Valencia - Atalanta: storia della partita

Il Valencia dovrà tentare un'impresa epica al Mestalla se vorrà rimontare il 4-1 che gli ha inflitto l'Atalanta nella gara d'andata.

Il Valencia dovrà tentare un'impresa epica al Mestalla se vorrà rimontare lo svantaggio che gli ha inflitto l'Atalanta vincendo con uno scarto di tre gol nella gara d'andata.

• All'esordio in UEFA Champions League, l'Atalanta ha giocato una partita straordinaria dal punto di vista offensivo vincendo 4-1 l'andata a San Siro. Hans Hateboer ha segnato una doppietta ma sono andati in gol anche Josip Iličić e Remo Freuler; entrato dalla panchina, Denis Cheryshev ha segnato a metà del secondo tempo la rete della bandiera.

• In UEFA Champions League quattro squadre sono riuscite a rimontare la sconfitta dell'andata con tre o più gol di margine nella gara di ritorno; l'ultima a esserci riuscita è stata la squadra campione in carica del Liverpool che nella semifinale della passata stagione ha vinto 4-0 in casa dopo aver perso 3-0 in trasferta col Barcellona. Deportivo La Coruña (contro AC Milan, 2003/04 quarti di finale, 4-0 c) e Roma (contro Barcellona, 2017/18 quarti di finale, 3-0 c) hanno passato il turno dopo aver perso 4-1 in trasferta nell'andata. Il Barcellona si è invece qualificato dopo aver perso 4-0 l'andata a Parigi col PSG negli ottavi 2016/17, vincendo poi il ritorno per 6-1.

Stato di forma

Valencia
• Il Valencia è arrivato primo a pari merito con il Chelsea nel Gruppo H con 11 punti, vincendo il girone grazie ai migliori risultati negli scontri diretti (1-0 t, 2-2 c). In casa ha totalizzato appena quattro punti, perdendo con l'Ajax nella seconda giornata - unica sconfitta del girone - e vincendo in rimonta contro i francesi del LOSC Lille prima del pari col Chelsea.

• Quarto classificato in Liga nel 2018/19, il Valencia è alla dodicesima partecipazione in UEFA Champions League ed è stato finalista nel 1999/2000 e nel 2000/01, ma non arrivava agli ottavi dal 2012/13.

• La scorsa stagione, il Valencia è arrivato terzo nel girone dietro Juventus e Manchester United, passando in UEFA Europa League. Quindi, ha superato Celtic (3-0 complessivo), Krasnodar (3-2) e Villarreal (5-1) ed è arrivato in semifinale, perdendo contro l'Arsenal (3-1 t, 4-2 c).

• Il Valencia in Europa aveva vinto cinque partite consecutive in casa prima della sconfitta con l'Arsenal nella passata stagione. Gli spagnoli hanno vinto 13 delle ultime 19 gare europee al Mestalla, perdendone cinque. Il pareggio col Chelsea nell'ultima partita interna è stato il primo interno in Europa dal ritorno contro la Dynamo Kyiv dei sedicesimi di UEFA Europa League 2013/14 terminato sullo 0-0.

• Il bilancio del Valencia nelle sfide a eliminazione diretta contro le squadre italiane è di due qualificazioni e quattro eliminazioni. Gli spagnoli hanno vinto la più recente, superando l'Inter ai gol in trasferta agli ottavi di UEFA Champions League 2006/07 (2-2 t, 0-0 c).

• La squadra spagnola ha perso in casa (0-2) e in trasferta (0-1) contro la Juventus nel 2018/19, e la sconfitta dell'andata con l'Atalanta ha portato a sei le partite senza vittorie contro le italiane in UEFA Champions League (P2 S4) dopo il 2-1 interno sulla Roma a settembre 2006. Con la sconfitta della passata stagione contro la Juve, il Valencia ha vinto appena tre delle ultime otto gare interne contro club italiani (P1 S4).

• Il Valencia partecipa per la quarta volta agli ottavi di UEFA Champions League (V1 S2). Nell'ultima occasione (2012/13) è stato eliminato dal Paris Saint-Germain (1-2 c, 1-1 t). Quello contro l'Inter nel 2007 è stato l'unico successo a questo turno, anche se con due pareggi: dunque, la squadra non ha mai vinto una partita agli ottavi (P4 S3).

• Nelle 20 doppie sfide UEFA nelle quali ha perso l'andata in trasferta, il Valencia è riuscito a rimontare e qualificarsi in dieci occasioni sebbene abbia perso la più recente contro l'Arsenal nella semifinale di UEFA Europa League della passata stagione (1-3 t, 2-4 c). Gli spagnoli non hanno mai subito un 4-1 nell'andata; l'unica volta che è riuscita a rimontare da una sconfitta dell'andata con un margine superiore di un gol è stato nei quarti di UEFA Europa League 2013/14, quando ha ribaltato lo 0-3 dell'andata in casa del Basel vincendo 5-0 in casa dopo i tempi supplementari.

• Il bilancio del Valencia ai calci di rigore in competizioni UEFA è V2 S2:
5-4 contro Arsenal, finale Coppa delle Coppe 1979/80
4-5 contro Bayern München, finale UEFA Champions League 2000/01
5-4 contro Celtic, terzo turno Coppa UEFA 2001/02
3-4 contro Steaua Bucureşti, sedicesimi Coppa UEFA 2004/05  

Atalanta 
• L'Atalanta ha totalizzato sette punti nella fase a gironi e si è qualificata come seconda nel Gruppo C, a sette lunghezze dal Manchester City e con una di vantaggio sullo Shakhtar Donetsk. I nerazzurri avevano racimolato appena un punto nelle prime quattro partite, subendo anche le loro sconfitte più pesanti in Europa: 4-0 sul campo della Dinamo Zagreb alla prima giornata e 5-1 sul campo del Manchester City nella seconda trasferta del girone.

• L'Atalanta ha conquistato il primo punto con un 1-1 interno contro il City alla quarta giornata. Quindi, ha centrato la prima vittoria nella competizione battendo la Dinamo 2-0 a Milano e suggellato la qualificazione alla sesta giornata con un 3-0 in casa dello Shakhtar.

• Il successo contro la Dinamo ha interrotto una striscia di sei gare senza vittorie in Europa (P3 S3). Con la vittoria in casa dello Shakhtar e quella in casa col Valencia, sono adesso tre le vittorie consecutive in Europa - la prima volta che aveva vinto tre partite di seguito era stato nella fase di qualificazione della scorsa UEFA Europa League.

• Prima della prima giornata, l'Atalanta era imbattuta da sette partite europee. In ogni caso, ha un bilancio di appena quattro sconfitte nelle ultime 21 gare continentali (V10 P7).

• L'Atalanta è alla 43esima partita e alla settima stagione in Europa. Ha raggiunto le semifinali di Coppa delle Coppe nel 1987/88 e i quarti di Coppa UEFA tre anni prima.

• Terza classificata in Serie A nel 2018/19 (miglior piazzamento di sempre) e finalista in Coppa Italia, l'Atalanta è alla terza stagione europea consecutiva. Nel 2017/18 ha superato la fase a gironi di UEFA Europa League ed è uscita contro il Borussia Dortmund ai sedicesimi (2-3 t, 1-1 c), mentre nel 2018/19 è stata battuta 4-3 ai rigori dal Copenhagen nella stessa competizione dopo due 0-0; nei turni precedenti aveva eliminato Sarajevo (10-2 complessivo) e Hapoel Haifa (6-1).

• L'Atalanta ha perso cinque delle prime sei trasferte europee (P1) ma nelle 14 successive ha perso solo quattro volte (V5 P5), e appena tre volte nelle ultime dieci (V4 P3).

• L'Atalanta era l'unica esordiente nella fase a gironi 2019/20 – nonché la 10ª italiana e la 141ª in totale – ed è una delle due debuttanti agli ottavi insieme all'RB Leipzig.

• L'Atalanta non aveva mai affrontato club spagnoli in competizioni UEFA prima dell'andata.

• Il bilancio del club italiano nelle sfide nelle quali ha vinto l'andata in casa in competizioni UEFA è V1 S1. La prima doppia sfida europea si è conclusa con una sconfitta per mano dello Sporting CP nel primo turno di Coppa delle Coppe 1963/64 (2-0 c, 1-3 t, 1-3 replay), poi l'Atalanta ha battuto gli stessi avversari nei quarti della stessa competizione nel 1987/88 (2-0 c, 1-1 t).

• L'Atalanta non è mai arrivata ai calci di rigore in competizioni UEFA. 

Curiosità e incroci
• Ha giocato in Spagna:
Luis Muriel (Granada 2010–11, Sevilla 2017–18)

• Hanno giocato in Italia:
Cristiano Piccini (Fiorentina 2010–15, Carrarese 2011/12 (prestito), Spezia 2012/13 (prestito), Livorno 2013/14 (prestito))
Geoffrey Kondogbia (Inter 2015–17)
Alessandro Florenzi (Roma 2002-20, Crotone 2011-12 in prestito)

• I precedenti di Florenzi contro l'Atalanta con la maglia della Roma sono V3 P5 S3. Ha segnato nel pareggio per 3-3 del 27 agosto 2018.

• La prima gara di Kondogbia nell'Inter si è conclusa con una vittoria casalinga per 1-0 contro l'Atalanta (23 agosto 2015).

• Compagni di nazionale: 
Jasper Cillessen e Marten de Roon, Hans Hateboer (Olanda)
Alessandro Florenzi e Mattia Caldara, Pierluigi Gollini (Italia)

Le ultime

Valencia
• Modifiche alle rose di UEFA Champions League
Entrate: Alessandro Florenzi (Roma, prestito), Javier Jiménez, Cristiano Piccini
Uscite: Ezequiel Garay, Koba Koindredi, Yunus Musah

• Eliaquim Mangala nella gara d'andata ha disputato la sua 50esima partita in competizioni UEFA.

• Il Valencia, che ha pareggiato 1-1 contro l'Alavés venerdì, ha vinto appena cinque delle ultime 15 partite in tutte le competizioni (P4 S6). La vittoria interna del 29 febbraio per 2-1 sul Real Betis è l'unica nelle ultime sette partite (P2 S4).

• Dani Parejo, andatoa segno anche contro l'Alavés, ha firmato il gol-vittoria contro il Betis.

• Solo una volta in questa stagione il Valencia ha vinto una gara con tre gol di margine: 4-1 sul LOSC Lille alla quarta giornata di UEFA Champions League; questa inoltre è l’unica vittoria con tre o più gol di margine nelle ultime 42 partite.*

• Mangala è fuori per un infortunio al bicipite femorale dalla sconfitta del 22 febbraio per 3-0 in casa del Real Sociedad.

• Il portiere Jasper Cillessen è tornato in campo il 29 febbraio nella vittoria contro il Betis ma aveva giocato la sua ultima partita il 7 dicembre.

• Maxi Gómez è stato fuori per un infortunio al piede nella partita col Betis e in occasione del pareggio contro l'Alavés.

• Rodrigo Moreno è entrato dalla panchina venerdì, per la prima volta dall'infortunio subito al ginocchio l’8 febbraio.

• L’ultima presenza in campo di Manu Vallejo (piede) risale al 21 dicembre.

• Cristiano Piccini (ginocchio) è fuori dal 24 agosto.

• Ezequiel Garay si è infortunato ai legamenti del ginocchio destro il 1° febbraio nella vittoria interna per 1-0 contro il Celta Vigo e difficilmente rientrerà prima della fine della stagione. Pertanto è stato rimosso dalla lista di UEFA Champions League.

Atalanta
• Modifiche alla rosa di UEFA Champions League
Entrate: Mattia Caldara (AC Milan, prestito), Lennart-Marten Czyborra (Heracles Almelo), Adrien Tameze (Nice, prestito)
Uscite: Andrea Masiello (Genoa), Guilherme Arana (fine prestito), Roger Ibañez (Roma, prestito), Simon Kjær (fine prestito), Nicolò Cambiaghi, Roberto Piccoli, Diallo Amad Traoré, Musa Barrow (Bologna, prestito)

• L’Atalanta ha vinto le ultime quattro partite in tutte le competizioni, la più recente il 1° marzo per 7-2 in casa del Lecce.

• Nelle ultime sei partite l’Atalanta ha segnato 24 gol.

• L’Atalanta ha segnato quattro o più gol in cinque delle ultime 11 partite. I ragazzi di Gian Piero Gasperini hanno vinto due volte consecutive per 5-0, prima con l’AC Milan e poi col Parma, e il 25 gennaio il club ha stabilito un nuovo record battendo in trasferta 7-0 il Torino in quella che è stata la vittoria più larga di sempre in Serie A per i bergamaschi.

• Duván Zapata ha realizzato una tripletta in casa del Lecce. Con le reti contro Torino e Fiorentina (2-1), adesso per lui sono 11 i gol in 15 partite stagionali di campionato.

• Josip Iličić, in gol anche lui contro il Lecce, è arrivato a 12 gol nelle ultime 11 partite, compresa la tripletta in casa del Torino.

• Entrato a partita in corso, anche Luis Muriel è andato in gol nella trasferta col Lecce; le sue ultime quattro reti sono arrivate tutte quando è entrato a partita in corso.

• La vittoria in casa del Lecce è stata la terza con sette gol in questa stagione di Serie A, dopo le vittorie contro Udinese (7-1 il 27 ottobre) e Torino.

• L’Atalanta in questa stagione ha il miglior attacco della Serie A con 70 gol il 25 partite, dieci più della Lazio.

• L’Atalanta è andata in gol nelle ultime 17 partite in tutte le competizioni dallo 0-0 in casa della Sampdoria del 10 novembre, segnando 50 gol.

• Robin Gosens ha già segnato sette gol in questo campionato, quattro in più del suo precedente record in un solo campionato.

• Alejandro Gómez in questa stagione ha confezionato dieci assist in campionato e per la quarta stagione consecutiva è arrivato in doppia cifra in questa speciale classifica.

• Il centrale Rafael Tolói ha saltato la trasferta col Lecce per un infortunio alla coscia.

Premio ufficiale Man of the Match in UEFA Champions League
Dopo ogni gara della fase a eliminazione diretta di UEFA Champions League, la UEFA consegnerà il premio ufficiale Man of the Match per dare un riconoscimento ai migliori giocatori del torneo. In ogni partita di UEFA Champions League dagli ottavi in avanti, gli osservatori tecnici UEFA decideranno il vincitore del premio Man of the Match, che verrà consegnato al termine della gara dopo aver valutato qualità come: partecipazione ai momenti decisivi, maturità tattica, creatività, ispirazione, gesti tecnici e fair play.

In alto