UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Patrick Vieira e Morten Thorsby invitano ad agire contro il razzismo e il cambiamento climatico allo UEFA Respect Forum

Thorsby: “I calciatori hanno 100 volte l'influenza dei politici e degli scienziati". Vieira: "Molti giocatori vogliono avere un impatto positivo sul mondo".

Patrick Vieira e Morten Thorsby hanno partecipato allo UEFA Respect Forum 2023 a Francoforte.
Patrick Vieira e Morten Thorsby hanno partecipato allo UEFA Respect Forum 2023 a Francoforte. Yuliia Perekopaiko/DFB

L'ex nazionale francese Patrick Vieira e il centrocampista Morten Thorsby dell'Union Berlin hanno invitato tutti i calciatori che giocano in Europa a usare la loro influenza per sensibilizzare e agire su questioni sociali e ambientali.

Al primo UEFA Respect Forum a Francoforte, sia Vieira che Thorsby hanno evidenziato che gli sportivi iniziano a cambiare mentalità fuori dal campo.

Thorsby, nazionale norvegese, ha affermato che i suoi colleghi hanno il dovere di parlare apertamente delle cause a cui tengono, osservando che hanno "100 volte l'influenza di politici e scienziati". Tuttavia, ha osservato che spesso la società si aspetta che si concentrino solo sul calcio.

We Play Green

Thorsby ha fondato We Play Green, organizzazione che facilita la comunicazione e l'azione tra i calciatori su questioni climatiche e ambientali, per superare le barriere in merito di sensibilizzazione, ispirazione e informazione.

“I giocatori si preoccupano e vedono che questo è un grosso problema, ma non sanno bene cosa fare. È questa la chiave: far capire loro che hanno davvero un ruolo da svolgere", ha detto Thorsby.

Morten Thorsby allo UEFA Respect Forum del 2023 a Francoforte.
Morten Thorsby allo UEFA Respect Forum del 2023 a Francoforte.Yuliia Perekopaiko/DFB

Cambio di mentalità

Vieira, leggenda dell'Arsenal e vincitore di UEFA EURO 2000 con la Francia, ha evidenziato un cambiamento di mentalità dalla sua generazione a quella attuale, con un gran numero di giocatori che vogliono avere un impatto positivo sul mondo.

Tuttavia, Viera ha avvertito che la lotta alla discriminazione e al razzismo nel calcio richiede anche il sostegno di istituzioni, club e federazioni, per garantire che i responsabili di tali comportamenti subiscano le dovute conseguenze.

“Non possiamo aspettarci che pochi giocatori combattano la discriminazione da soli, hanno bisogno di sostegno", ha detto. “Quando ero più giovane, sono stato ispirato molto da alcuni calciatori, che mi hanno aperto gli occhi e mi hanno fatto capire che, essendo un giocatore di colore, dovevo mostrare fratellanza. Per me oggi è importante aprire gli occhi alla prossima generazione e costruire gli strumenti che ci permetteranno di cambiare la mentalità delle persone”.

Fondamentale l'educazione

Patrick Vieira allo UEFA Respect Forum 2023 a Francoforte.
Patrick Vieira allo UEFA Respect Forum 2023 a Francoforte.Yuliia Perekopaiko/DFB

Sia Vieira che Thorsby hanno parlato dell'educazione come strumento cruciale per affrontare la discriminazione razziale e affrontare questioni ambientali come il cambiamento climatico, soprattutto coinvolgendo i tifosi.

Vieira ha dichiarato:

“Per i club è importante instaurare rapporti più stretti con i tifosi, per far capire loro che c'è un modo di comportarsi allo stadio. Se non rispetti queste regole ci saranno conseguenze”.

Thorsby ha aggiunto:

“Sarebbe utile che tutti i giocatori fossero coinvolti, perché i tifosi li ascolterebbero. È su questo che mi sto concentrando”.

“Serve pressione da tutte le parti. Se riusciamo a coinvolgere anche i giocatori, creeremo una forza che cambierà le cose”.

Informazioni sul Respect Forum

Scelti per te