La perfezione di Spalletti

Il tecnico della Roma definisce "perfetta" la prestazione dei giallorossi in casa del Lione.

Con una grande prestazione allo Stade de Gerland, l’AS Roma ha sconfitto 2-0 l’Olympique Lyonnais (i francesi non perdevano in casa in Europa dal 2002) e si è qualificata con pieno merito per i quarti di finale di UEFA Champions League. Il tecnico Luciano Spalletti, giustamente soddisfatto per il traguardo raggiunto all’esordio nella manifestazione europea più importante per club, ha sottolineato che la prestazione dei suoi giocatori è stata "perfetta".

Luciano Spalletti, allenatore AS Roma
La squadra è stata perfetta, ha fatto molto bene stando attenta sin dall’inizio e realizzando due gol bellissimi. Poi è stata altrettanto perfetta nel non cadere nelle provocazioni e nelle reazioni. E’ una vittoria importante per i nostri tifosi che ci seguono ovunque con grande affetto, anche per me è stata importantissima perché è la prima volta che gioco la UEFA Champions League. Il successo è meritato. Loro hanno messo tanta forza e tanto agonismo, anche se qualche intervento si poteva evitare. Se in quattordici partite la squadra perde una volta, vuol dire che questi ragazzi stanno facendo sin dall’inizio quello che dovevano fare e forse di più. La Roma si è presentata a questo appuntamento in condizioni perfette e non accetto che si dica che eravamo in crisi per qualche pareggio di troppo. Cassetti è stato bravo oltre che nella partita a farsi trovare pronto dopo che gli avevo detto che se fosse stato bene nel riscaldamento avrebbe giocato Panucci, gli va dato merito per l’atteggiamento che ha avuto.  Noi mina vagante della Champions League? Ci può stare tutto, nel calcio non si sa mai anche se adesso ci sono le migliori otto d’Europa.

Gérard Houllier, allenatore del Lyon
La Roma ha meritato di vincere stasera. Abbiamo commesso due errori in difesa e loro li hanno sfruttati al meglio. Il secondo gol ha segnato la fine per noi: già sotto di uno era difficile, ma di due è diventato impossibile. Non siamo stati bravi in fase offensiva, mentre la Roma si è difesa bene ed era molto veloce in attacco. Sono uno sportivo e ammette che hanno meritato. La Roma è una squadra brillante e non ho rimpianti.

Francesco Totti, attaccante AS Roma
Una serata indimenticabile, venire in Francia e battere il Lione è una soddisfazione doppia. E’ normale quando si commettono piccoli passi falsi – come contro Chievo e Ascoli – che un po’ di concentrazione manchi, ma oggi abbiamo mostrato di essere competitivi anche a livello internazionale. Abbiamo la convinzione di essere una grande squadra in Europa, di poter mettere in difficoltà chiunque e oggi lo abbiamo dimostrato. Sono contento più della prestazione della squadra che di me stesso, è normale che quando la Roma offre un grande calcio anche io mi esprimo ai massimi livelli. Questa è la prima volta che arrivo ai quarti di finale, penso che essere tra le prime otto d’Europa è una soddisfazione bellissima: se dovessi scegliere mi piacerebbe affrontare il Milan. Spero che passi, così ci sarebbe un’altra italiana al prossimo turno, anche se affrontarla ad Atene sarebbe certamente più bello. Il gol in trasferta in Champions che ricordo con più piacere è quello realizzato a Madrid, quando abbiamo vinto 1-0 al Bernabeu e le squadre italiane non ci riuscivano da molto tempo. Giocando con continuità in queste condizioni possiamo credere all’obiettivo della finale, ma è ancora lontano e ora godiamoci questa vittoria. Spalletti ha una grande importanza, ha messo in campo una grande squadra che sa attaccare e difendere e ha voglia di essere un gruppo unito.

Mancini, centrocampista Roma
Un bel gol, in cui c’è stata tecnica, samba e forza. L’ho realizzato in una partita difficile e importante. Sono contento di aver aiutato la Roma a vincere, abbiamo fatto molto bene, siamo stati quasi perfetti. Dobbiamo continuare su questa strada. Gli stimoli li abbiamo trovati grazie anche alle tante critiche sul nostro rendimento in campionato, oggi abbiamo trovato tanta forza e abbiamo giocato come sappiamo. Faccio gli auguri e i complimenti a tutti quanti i miei compagni. Speriamo di essere la mina vagante in Champions, ma sappiamo che è difficile. Personalmente non mi piace scegliere gli avversari, sappiamo che sono tutti difficili in questa fase perché arrivarci non è facile: l’importante è ritrovare la serenità. Speriamo di mantenere questo ritmo di gioco, è una risposta alle critiche perché può succedere di non giocare bene.

David Pizarro, centrocampista Roma
Siamo contenti, per quello che abbiamo vissuto stasera. La Roma ha dimostrato quanto vale a livello europeo, siamo contenti di essere tra le migliori otto d’Europa. Non ho nessuna preferenza per i prossimi avversari, dobbiamo giocare partita per partita. La mia ammonizione? Sul momento non ci ho pensato, quando mi vogliono prendere in giro non ci sto. L’importante è esserci nel ritorno dei quarti. Io a Roma sono contento, ho trovato una società che mi ha aperto le porte: ma mi dispiace che l’Inter sia uscita, è pur sempre una squadra italiana.

Marco Cassetti, difensore AS Roma
Quando siamo scesi dal pullman a Panucci la febbre è risalita, il mister mi ha detto di prepararmi bene e alla fine ho giocato. Prendiamoci i meriti di questa vittoria, abbiamo rischiato davvero pochissimo perché Doni ha fatto parate su tiri da lontano che si possono concedere a giocatori come quelli del Lione. Malouda è un giocatore di caratura internazionale, difficile da affrontare: ho cercato di restare concentrato per tutti i 90 minuti e sono contento di esserci riuscito. Non so se loro hanno giocato al di sotto del loro standard, noi abbiamo fatto la nostra partita e abbiamo meritato di vincere. Negli spogliatoi qualche coro è partito, sicuramente è una vittoria importante.

Simone Perrotta, centrocampista AS Roma
Sapevamo che per uscire indenni da questo stadio dovevamo fare una partita del genere, ci siamo riusciti: siamo contenti e molto soddisfatti. Al di là delle polemiche, credo che l’abbiamo preparata come sempre e siamo sempre stati consapevoli di poter vincere. Una vittoria dedicata sicuramente a tutti i tifosi romanisti, che ci sono sempre vicino. Non ho preferenze dall’urna, va bene tutto.