Si torna a giocare: la UEFA si sta preparando per un ritorno alle sue competizioni d'elite nella massima sicurezza.

Maggiori informazioni >

Mourinho vede una nuova Inter

José Mourinho si gode la qualificazione alla semifinale di UEFA Champions League, ma è soprattutto felice per la nuova mentalità della sua squadra, Leonid Slutsky elogia i nerazzurri ma anche il coraggio del CSKA.

Mourinho vede una nuova Inter
Mourinho vede una nuova Inter ©UEFA.com

Il tecnico dell'FC Internazionale Milano, José Mourinho, ha portato la sua squadra alla semifinale di UEFA Champions League grazie al successo per 1-0 in casa del PFC CSKA Moskva, ma è soprattutto felice per la nuova "fiducia e la mentalità" dei nerazzurri. Dopo il gol in apertura di Wesley Sneijder e l'espulsione di Chidi Odiah a inizio ripresa, Leonid Slutsky crede che il suo CSKA non poteva fare davvero di più.

José Mourinho, allenatore Inter
Abbiamo ottenuto cinque vittorie consecutive in Champions League, arriviamo in semifinale in maniera più che meritata. Si può parlare di un cambio totale nella storia dell'Inter in questa competizione, la squadra adesso ha fiducia e la giusta mentalità. Ora può succedere di tutto, possiamo vincere la Champions ma anche non vincerla, in ogni caso da adesso l'Inter scenderà in campo in maniera diversa in Europa. Siamo maturati, ma ora vogliamo qualcosa in più. Abbiamo due sogni, arrivare in finale e vincerla.

Il blocco difensivo dei quattro difensori e dei due centrocampisti ha fatto un'ottima gara, tutti hanno dato il loro contributo anche se oggi potevamo fare meglio a livello di possesso palla e potevamo segnare più gol. È uscita la gara che volevamo. Non sarà stata una grande partita, ma volevamo la semifinale. A Mosca sono venuti 500 tifosi nerazzurri, dovevamo ripagarli con la qualificazione, non con lo spettacolo, e ci siamo riusciti.

Leonid Slutsky, allenatore CSKA
Sapevamo che Wesley Sneijder era pericoloso sui calci piazzati ma è davvero difficile evitare punizioni contro un attacco come quello dell'Inter. Il gol in apertura, e l'infortunio di Vasili Berezutski hanno reso tutto difficile, poi è arrivata anche l'espulsione nella ripresa. Ringrazio comunque i ragazzi perché hanno comunque lottato fino alla fine. Credo che abbiamo dimostrato che non siamo arrivati ai quarti solo per fortuna.

In alto