1997/98: Real al settimo cielo

1997/98: Real al settimo cielo
1997/98: Real al settimo cielo ©Bongarts

Real Madrid CF - Juventus FC 1-0
(Mijatović 66')
Amsterdam ArenA, Amsterdam

Molti club sarebbero contenti di aver vinto una Coppa dei Campioni, ma non il Real Madrid CF. Sei volte campioni, l'ultima volta nel 1966, le merengues non riescono a conquistare il settimo titolo per troppi anni. Le cose, tuttavia, cambiano nell'edizione 1997/98 per la gioia dei tradizionalisti.

L'entusiasmo suscitato dalla vittoria del Real non nasce dall'attaccamento a qualche vetusta tradizione, ma perché i madridisti erano campioni in patria nella stagione in cui la UEFA Champions League si è aperta anche alle seconde classificate dei principali campionati europei. Questa innovazione è parte di una strategia per estendere la partecipazione al torneo che prevede due turni preliminari per scendere da 48 a 16 club da iscrivere a sei gironi da quatro squadre. Alla fase a gironi sono ammesse direttamente le otto teste di serie.

Solo una delle "perdenti fortunate" riesce a superare la fase a gironi ed a qualificarsi per i quarti di finale: il Bayer 04 Leverkusen. I tedeschi vengono però eliminati proprio dal Real che nel frattempo si è disfatto di Rosenborg BK, Olympiakos Piraeus FC e FC Porto nel Gruppo D. Gli uomini di Jupp Heynckes non hanno difficoltà contro il Leverkusen nei quarti ed il BV Borussia Dortmund in semifinale. I tedeschi, campioni uscenti, si rivelano meno pericolosi dei tifosi del Santiago Bernabéu che ritardano l'andata di 45 minuti dopo aver sfondato le barriere alle spalle di una delle porte.

Una volta iniziata la gara, Fernando Morientes e Christian Karembeu consentono agli spagnoli di vincere 2-0 mentre la gara di Dortmund si conclude sullo 0-0. Nell'altra semifinale si affrontano Juventus FC e AS Monaco FC - impostesi rispettivamente su FC Dynamo Kyiv e Manchester United FC nei quarti - e la sfida non ha storia. I bianconeri conquistano la finale di Amsterdam con un 6-4 complessivo. In finale le cose non sono così facili per la Juve. Il gol decisivo per il Real viene segnato da Pedrag Mijatovic nel secondo tempo ed il Real conquista così la "Séptima".