UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Vittoria inutile del Genk a Sarajevo

FK Sarajevo-KRC Genk 0-1 (and: 2-1)
Il Sarajevo passa per i gol segnati in trasferta, la vittoria del Genk non è stata sufficiente per qualificarsi.

L'FK Sarajevo ha perso la gara di ritorno del secondo turno di qualificazione di UEFA Champions League, disputata in casa contro il KRC Genk. Ha passato comunque il turno grazie alle due reti messe a segno in trasferta la settimana scorsa in Belgio.

Una grande opportunità
Le reti di Admir Raščić e Veldin Muharemović avevano propiziato una vittoria per 2-1 che aveva messo il Sarajevo nella posizione ideale per divenire la prima squadra della Bosnja-Herzegovina a qualificarsi per il terzo turno dopo che un’analoga impresa era riuscita all’ NK Željezničar nel 2002/03. Nonostante la sconfitta subita a opera del Genk, grazie a una rete di Tomislav Mikulić, il Sarajevo ha adesso la possibilità di fare ancora meglio dell’NK Željezničar. Se supererà infatti l’FC Dynamo Kiev si qualificherà per la fase a gruppi della UEFA Champions League.

Pressione sui belgi
Il Genk, che doveva andare a segno due volte, ha iniziato molto bene e il portiere della squadra di casa Muhamed Alaim è stato subito impegnato da Balázs Tóth. Per i padroni di casa Marko Maksimović ha sfiorato il primo palo con un suo tiro. Gli ospiti hanno continuato a premere anche nel secondo tempo e al 58’ sono andati in rete con un colpo di testa di Mikulić su calcio di punizione di Alexandre Afonso Da Silva. I belgi non sono però stati in grado di realizzare la seconda rete che avrebbe garantito loro la qualificazione. Un tiro di Elyaniv Barda è stato parato da Alaim. Il Sarajevo è riuscito a resistere e ora lo attende una gara con i campioni d’Ucraina.