Guardiola la prende con filosofia

Il tecnico del Barcellona afferma che "non c'è nessuno da incolpare" dopo lo 0-0 nell'andata della semifinale contro il Chelsea, mentre il suo collega Guus Hiddink elogia la coraggiosa prova difensiva dei suoi uomini.

Josep Guardiola (FC Barcelona)
Josep Guardiola (FC Barcelona) ©Getty Images

L’allenatore dell’FC Barcelona Josep Guardiola ha elogiato la sua squadra per la prestazione offerta nel pareggio a reti inviolate ottenuto nella semifinale di andata contro il Chelsea FC e promette “di andare a Londra con lo stesso spirito”, per il ritorno di mercoledì prossimo. Guus Hiddink, dal canto suo, è consapevole che “niente è deciso”, dopo la bella prova difensiva della sua squadra, simboleggiata dalla prestazione stellare di Petr Čech e John Terry.

Josep Guardiola, allenatore del Barcelona 
Il risultato è quello che è, nel calcio non si può dire che si sarebbe meritato di più. I nostri avversari conoscono il nostro gioco e hanno una tattica molto difensiva. In difesa erano in sei, forti fisicamente, ma noi abbiamo cercato di praticare il nostro gioco e abbiamo regalato un bello spettacolo. Andremo a Londra con lo stesso atteggiamento, niente lo farà cambiare. Non c’è niente di cui vergognarsi dopo una prestazione come questa, nessuno da incolpare per la mancata vittoria. Posso solo essere orgoglioso dei miei giocatori. Non è mai facile giocare bene quando l’avversario non cerca di spingersi in avanti e di giocare a calcio. Gli incontri a livello europeo posso essere decisi da piccoli dettagli e questa sera non abbiamo avuto fortuna.
Vinciamo da molti mesi, la fiducia è alta, ma abbiamo ancora bisogno del sostegno dei nostri tifosi. Stasera ci sono stati di grande aiuto. Abbiamo giocato con grande impegno e la gente lo ha apprezzato. Noi scendiamo sempre in campo per vincere, e lo stesso faremo sabato contro il Real Madrid.

Guus Hiddink, allenatore del Chelsea
Siamo contenti del risultato, se consideriamo i recenti risultati del Barcellona e i punteggi di partite giocate su questo campo. Credo che sia la prima volta che non segnano in casa in questa stagione, per noi è proprio un’impresa. Siamo riusciti ad essere molto disciplinati tatticamente, in fase difensiva, ma nel primo tempo non siamo stati bravi nel possesso di palla e abbiamo calciato via troppi palloni. Nella ripresa abbiamo giocato meglio. Alla squadra vanno i miei complimenti per essere riuscita a cogliere questo risultato in circostanze difficili, ma al ritorno dovremo cercare di migliorare. Oggi come oggi non è un grande vantaggio giocare in casa o fuori, per cui tutto è da decidere, ma si tratta comunque di un ottimo risultato contro una squadra forte.
Petr è stato molto bravo. Ha salvato la partita e anche (José) Bosingwa ha fatto un ottimo lavoro, coadiuvato da (Florent) Malouda sulla fascia sinistra, ed anche John Terry ha dato il suo contributo nelle incursioni di Messi. Su questo campo bisogna giocare con coraggio e intelligenza. Terry è stato un esempio per tutta la squadra, che si è comportata molto bene. Questa è una squadra che deve giocare meglio in fase di possesso di palla, ma questi avversari non ti consentono di giocare agevolmente. La mia squadra si sacrifica molto ed è pronta a dare tutto per la causa. Sono molto solidi dal punto di vista psicologico.