo. Il gol, tuttavia, è nell'aria.

Ottesen sblocca infatti il risultato incornando in rete su un lungo traversone di Claudemir. Prima dell'intervallo c'è ancora tempo per un altro palo di Vingaard e per un tiro a lato di Pospěch dopo un contropiede guidato da Dame N'Doye. I padroni di casa chiudono la prima frazione di gioco con nove tiri a rete contro gli otto degli avversari, ma nella ripresa i ruoli si invertono e il Rosenborg, a caccia del gol qualificazione, controlla maggiormente.

Tuttavia, con Grønkjær sempre pericoloso sulla sinistra, il Copenhagen continua a farsi avanti e, su un'azione dello stesso giocatore, César Santin manca il raddoppio al quarto d'ora della ripresa. Le occasioni non sono finite e dopo qualche minuto Örlund è costretto all'intervento sui colpi di testa di Claudemir e N'Doye.

Sapendo che un gol subito comporterebbe l'uscita dal torneo, il pubblico di casa comincia ad avvertire la tensione ma, nonostante una pressione continua, il Copenhagen tiene duro e festeggia la qualificazione per la seconda volta nella sua storia.

In alto