Il Barcellona nella tana dei Blues

Il Chelsea attende i catalani allo Stamford Bridge per il ritorno delle semifinali sperando di prolungare la striscia di risultati positivi iniziata nel febbraio 2006 – quando furono gli spagnoli a vincere.

Guus Hiddink (Chelsea FC)
Guus Hiddink (Chelsea FC) ©Getty Images

Il Chelsea FC attende l'FC Barcelona allo Stamford Bridge per il ritorno delle semifinali sperando di prolungare la striscia di risultati positivi iniziata nel febbraio 2006 – quando furono gli spagnoli a vincere.

• I catalani sono usciti dal torneo per mano di squadre inglesi nelle ultime due stagioni -  Manchester United FC la scorsa stagione e Liverpool FC due anni fa agli ottavi.

• Il Barça spera che la storia non si ripeta dato che finì 0-0 in casa all'andata contro lo United nel 2007/08 prima di perdere per 1-0 al ritorno a Old Trafford.

• Entrambe le squadre potevano portarsi in vantaggio all'andata al Camp Nou, e il portiere del Barcellona Victor Valdés ha fatto una bella doppia parata su Didier Drogba nel primo tempo mentre Petr Čech si è superato sui tiri di Samuel Eto'o e Aleksandr Hleb, anche se Bojan Krkić avrebbe potuto portare i Blaugrana in vantaggio nel recupero mandando fuori di testa da distanza ravvicinata.

• Per la prima volta in questa stagione il Barcellona in 28 partite al Camp Nou non ha segnato; l'ultima squadra a lasciare Barcellona senza aver subito reti fu lo United nelle semifinali dello scorso anno.

• La squadra di Josep Guardiola è imbattuta in trasferta – ha segnato 14 gol in cinque gare finora – ma non sarà facile allo Stamford Bridge, dove il Chelsea ha uno score formidabile in UEFA Champions League.

• Mentre il Chelsea cerca la seconda semifinale consecutiva, trae incoraggiamento dalla serie di 17 risultati utili consecutivi allo Stamford Bridge iniziata nel febbraio 2006. Sanno anche di avere in Guus Hiddink un allenatore esperto in qusta competizione, avendo vinto e perso le semifinali con il PSV Eindhoven.

• L’allenatore del Barcellona Josep Guardiola ha vinto una semifinale da giocatore nel 1994 e la sua squadra è stata l'ultima a vincere qui in questa competizione quando superò per 2-1 i Blues grazie a una autorete di John Terry e al gol di Samuel Eto'o nella stagione 2005/06. E' stata la prima sconfitta casalinga del Chelsea contro un'avversaria spagnola e la sconfitta complessiva per 3-2 rappresenta l'ultima volta nella quale sono stati eliminati dalla UEFA Campions League da una squadra non inglese.

• Il Chelsea ha prevalso (7-5 complessivo) nell’emozionante quarto di finale contro il Liverpool (3-1 fuori casa, 4-4 in casa). Negli ottavi aveva superato 3-2 la Juventus (1-0 in casa, 2-2 fuori), dopo aver concluso al secondo posto il Gruppo A con tre vittorie, due pareggi e una sconfitta.

• Il Barcellona ha raggiunto la terza semifinale in quattro stagioni battendo nettamente il Bayern Monaco (4-0 in casa, 1-1 fuori). Negli ottavi aveva superato 6-3 il Lione (1-1 fuori, 5-2 in casa). I catalani hanno vinto inoltre il Gruppo C con quattro vittorie, un pareggio e una sconfitta.

• Il Chelsea ha vinto una delle precedenti quattro semifinali disputate:
2007/08 Liverpool; vittoria 4-3 (1-1 in trasferta, 3-2 in casa)
2006/07 Liverpool 1-1; sconfitta 1-4 ai calci di rigore (1-0 in casa, 0-1 in trasferta)
2004/05 Liverpool; sconfitta 0-1 (0-0 in casa, 0-1in trasferta)
2003/04 AS Monaco FC; sconfitta 3-5 (1-3 in trasferta, 2-2 in casa)

• Il Barcellona ha vinto quattro delle precedenti nove semifinali disputate.
2007/08 Manchester United; sconfitta 0-1  (0-0 in casa, 0-1 in trasferta)
2005/06 AC Milan; vittoria 1-0 (1-0 in trasferta, 0-0 in casa)
2001/02 Real Madrid CF; sconfitta 1-3 (0-2 in casa, 1-1 in trasferta)
1999/00 Valencia CF; sconfitta 3-5 (1-4 in trasferta, 2-1 in casa)
1993/94 FC Porto; vittoria 3-0 (in casa)
1985/86 IFK Göteborg 3-3; vittoria 5-4 ai calci di rigore (0-3 in trasferta, 3-0 in casa)
1974/75 Leeds United AFC; sconfitta 2-3 (1-2 in trasferta, 1-1 in casa)
1960/61 Hamburger SV; vittoria 1-0 (ripetizione) (1-0 in casa, 1-2 in trasferta)
1959/60 Real Madrid CF; sconfitta 2-6 (1-3 in trasferta, 1-3 in casa)
I catalani hanno raggiunto la finale dell’edizione 1991/92 vincendo il proprio girone.

• Le due squadre si sono già affrontate tre volte in sfide a eliminazione diretta di UEFA Champions League. Il Barcellona ha prevalso due volte -  anche se in entrambi i casi la squadra che ha giocato il ritorno in casa ha prevalso.

• L’elenco completo delle suddette sfide:
Quarti di finale 1999/00
Chelsea – Barcellona 3-1
Barcelona - Chelsea 5-1 (dts)
Vittoria complessiva del Barcellona per 6-4

Ottavi di finale 2004/05
Barcellona – Chelsea 2-1
Chelsea – Barcellona 4-2
Vittoria complessiva del Chelsea per 5-4

Ottavi di finale 2005/06
Chelsea – Barcellona 1-2
Barcellona – Chelsea 1-1
Vittoria complessiva del Barcellona per 3-2

• Gli unici superstiti della prima sfida nel 1999/00 sono i giocatori del Barcellona Carles Puyol e Xavi Hernández e il loro allenatore Josep Guardiola. Puyol ha giocato entrambe le gare, mentre Xavi ha giocato l’andata a Londra e Guardiola il ritorno, che coincise con la sconfitta più pesante del Chelsea in Europa.

• I due club si sono affrontati anche nella fase a gironi 2006/07. Il Chelsea si è imposto 1-0 a Stamford Bridge con un gol al 47’ di Didier Drogba. L’ivoriano ha firmato inoltre il 2-2 al Camp Nou a tempo scaduto. Prima del sigillo di Drogba, Deco, attualmente in forza al Chelsea, aveva portato in vantaggio il Barcellona, quindi erano seguiti i gol di Frank Lampard (52’) ed Eidur Gudjohnsen (58’).

• Le formazioni complete della sfida più recente giocata a Londra il 18 ottore 2006:
Chelsea: Henrique Hilário, Khalid Boulahrouz (Joe Cole), Ricardo Carvalho, John Terry, Ashley Cole, Michael Essien, Claude Makelele, Michael Ballack (Paulo Ferreira), Frank Lampard, Didier Drogba (Salomon Kalou), Andriy Shevchenko (Arjen Robben).
Barcellona: Víctor Valdés, Gianluca Zambrotta, Rafael Márquez, Carles Puyol (Oleguer Presas), Giovanni van Bronckhorst (Andrés Iniesta), Xavi Hernández, Edmílson, Deco, Lionel Messi, Eidur Gujohnsen (Ludovic Giuly), Ronaldinho.

• Il bilancio del Chelsea contro le squadre spagnole: V11 P6 S6.

• Il bilancio in casa: V6 P3 S.

• Il bilancio nelle doppie sfide a eliminazione diretta contro club spagnoli: V3 S4.

• I londinesi hanno pareggiato le ultime due sfide contro squadre spagnole allo Stamford Bridge – 1-1 con il Valencia nei quarti 2006/07 e 0-0 sempre col Valencia nella fase a gironi della scorsa stagione.

• Il Chelsea ha battuto il Real Madrid CF per vincere il suo primo titolo europeo – la Coppa delle Coppa UEFA. I londinesi hanno vinto la ripetizione della finale per 2-1 dopo l'1-1 ad Atene.

• Il bilancio del Barcellona contro le squadre inglesi: V20 P15 S15.

• Il bilancio in trasferta: V6 P6 S12.

• Il bilancio nelle doppie sfide a eliminazione diretta contro club inglesi: V7 S7.

• Il Barcellona ha una tradizione negativa in semifinale contro i club inglesi, avendo perso quattro confronti su cinque:
UEFA Champions League 2007/08, Man United; sconfitta 0-1 (0-0 in casa, 0-1 in trasferta)
Coppa UEFA 2000/01, Liverpool; sconfitta 0-1 (0-0 in casa, 0-1 in trasferta)
Coppa delle Coppe UEFA 1981/82 Tottenham Hotspur FC; vittoria 2-1 (1-1 in trasferta, 1-0 in casa)
Coppa UEFA 1975/76 Liverpool; sconfitta 1-2 (0-1 in casa, 1-1 in trasferta)
Coppa dei Campioni 1974/75 Leeds United AFC; sconfitta 2-3 (1-2 in trasferta, 1-1 in casa)

• Il Barcellona ha avuto alterne fortune nelle finali contro squadre inglesi: sconfitta per 2-1 nella finale di Coppa delle Coppe UEFA nel 1991 e vittoria con lo stesso punteggio contro l’Arsenal nella finale di UEFA Champions League nel 2006.

• Il Barcellona ha ottenuto uno 0-0 in casa nell'andata di una sfida europea solo due volte in precedenza; contro lo United nelle semifinali della scorsa stagione e con il Liverpool FC nelle semifinali di Coppa UEFA 2000/01. In ciascuna occasione gli spagnoli hanno perso il ritorno per 1-0.

• In generale in quattro delle nove occasioni in cui il Barcellona ha pareggiato l'andata in casa, hanno poi vinto il ritorno in trasferta.

• Il Chelsea ha ottenuto uno 0-0 nell'andata di un contronfo in competizioni UEFA per club due volte in precedenza, e in un'occasine si è qualificato. Per la precisione contro l'Olympiacos CFP agli ottavi di UEFA Champions League la scorsa stagione grazie alla vittoria per 3-0 allo Stamford Bridge. Il Chelsea ha invece perso con gli svedesi dell'Åtvidabergs FF nel secondo turno della Coppa delle Coppe UEFA, e poi è stato eliminato per la regola dei gol in trasferta -  dopo l'1-1 a Londra.

• La sconfitta con l'Åtvidaberg è l'unica volta in cinque occasioni in cui il Chelsea è stato eliminato dopo aver pareggiato all'andata in trasferta. Questa statistica include le recenti vittorie in UEFA Champions League con Liverpool (semifinali 2007/08, 1-1 in trasferta, 3-2 in casa dopo i supplementari) e FC Porto (quarti di finale 2006/07, 1-1 in trasferta, 2-1 in casa).

• L’allenatore del Chelsea Hiddink ha guidato il PSV, sua ex squadra, alla qualificazione contro il Real Madrid nella semifinale di Coppa dei Campioni del 1988: 1-1 in Spagna e 0-0 in casa.

• Nella sua seconda esperienza al PSV, Hiddink ha perso di misura la semifinale 2004/05 contro il Milan: sconfitta per 2-0 fuori casa e vittoria in casa per 3-1.

• Hiddink ha perso 3-0 alla guida della Russia la semifinale di UEFA EURO 2008™ contro la Spagna, nelle cui file militavano Andrés Iniesta, Puyol e Xavi del Barcellona, con quest’ultimo autore del primo gol.

• Puyol e Xavi hanno giocato e perso ai calci di rigore con la Spagna il quarto di finale mondiale del 2002 contro la Corea del Sud di Hiddink. Xavi ha trasformato il rigore nella serie finale persa 5-3 dopo 120 minuti terminati senza reti.

• Hiddink ha allenato in Spagna il Valencia (1991-93), il Real Madrid (1998-99) e il Real Betis Balompié (2000). Con il Valencia ha incassato cinque sconfitte su sei gare contro il Barça, vincendo una sola volta 1-0 al Mestalla nel 1991/92. Il bilancio dell'olandese è migliorato solo lievemente con il Real Madrid, con cui ha ottenuto un pareggio per 2-2 in casa e una sconfitta per 3-0 al Camp Nou. Il tecnico olandese ha tuttavia vinto con il Betis la prima sfida contro i Blaugrana, il 13 febbraio 2000, imponendosi in casa 2-1.

• Hiddink ha guidato il Valencia a vincere contro il Barcellona agli ottavi di Copa del Rey 1991/92. Il Valencia ha vinto in casa per 4-2 e anche se ha perso il ritorno per 2-0, ha prevalso 5-4 ai rigori.

• Guardiola ha vinto la Coppa dei Campioni da giocatore a Wembley ma il suo score contro avversarie inglesi era V1 S1 P3:
2-2 - Manchester United FC, UEFA Champions League 1993/94
4-2 - Arsenal FC, UEFA Champions League 1999/00
1-3 - Chelsea, UEFA Champions League 1999/00
0-3 - Inghilterra, amichevole2000/01
0-1 - Liverpool, Coppa UEFA 2000/01-0

• Il centrocampista del Chelsea Deco e Juliano Belletti hanno fatto parte della formazione del Barcellona che ha sconfitto l’Arsenal nella finale di UEFA Champions League nel 2006. Ashley Cole, in forza al Chelsea, Thierry Henry e Aleksandr Hleb, attualmente al Barcellona, hanno giocato e perso quella finale con l’Arsenal.

• Belletti ha anche segnato un'autorete mentre era al Barcellona contro il Chelsea al Camp Nou nella prima sfida tra i due club nel 2004/05.

• Nei suoi otto anni trascorsi all’Arsenal (1999-07), Henry ha realizzato dieci gol in 19 partite contro il Chelsea, con un bilancio di nove vittorie e quattro sconfitte.

• Hleb ha militato nelle file dell’Arsenal dal 2005 al 2008, affrontando otto volte il Chelsea: una vittoria e cinque sconfitte.

• L’attaccante del Barcellona Gudjohnsen ha passato sei stagioni a Londra con il Chelsea dal 2000 al 2006, vincendo due titoli di Premier League e una Coppa di Lega.

• Nelle due squadre militano diversi compagni di nazionale: i francesi del Barça Eric Abidal ed Henry e quelli del Chelsea Florent Malouda e Nicolas Anelka; l’ivoriano Yaya Touré del Barça e i connazionali del Chelsea Drogba e Salomon Kalou.

• La vincente affronterà in finale una fra Manchester United e Arsenal allo Stadio Olimpico di Roma il 27 maggio.