Il Chelsea costringe il Barça al pareggio

FC Barcelona - Chelsea FC 0-0
Una prestazione convinta dei Blues impedisce ai catalani di segnare in casa per la prima volta in stagione, nonostante abbiano gestito l'incontro.

Lionel Messi (FC Barcelona)
Lionel Messi (FC Barcelona) ©Getty Images

Per la seconda stagione consecutiva l’FC Barcelona ha trovato difficoltà contro un avversario inglese in semifinale di UEFA Champione League. La solida prova difensiva del Chelsea FC ha consentito agli inglesi un pareggio a reti inviolate in Catalogna.

Emozioni nel recupero
Il Barça non è riuscito a vincere nelle ultime quattro partite interne contro squadre della Premier League e, a un anno dal pareggio contro il Manchester United FC, ha allungato la serie nonostante abbia dominato l’incontro. Nella ripresa Petr Čech si è prodotto in una bella parata su un tiro di Samuel Eto'o, ma in fase di recupero la squadra di casa avrebbe potuto cogliere un prezioso vantaggio, quando il subentrato Bojan Krkić ha mandato alto di testa da distanza ravvicinata e Čech si è opposto a un tentativo di Aleksandr Hleb. Prima del riposo Victor Valdés era stato chiamato a un doppio intervento contro Didier Drogba e ad accentuare la delusione del Barcellona per non essere riuscito a segnare in casa per la prima volta in questa stagione, la squadra di Josep Guardiola ha perso il difensore centrale Rafael Márquez per un infortunio al ginocchio. Il suo sostituto Carles Puyol ha rimediato un cartellino giallo che lo esclude dal ritorno tra una settimana. Nessuno in casa del Barcellona ha dimenticato l’eliminazione patita 12 mesi fa in casa dello United, dopo un identico risultato nella gara di andata.

Pressing costante
La scelta di Hiddink di schierare John Mikel Obi e Michael Ballack come centrocampisti arretrati davanti a una difesa a quattro del Chelsea si rivela subito indovinata. La zona nella quale Andrés Iniesta, Xavi Hernádez e Lionel Messi operano i loro pericolosi passaggi risulta molto trafficata, e la squadra di casa deve abbassare il ritmo di gioco. Quando, però, Čech sbaglia l’intervento su un semplice cross, Messi supera sullo scatto l’esterno sinistro di difesa José Bosingwa, con il portoghese che nell’occasione commette fallo, si capisce che al Campo Nou si comincia ad assistere al consueto copione.

Occasione per Drogba 
Dopo una serie di belle manovre Xavi, Eto'o e Thierry Henry hanno l’opportunità di calciare a rete, con il ritmo del gioco che aumenta costantemente e il Chelsea che, seguendo le indicazioni di Hiddink, evita di spingersi troppo in avanti. Quando gli ospiti, reduci da due pareggi nelle ultime due partite giocate su questo campo, cercano di opporsi alle avanzate degli avversari, Ballack e Alex rimediamo ammonizioni, e a loro si aggiunge Yaya Touré, segnale della frustrazione che si va insinuando nelle file della squadra di casa. Quando Henry effettua il tiro più potente e preciso del primo tempo e Čech deve deviare in angolo il gol del Barça sembra ormai prossimo. La migliore occasione del primo tempo, invece, capita al Chelsea quando Márquez sbaglia l’intervento su un lancio lungo, permettendo a Drobga di lanciarsi a rete, ma il tiro dell’attaccante ivoriano viene bloccato in due tempi da Valdés.

Infortunio a Márquez
All’inizio della ripresa la porta del Barcellona è sottoposta a maggiore pressione. Daniel Alves commette fallo e Drogba indirizza la conseguente punizione verso la testa di Ballack, ma l’occasione sfuma. La gara si mantiene su alti livelli di intensità e dopo un duro scontro tra Henry e Alex, la serata negativa di Márquez prosegue quando è costretto a lasciare il campo per un problema al ginocchio. Il Barça reagisce bene al duro colpo. Alves irrompe nell’area del Chelsea e Čech si produce in un altro bell’intervento.

Belle parate
Messi e Alves continuano ad impensierire la porta del Cheslea e Čech si oppone di piede con grande bravura a Eto'o, che si era liberato con abilità di Alex. Le emozioni più forti, comune, devono ancora arrivare. Bojan manda alto di testa da ottima posizione su cross dalla destra di Alves, prima che Čech coroni la sua eccellente prestazione opponendosi a un ultimo tentativo di Hleb.