Il sito ufficiale del calcio europeo

Che cosa mangiano i tifosi in Europa?

Pubblicato: sabato, 28 novembre 2015, 10.36CET
Che cosa mangiano i tifosi tra il primo e il secondo tempo? UEFA.com disegna la mappa gastronomica d'Europa e scopre che si divide principalmente su due fronti: semi e salsiccia.
Che cosa mangiano i tifosi in Europa?
Food graphic ©UEFA.com

Approfondimenti UEFA.com

Dichiarazione congiunta di FIFA, AFC, UEFA, Bundesliga, LaLiga, Premier League e Lega Serie A riguardo alle attività di beoutQ in Arabia Saudita
  • Dichiarazione congiunta di FIFA, AFC, UEFA, Bundesliga, LaLiga, Premier League e Lega Serie A riguardo alle attività di beoutQ in Arabia Saudita
  • Distribuzione ricavi competizioni UEFA per club nel 2019/20
  • L'impegno UEFA verso il calcio femminile
  • Moccia e Nicastro invitate alla sfida di Supercoppa UEFA
  • Fase finale UEFA Nations League: la Squadra del Torneo
  • La Squadra della Settimana di Europa League
  • Le grandi rimonte in UEFA Champions League
  • La Squadra della settimana di Europa League
  • Buffon, Ronaldo, Ibra & co.: i cavalieri che non fecero l'impresa
  • La Squadra della Settimana di Europa League
1 di 10
Pubblicato: sabato, 28 novembre 2015, 10.36CET

Che cosa mangiano i tifosi in Europa?

Che cosa mangiano i tifosi tra il primo e il secondo tempo? UEFA.com disegna la mappa gastronomica d'Europa e scopre che si divide principalmente su due fronti: semi e salsiccia.

Con l'aiuto dei corrispondenti nei vari paesi, UEFA.com disegna la mappa gastronomica degli stadi di tutta Europa, con le specialità e gli snack più apprezzati durante la partita e l'intervallo. Se nelle isole britanniche predominano le tradizioni, il resto del continente si divide principalmente su due fronti. 

Albania: Qebab (kebab) o qofte (polpette) e birra.

Andorra: come nella vicina Spagna, lo snack più comune è un sacchettino di "pipas" (semi di girasole).

Armenia: semi di girasole.

Austria: lo spuntino preferito è lo Schnitzelburger (panino con la cotoletta), seguito a poca distanza dalle salsicce al formaggio.

Azerbaigian: semi di girasole e tavolta il simit (panino a ciambella).

Bielorussia: semi di girasole.

Bosnia: uva salata e semi di zucca.

©Getty Images

Patatine e maionese alla belga

Belgio: cucina tipica belga: patatine con maionese e fiumi di birra.

Bulgaria: dominano i semi di girasole, ma nei giorni più freddi sono più apprezzati gli hot dog e le polpette.

Croazia: "Koštice, Kikiriki" (semi, arachidi) è l'urlo degli ambulanti negli stadi croati, come racconta il nostro inviato Elvir Islamović. Meno popolari gli hot dog e i panini con la salsiccia.

Cipro: è molto amato uno snack simile al pretzel (spesso ricoperto di sesamo), insieme alle arachidi, alle koubes (crocchette di manzo o agnello che assomigliano molto al kofte turco) e alle ciambelle, mentre la bevanda preferita è il caffè shakerato.

Repubblica Ceca: birra e salsiccia. Addirittura, le squadre gareggiano a chi prepara la miglior salsiccia klobása. Il nostro corrispondente Ondřej Zlámal racconta: "Questo piatto è così poco sano che, se un giocatore viene sorpreso a mangiarlo, riceve una multa dall'allenatore".

Danimarca: la fa da padrone lo "stadion platte": due salsicce in un rotolo di pane con senape e ketchup, più una birra alla spina. Peter Bruun di UEFA.com testimonia: "In Danimarca, una partita di calcio senza questo menu (di solito consumato nell'intervallo) è quasi inimmaginabile".

©Getty Images

I meat pie allo stadio del Tottenham

Inghilterra: il "beef tea" (brodo ristretto) e il "meat pie" (pasticcio di carne) sono l'accompagnamento più tradizionale al calcio in Inghilterra, anche se nel sudovest prevale la variante denominata "pasty".

Estonia: i semi sono praticamente sconosciuti e le salsicce sono rare. Gli spuntini più comuni sono la zuppa calda (quando fa freddo), il pane all'aglio, gli hot dog e la carne secca.

Isole Faroe: le bevande calde sono un modo per raccogliere fondi durante l'intervallo. Hans Pauli Joensen di UEFA.com spiega: "Spesso, i ragazzi girano sugli spalti a vendere caffè e dolci. I proventi vengono usati dai club per finanziare il calcio giovanile, per esempio le trasferte ai tornei estivi".

Finlandia: decisamente salsicce. Mikael Erävuori di UEFA.com racconta: "Una salsiccia alla griglia con senape (non piccante) è il nostro piatto tipico da stadio, mentre la bevanda più comune è il caffè. La birra viene venduta solo negli stadi più grandi".

Francia: ci sono molte varianti regionali, ma la galette-saucisse (panino alla salsiccia) delle squadre bretoni è considerata la quintessenza del cibo da stadio, oltre che la specialità dello Stade Rennais. Emma Hignant di UEFA.com spiega: "La salsiccia di maiale fritta in un panino di grano saraceno può essere mangiata fredda o calda, ma sempre con le mani. L'accompagnamento perfetto è il sidro di mele locale. La galette-saucisse ha anche la sua associazione (Sauvegarde de la Galette Saucisse Bretonne), mentre i tifosi del Rennes vengono soprannominati 'Galettes-Saucisses' dai rivali del Nantes e cantano una canzone su questo piatto succulento".

ERJ Macedonia: semi di zucca e girasole "in quantità industriali" secondo Emil Gasevski, corrispondente di UEFA.com da Skopje.

Georgia: semi di girasole e arachidi abbrustolite.

©Getty Images

I tifosi del Dortmund e il loro piatto tipico

Germania: ci sono tante varianti regionali, ma la birra e il bratwurst sono l'accoppiata più famosa.

Gibilterra: semi di girasole.

Grecia: Vassiliki Papantonopoulou di UEFA.com spiega: "Di solito, i tifosi mangiano il cosiddetto 'vromiko' (letteralmente, 'la porcheria'). Sembra un hot dog, ma ha più pane, un kebab o un bratwurst, patatine fritte e tanta maionese e senape. È venduto dai camioncini fuori dallo stadio e il nome deriva proprio dalle loro dubbie condizioni igieniche".

Ungheria: "Soprattutto birra e semi di girasole - secondo Matthew Watson-Broughton, corrispondente inglese di UEFA.com a Budapest -, ma anche un grande snack a base di pane, che sembra un gigantesco pretzel e di solito è ricoperto con formaggio fuso".

Islanda: gli hot dog e la soda cominciano a lasciare il passo a pizza e soda. "Potrei anche dire carne di squalo o balena, ma non è così", spiega Stefán Stefánsson di UEFA.com.

Israele: semi di girasole.

©Getty Images

Gli ambulanti a una partita della Juventus

Italia: "Il cibo da stadio più famoso è il panino con la salsiccia o la 'salamella' (come viene chiamata a Milano), spesso con cipolle e salse varie", racconta il nostro corrispondente Paolo Menicucci.

Kazakistan: patatine e torte salate, shish kebab e talvolta semi.

Lettonia: birra, patatine e semi di girasole.

Liechtenstein: birra e salsiccia.

Lituania: birra e pane fritto all'aglio (specialità lituana), seguiti da patatine e semi di girasole.

Lussemburgo: birra e salsiccia, ma si segnala anche qualche brindisi con champagne.

Malta: cappuccino e sandwich.

Moldavia: semi di girasole.

Montenegro: "Semi di girasole, arachidi e birra", secondo Aleksandar Radović di UEFA.com.

Olanda: birra e hamburger.

Irlanda del Nord: Darren Fullerton di UEFA.com segnala: "Le tipiche specialità britanniche e irlandesi, come hamburger, caffè, zuppe di stagione, ecc.".

Norvegia: pane e salsiccia.

Polonia: "La Polonia ama soprattutto le salsicce e gli hot dog, seguiti a distanza dai semi vari", secondo Piotr Kozmiński di UEFA.com.

©Getty Images

Un tifoso del Porto e il suo panino

Portogallo: Pedro Marques, della redazione di UEFA.com di Lisbona, spiega: "I piatti più amati sono le bifanas (panini con fettine di maiale alla griglia, ben condite e a volte piccanti), le entremeadas (panini con ventresca di maiale, eventualmente con maionese e/o senape) e i couratos (panini con cotenna alla griglia)".

Repubblica d'Irlanda: come in Inghilterra torna in auge il beef tea (brodo ristretto), spiega Aidan Fitzmaurice di UEFA.com, che aggiunge: "Nella maggior parte degli stadi vanno forte anche le patatine, mentre la bevanda più amata è la birra: a Dalymount Park, lo stadio dei Bohemians, ci sono tre bar in una sola tribuna".

Romania: semi di girasole o zucca.

Russia: semi di girasole, pistacchi e altre noccioline. Sono in ascesa gli hot dog.

San Marino: predomina la piadina con i suoi mille ingredienti (formaggi, insaccati, verdure).

Scozia: gli intenditori di beef tea e meat pie potrebbero notare qualche differenza rispetto a quelli consumati in Inghilterra.

Serbia: "Semi di zucca e di girasole o frutta glassata (mela, uva, prugne)", secondo Aleksandar Bošković di UEFA.com.

Slovacchia: una nazione "borderline" per quanto riguarda la divisione tra salsicce e semi di girasole che predomina in Europa. "Il cibo più popolare sono i semi di girasole, specialmente a Dunajska Streda, Trnava e Kosice - spiega Rastislav Hribik di UEFA.com -, ma vanno molto anche le salsicce".

Slovenia: hamburger, hot dog e popcorn.

©Getty Images

Un tifoso dell'Atlético e le sue 'pipas'

Spagna: è il paese delle "pipas", ovvero i semi di girasole. Paul Bryan, corrispondente irlandese di UEFA.com a Madrid, racconta: "Avere qualcuno che le mangia a fianco a te può essere molto fastidioso: crack, crack, crack, crack e centinaia di gusci spuntati per terra, ma è una tradizione che non morirà mai". Nell'intervallo è anche comune il "bocadillo" (panino) avvolto nell'alluminio.

Svezia: paese di hot dog, anche se il mazarin (tortino alla mandorla) e il caffè sono le specialità più apprezzate in tribuna stampa.

Svizzera: birra e salsicce.

Turchia: Türker Tozar di UEFA.com racconta: "Il köfte ekmek (variante turca di panino con le polpette) è il preferito in assoluto e di solito viene accompagnato dall'ayran (bevanda a base di yogurt salato)".

Ucraina: semi di girasole.

Galles: tè e meat pie (pasticcio di carne).

©Getty Images

I tifosi del Real Madrid affrontano l'intervallo con un 'bocadillo'

Ultimo aggiornamento: 27/05/18 19.19CET

Informazioni collegate

Profili squadre

https://it.uefa.com/memberassociations/news/newsid=2305500.html#che+cosa+mangiano+tifosi+europa