Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Il PAOK adesso ci crede

Dopo l'ottimo 1-1 di Amsterdam la formazione del neo tecnico Pavlos Dermitzakis spera ora di raggiungere gli spareggi per la fase a gironi di UEFA Champions League a spese del ben più blasonato Ajax.

Il PAOK adesso ci crede
Il PAOK adesso ci crede ©vuurstphoto

Salonicco attende con trepidazione il ritorno del terzo turno preliminare di UEFA Champions League che oppone il PAOK FC all'AFC Ajax. Nei bar del lungomare della seconda città ellenica non si parla d'altro, e la temperatura supera i 35 gradi indicati dal termometro. I biglietti sono ormai esauriti da una settimana, e non è esagerato dire che i tifosi del PAOK hanno pianificato le proprie ferie in base alla partita.

Il PAOK giocherà mercoledì la partita numero 100 in Europa, e spera di festeggiare il traguardo con una vittoria di prestigio contro i quattro volte campioni d'Europa. L'ultimo successo del PAOK in Europa risale al 14 dicembre 2005: 5-1 contro lo Stade Rennais FC nella fase a gironi di Coppa UEFA. Da allora il PAOK è stato lontano dall'Europa per tre stagioni, e lo scorso anno è stato sconfitto nello spareggio di UEFA Europa League dall'SC Heerenveen.

Gli sforzi di due vincitori di UEFA EURO 2004 - Theodoros Zagorakis, l'ex giocatore diventato presidente, e Zisis Vryzas, direttore tecnico dal 2007 – hanno contribuito a risollevare le sorti del PAOK in patria. La scorsa stagione, la formazione di Salonicco si è guadagnata l'accesso allo spareggio di UEFA Champions League ai danni dell'Olympiacos FC.

Nel frattempo il tecnico Fernando Santos ha lasciato la guida tecnica della squadra dopo tre stagioni al timone. Al suo posto era arrivato Mario Beretta, ma il tecnico italiano è durato soltanto un mese, sostituito il 23 luglio dal 41enne Pavlos Dermitzakis. Il neo tecnico ha avuto appena sei giorni per risollevare il morale della squadra in vista della trasferta contro l'Ajax dopo un precampionato difficile.

Nonostante le avversità, il PAOK è uscito indenne dalla sfida di Amsterdam. Subito sotto di un gol, opera di Luis Suárez, la formazione ellenica ha reagito nella ripresa pareggiando al 73' con Vladimir Ivić. Il centrocampista offensivo serbo ha dichiarato: "Siamo stati fortunati a contenere il passivo nel primo tempo. In ogni caso abbiamo ottenuto un buon risultato contro un avversario di valore e adesso crediamo nella qualificazione”.

L'attaccante Dimitris Salpingidis, che mercoledì tornerà allo stadio Toumba dopo quattro stagioni al Panathinaikos FC, è ottimista. "Nulla è ancora deciso. Faremo il massimo per dare una gioia al nostro caloroso pubblico”. Oltre che grande allegria ai tifosi, la qualificazione regalerebbe la certezza di un posto in Europa per la prossima stagione e un ricostituente per le finanze del club.

Il PAOK dovrà fare a meno fra i pali del nazionale Kostas Chalkias, che si è fratturato un dito nel finale della gara d'andata. Il tecnico Dermitzakis dovrebbe invece recuperare Zlatan Muslimović. L'attaccante bosniaco dovrebbe aver smaltito l'infortunio all'inguine che gli ha impedito di viaggiare in Olanda la scorsa settimana.

In alto