Il Veneto ricorda il trionfo del '99

Michele De Toni, autore del gol che ha regalato al Veneto la Coppa delle Regioni UEFA nel 1999, rivive un momento magico e si augura che il torneo possa essere avvincente come 14 anni fa.

I giocatori del Veneto e del Madrid prima della finale del 1999
©UEFA.com

Sono passati 14 anni da quando il Veneto ha vinto la prima Coppa delle Regioni UEFA, ma per Michele De Toni, autore del 3-2 ai supplementari in finale contro il Madrid, sembra ieri.

"È il ricordo più bello della mia carriera sportiva - commenta a UEFA.com -. È stata una partita difficile, ma a pochi secondi dalla fine dei supplementari abbiamo tentato l'assalto finale. La palla mi è arrivata sul sinistro, che non è il mio piede, ma sono riuscito a segnare. Quando mi sono girato, tutto lo stadio era in piedi e i compagni correvano verso di me dalla panchina. È stato incredibile e ho pianto di gioia".

Emozioni simili sono l'essenza della Coppa delle Regioni UEFA, che premia l'eccellenza nel calcio dilettantistico. Il torneo si disputa nuovamente in Veneto e Roberto Padrin, un altro membro della generazione del '99, sa bene quanto sia coinvolgente e importante.

"È il calcio nella sua forma più pura, e i rapporti tra le persone sono molto più importanti del risultato - commenta Padrin, attuale sindaco di Longarone -. Il calcio è una scuola di vita, specialmente per i più giovani, e può essere un veicolo utile per la crescita personale".

"L'atmosfera era fantastica - aggiunge Loris Bodo, allora sulla panchina del Veneto -. La competizione iniziava con il calcio d'inizio e finiva al triplice fischio: il resto erano belle conversazioni, scambi culturali e anche scambi personali, come 'Io ti do la mia maglia, tu mi dai gli scarpini'. Questi rapporti sono il cuore del torneo".

La Coppa delle Regioni UEFA si riaffaccia nella terra che ha dato i natali a campioni come Roberto Baggio e Alessandro Del Piero. Padrin è convinto che la sua regione metterà in mostra ancora una volta tanta passione e bravura.

"La base del calcio professionistico è questo calcio - conclude -. Spero che la Coppa del Regioni sia il palco ideale per tutti i giovani che lavorano sodo tutti i giorni per inseguire il loro sogno".

In alto