Hamšík risponde a Khedira, Napoli-Juve finisce pari

Al San Paolo, i campioni d'Italia colpiscono a freddo con il tedesco, ma sono ripresi dal capitano dei Partenopei: la partitissima termina 1-1. Il Milan non va oltre il pareggio sul campo del Pescara, vince la Fiorentina.

©Getty Images

Torino-Udinese 2-2 (Moretti 70', Belotti 83'; Jankto 49', Perica 68')
Nel giorno della centesima presenza in Serie A di Andrea Belotti, il Torino pareggia 2-2 in rimonta, in casa, contro l'Udinese. Succede tutto nella ripresa. La squadra di Luigi Delneri sblocca il risultato con un gran sinistro da fuori area del centrocampista ceco Jakub Jankto, mentre il raddoppio arriva grazie a un tocco sotto misura dell'attaccante croato Stipe Perica. I Granata di Siniša Mihajlović tornano in partita con il difensore Emiliano Moretti, poi Belotti - che in precedenza aveva colpito due legni - fa centro sul cross di Davide Zappacosta e realizza il gol numero 23 in campionato, come Edin Džeko. 

Chievo Verona-Crotone 1-2 (Pellissier 57'; Ferrari 51', Falcinelli 82')
Il Crotone sbanca il campo del Chievo e lascia al Palermo il penultimo posto in classifica. Al Bentegodi i calabresi passano in vantaggio nella ripresa con Gianmarco Ferrari, ma dopo sei minuti i padroni di casa di Rolando Maran trovano il pareggio con il capitano, "l'eterno" Sergio Pellissier. A otto minuti dalla fine, però, Diego Falcinelli regala i tre punti alla squadra di Davide Nicola. 

Fiorentina-Bologna 1-0
 (Babacar 51')
La Fiorentina ottiene la terza vittoria consecutiva - sempre con lo stesso risultato, 1-0 - e mantiene le ambizioni di qualificazione alla UEFA Europa League. All'Artemio Franchi, il Bologna si arrende al gol, a inizio ripresa, di Khouma Babacar, che realizza il sesto centro in campionato. 

Genoa-Atalanta 0-5
 (Conti 25', Gómez 32' su rig., 63', 83', Caldara 76')
L'Atalanta ottiene la seconda vittoria di fila e conserva il quinto posto, tenendo a distanza l'Inter in campo nel Monday Night. L'ex Gian Piero Gasperini regala un pomeriggio da incubo al suo più recente passato, il Genoa: a Marassi finisce addirittura 5-0, con la tripletta dello scatenato Alejandro "Papu" Gómez, che raggiunge quota 14 reti in campionato.

Palermo-Cagliari 1-3
 (Gonzalez 26'; Ioniţa 48', 89', Borriello 58')
Il Palermo segna per primo, ma perde in casa contro il Cagliari e manca un'opportunità per tornare in corsa nella lotta salvezza. Giancarlo González illude i Rosanero, ma la doppietta del moldavo Artur Ioniță inframmezzata dal gol di Marco Borriello firmano il blitz dei sardi.

Pescara-Milan 1-1
 (aut. Paletta 12'; Pašalić 41)
Il Milan, a sorpresa, non va oltre l'1-1 sul campo del fanalino di coda Pescara, che torna a far punti dopo quattro sconfitte consecutive. La squadra di Zdeněk Zeman passa in vantaggio con l'incredibile autogol di Gabriel Paletta, con Gianluigi Donnarumma che "liscia" sul retropassaggio del compagno e con il pallone termina lentamente in rete. I Rossoneri di Vincenzo Montella trovano il pareggio allo scadere del primo tempo con il centrocampista croato, in prestito dal Chelsea, Mario Pašalić.

Napoli-Juventus 1-1
 (Hamšík 60'; Khedira 7')
Il Napoli gioca una grande partita e costringe la Juventus al secondo pareggio stagionale. Al San Paolo, la partitissima della 30ª giornata finisce 1-1, risultato che riduce a 6 punti il vantaggio dei campioni d'Italia sulla Roma, mentre i Partenopei accusano ora quattro punti di ritardo dal secondo posto.

Al San Paolo la Juventus colpisce a freddo. Khedira duetta alla grande con Miralem Pjanić, la conclusione del tedesco trova impreparato Rafael Cabral - sostituto dell'indisponibile Pepe Reina - e gela il San Paolo. La squadra di Sarri non ci sta, Hamšík fallisce una grande opportunità dopo l'errore di Giorgio Chiellini, poi Mario Lemina respinge una conclusione di Lorenzo Insigne.

Si fa vedere anche Gianluigi Buffon, che controlla il tentativo di Dries Mertens, poi il portiere della nazionale si salva sul corner di Ivan Strinić. Prima dell'intervallo ci prova ancora Insigne, ma il suo destro è troppo angolato.

Nella ripresa si fa notare Gonzalo Higuaín, fischiatissimo ex match-winner all'andata. Il Pipita scarica per Lemina, che calcia male. Insigne va di nuovo vicino al gol, José Callejón lo trova ma è annullato per fuorigioco dello spagnolo.

Il Napoli insiste al 60' riporta in equilibrio l'incontro. Splendido uno-due tra Hamšík e Mertens, il capitano con un gran tiro a giro non dà scampo a Buffon: 1-1. Mertens colpisce il palo, poi il talento belga ha un'altra doppia occasione che non sfrutta. Finisce in parità, malgrado un'altra chance sempre per Callejón al 90'.

 

In alto