Scolari blocca Lampard e Drogba

Il neo allenatore del Chelsea considera il centrocampista e l’attaccante essenziali per il futuro del club.

Luiz Felipe Scolari è il nuovo allenatore del Chelsea FC
Luiz Felipe Scolari è il nuovo allenatore del Chelsea FC ©Getty Images

Luiz Felipe Scolari si è insediato come nuovo allenatore del Chelsea FC manager e ha subito precisato di ritenere Frank Lampard e Didier Drogba elementi chiave per il futuro del club. 

Nuovo incarico
Il Chelsea aveva annunciato durante UEFA EURO 2008™ che il 59enne tecnico brasiliano avrebbe lasciato il suo incarico di selezionatore del Portogallo a fine torneo per raccogliere il testimone di Avram Grant sulla panchina dei Blues. Malgrado le voci insistenti sul possibile addio di Lampard e Drogba, Scolari è fiducioso che entrambi resteranno a Stamford Bridge.

Promessa di Lampard
"Ho incontrato ieri Frank Lampard e gli ho espresso la mia stima nei suoi confronti come calciatore e come uomo, e l’ho invitato a restare al Chelsea per i prossimi anni - ha confidato Scolari -. Nel giro di un quarto d’ora ha accettato e ribadito di voler giocare nel Chelsea per molti anni. Sono molto felice in quanto ritengo che il Chelsea abbia bisogno di Lampard”. Sul futuro di Drogba, Scolari ha aggiunto: "Resta al duecento per cento! Due anni fa l’ho inserito nella lista dei migliori calciatori del mondo. L’anno precedente avevo votato John Terry. Adesso che sono miei giocatori, sono felice!”.

Titoli
Dopo la prima esperienza sulla panchina del CS Alagoano nel 1982, Scolari ha allenato squadre in Arabia Saudita, Kuwait, Giappone e Brasile, guidando sia il Grêmio FBPA che il SE Palmeiras al successo in Coppa Libertadores, prima di diventare selezionatore verdeoro nel 2001, vincendo il Mondiale FIFA l’anno seguente. In cinque anni di gestione del Portogallo ha raggiunto la finale a UEFA EURO 2004™, la semifinale al Mondiale FIFA 2006 e i quarti di finale a UEFA EURO 2008™, e adesso si prepara alla prima esperienza in UEFA Champions League e al campionato inglese.

'Nuova sfida'
"È una sfida nuova e difficile per me. Il Chlesea mi ha dato un’occasione senza precedenti nella mia vita. Conosco bene il calcio inglese e posso contare su uno staff competente che mi ha fornito tutto quello di cui necessitavo. Adesso sono pronto per la mia avventura al Chelsea e in Inghilterra”.

Differenze
Scolari non teme il ritorno sulla panchina di club dopo sette anni alla guida di una nazionale. "Non penso sia un problema. In nazionale si lavora con  giocatori tre giorni al mese, con il club tutti i giorni: e si capisce subito se un giocatore è maturato, si impegna e migliora”.

Pressione
Scolari non sembra avvertire la pressione di dover vincere subito dei trofei nel club di Roman Abramovich, dove ritroverà i nazionali portoghesi Deco e Bosingwa, neo acquisti, oltre a Paulo Ferreira e Ricardo Carvalho. "È stato più difficile quando ho assunto la guida del Brasile, poiché la squadra versava in una situazione difficile; il Chelsea gode invece di buona salute e sono arrivato a inizio stagione. L’unica pressione in questo momento per me è epsrimermi in inglese!”.