UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Italia, pari amaro: Montolivo va ko

Italia-Repubblica d'Irlanda 0-0
Gli Azzurri non vanno oltre lo 0-0 nella sfida del Craven Cottage contro l’Irlanda: prova non esaltante della nazionale di Prandelli, che perde anche il centrocampista per un brutto infortunio.

Italia, pari amaro: Montolivo va ko
Italia, pari amaro: Montolivo va ko ©AFP/Getty Images

Non brilla per fortuna l’Italia nell'amichevole di preparazione alla Coppa del Mondo FIFA contro la Repubblica d’Irlanda. Gli Azzurri, anche a causa dei carichi di lavoro delle ultime settimane, non vanno oltre lo 0-0 a Londra e soprattutto perdono anche Riccardo Montolivo, uscito dopo pochi minuti dal campo per una sospetta frattura della tibia. Arriva a sei il numero delle gare consecutive senza vittoria per i ragazzi di Cesare Prandelli.

Nell’ultimo test prima delle scelte sui 23 da portare in Brasile, il Ct Prandelli cercava le ultime indicazioni prima di sciogliere i dubbi sul gruppo che difenderà i colori Azzurri nella Coppa del Mondo FIFA. Molto positiva la prova di Matteo Darmian, ma di certo è l’infortunio di Montolivo a tenere banco tra i pensieri dell’allenatore azzurro, che da una squadra non certo brillante ha ricevuto buone risposte soprattutto dal centrocampo tutto talento guidato da Marco Verratti.

L’Italia torna al rombo a centrocampo, con Ciro Immobile all’esordio dal primo minuto, a far coppia con Giuseppe Rossi in avanti. Il nuovo tecnico irlandese Martin O’Neill punta su una folta linea mediana, in appoggio all’unica punta Shane Long.

L’Italia parte subito forte e dopo l’occasione fallita da Immobile, all'esordio da titolare, è Claudio Marchisio a sfiorare il vantaggio dopo 6’ con un bel destro da fuori area sul quale vola David Forde. Dopo due minuti, però, succede proprio quello che Prandelli voleva evitare: Alex Pearce interviene su Montolivo, nell’occasione capitano degli Azzurri, il centrocampista dell’AC Milan si accascia a terra ed è costretto a uscire in barella.

La gara vive un periodo di stanca, fino al 21’ quando Anthony Pilkington su punizione trova la buonissima risposta di Salvatore Sirigu. I ragazzi italiani sembrano ancora scossi dall’infortunio al proprio capitano e rischiano ancora di capitolare sul bel tiro di David Meyler, alzato sopra la traversa dall’estremo difensore azzurro.

Al 34’ sono ancora pericolosi gli uomini di O’Neil, con Aiden McGeady che salta Gabriel Paletta sulla sinistra e crossa in area, ancora una volta è bravo Sirigu a opporsi al colpo di testa a botta sicura di Shane Long. Nel finale l’ultimo sussulto è di Immobile, che riceve in profondità da Verratti ma dopo aver agganciato bene in area, fallisce l’impatto con la sfera.

Nella ripresa gli Azzurri confermano di subire i carichi di lavoro dell’ultima settimana e devono ancora ringraziare Sirigu, che salva benissimo sul diagonale di Long lanciato nell’area italiana. Gli uomini di Prandelli lasciano grandi spazi, ma gli irlandesi sono imprecisi in contropiede e al 55’ è Immobile a realizzare da pochi passi: la rete del capocannoniere della Serie A però viene annullata per fuorigioco.

Nell’Italia entra Antonio Cassano, che non vestiva l’azzurro da quasi due anni: proprio sul cross del numero 10 è Leonardo Bonucci a sfiorare il gol di testa. L’ingresso di “Fantantonio” rivitalizza l’attacco italiano ed è ancora il Barese a servire Marchisio in area al 65’, ma il sinistro rasoterra dello juventino è centrale e viene controllato dal portiere irlandese.

La squadra di Prandelli cresce e al 75’ è Marco Parolo a sfiorare il primo gol azzurro con un destro che sfiora il primo palo. Gli uomini di O’Neil hanno la migliore occasione della gara all’80’, con il neo-entrato Stephen Quinn che da sul suo sinistro a botta sicura da dentro l’area piccola, vede il suo tiro ribattuto dalla traversa. Al Craven Cottage finisce 0-0.