Due gol al Chelsea, il Man Utd riapre la Premier

Nel turno di Pasqua, José Mourinho festeggia la prima vittoria stagionale su Antonio Conte, con i Blues che vedono ridotto a quattro punti il vantaggio sul Tottenham: Rashford ed Herrera firmano il 2-0 dei Red Devils.

Marcus Rashford del Manchester United festeggia il primo gol: i Red Devils hanno sconfitto 2-0 il Chelsea nel giorno di Pasqua
Marcus Rashford del Manchester United festeggia il primo gol: i Red Devils hanno sconfitto 2-0 il Chelsea nel giorno di Pasqua ©Getty Images

Manchester United-Chelsea 2-0 (Rashford 7’, Ander Herrera 49’)
Si riapre la corsa al titolo in Premier League. Nel giorno di Pasqua, il Chelsea cade sul campo del Manchester United e vede assottigliarsi a quattro punti il suo vantaggio sul Tottenham Hotspur. A Old Trafford i gol, uno per tempo, di Marcus Rashford e Ander Herrera firmano il 2-0 dei Red Devils di José Mourinho, che festeggia così il primo successo stagionale su Antonio Conte dopo le sconfitte - senza segnare - in campionato e in FA Cup.

La partita del Chelsea, che schiera Asmir Begović in porta al posto dell’infortunato Thibaut Courtois e perde nel riscaldamento Marcos Alonso, inizia subito in salita. Sono trascorsi appena sette minuti quando Herrera recupera, forse con la mano, un pallone a centrocampo e trova una grande verticalizzazione per Rashford: il giovane attaccante della nazionale inglese taglia fuori David Luiz e batte in diagonale Begović, festeggiando il quinto gol in campionato.

La squadra di Conte accusa il colpo ed è incapace di pungere in fase offensiva, dove la difesa dei Red Devils ha quasi sempre la maglio su Diego Costa. Rashford invece è scatenato e un suo tiro-cross costringe all’intervento a mano aperta il portiere dei Blues, mentre poco prima dell’intervallo Gary Cahill, con un colpo di testa, rischia l’autogol e mette i brividi alla retroguardia della capolista.

Anche il secondo tempo inizia come peggio non potrebbe per il Chelsea. Ashley Young recupera sulla sinistra un pallone, lo stesso finisce a Herrera al limite che calcia e batte Begović con la decisiva complicità del tocco di Kurt Zouma: per il centrocampista spagnolo è il primo gol in questa edizione della Premier League.

Conte decide di cambiare e inserisce prima Cesc Fàbregas al posto di Victor Moses, poi Willian in luogo di Nemanja Matić; ma è ancora la squadra di Mou a premere, con un bolide sempre di Rashford che trova solo l’esterno della rete. Lo Special One, grande ex, regala poi qualche minuto a Zlatan Ibrahimović, partito precauzionalmente dalla panchina in considerazione del ritorno dei quarti di UEFA Europa League, giovedì, contro l’Anderlecht.

Ma il risultato finale non cambia più, malgrado i quattro minuti di recupero concessi dall’arbitro. Il Manchester United di Mourinho vince 2-0 - il 22esimo risultato utile consecutivo - e resta in corsa per le “Top 4”, dopo aver già vinto due trofei (Community Shield e Coppa di Lega) in stagione. Il Chelsea di Conte incassa il quinto ko in campionato, il secondo nelle ultime quattro partite: sabato prossimo sfiderà il Tottenham, suo rivale per il titolo, nella prima semifinale di FA Cup.

Le parole di Conte
“Hanno meritato di vincere perché hanno mostrato più voglia di noi e hanno avuto più motivazioni”, ha detto Conte nel dopo-partita, “Ma in questo caso credo che la colpa sia mia perché non sono riuscito a trasmettere ai giocatori la giusta motivazione per questo tipo di partite”.

“Per giocare questo tipo di partite, da adesso fino alla fine, dobbiamo avere maggiore motivazione e maggiore entusiasmo per puntare e raggiungere il nostro obiettivo [di vincere il titolo]”.  

In alto